ROMA. L'ex senatore del Pdl Sergio De Gregorio è indagato dalla Procura di Milano non solo per bancarotta ma anche per corruzione internazionale per un affare immobiliare in Kurdistan poi non andato a buon fine. La vicenda che riguarda presunte mazzette per la costruzione di un casinò e su cui sono sono in corso accertamenti, è emersa dalle intercettazioni dell'inchiesta che ha portato in carcere l'imprenditore Giuliano Gavinelli anche lui accusato di corruzione internazionale come un funzionario governativo del Kurdistan. Da quanto si è saputo l'operazione immobiliare, poi non andata a buon fine anche per via dell' avanzata delle milizie dell'Isis, riguardava un grosso complesso composto da albergo e casinò a Ebril. L'affare aveva coinvolto anche l'imprenditore Ernesto Preatoni che non risulta, al contrario degli altri tre, indagato. De Gregorio, inoltre, è iscritto bel registro degli indagati per millantato credito.