NAPOLI. "Sono completamente contrario alla chiusura anticipata" alle ore 23 dei locali nelle zone della movida, così come stabilito da un'ordinanza della Regione Campania. Lo sostiene il sindaco di Napoli  Luigi de Magistris, intervenuto a "Centocittà" su Radio1, e secondo cui "è sbagliato questo modo di procedere con le ordinanze regionali, sono i sindaci che devono regolamentare le città". Secondo de Magistris, con le limitazioni di orario o con la chiusura di alcune strade "la gente non scompare, ma succede esattamente il contrario. Noi dobbiamo aprire tutto ed è quello che farò io a Napoli, aprirò tutto h24: parchi, strade, metteremo una piattaforma di legno sulle scogliere. Non dobbiamo contingentare gli orari, le persone devono distribuirsi, devono uscire, avere la mascherina, stare attenti e non fare assembramenti, ma devono ricominciare a godersi la natura, la città e a rimettere in moto l'economia. Bisogna tornare a vivere con tutte le precauzioni possibili", ha concluso

"Non è nell'ordine naturale delle cose che io possa sostenere politicamente una candidatura di Vincenzo De Luca, questo è impensabile", ha aggiunto de Magistris. Interpellato sulle elezioni regionali in Campania de Magistris ha risposto: "Io non sto in campagna elettorale - ha aggiunto de Magistris - a differenza di altri che fanno campagna elettorale sui morti, sui pazienti in ospedale e su un Paese in pandemia sociale ed economica. Io mi devo occupare di una città complessa, complicata ma piena di energia, che vuole ripartire. Questo devono fare oggi Governo nazionale, Governo regionale e i sindaci. Purtroppo è cominciata la campagna elettorale, ma io in questo momento faccio il sindaco".