Francesca Barra, candidata al Comune di Napoli con Manfredi  sindaco, nella lista “Napoli Libera”, tra i punti fondamentali del suo programma politico annovera il potenziamento del servizio taxi, che rappresenta una risorsa da utilizzare meglio.
 
 
5 punti in 5 anni e tante piccole cose quotidiane.
Ecco i focus su cui puntare
 
“Serve un nuovo regolamento comunale per il trasporto pubblico non di linea Taxi/NCC.
L’ultimo regolamento approvato e tuttora vigente risale al 2005. Norme obsolete, in alcuni casi inapplicabili, in altri contraddittorie e confusionarie”
La Barra aggiunge:
“È importante la 
 rielaborazione delle tariffe predeterminate, nuovi tariffari, promozione del servizio.
La situazione attuale presenta errori, e difficoltà di consultazioni e interpretazioni. Mancano iniziative per promuovere il servizio taxi”.

C’è poi la questione posteggi
“Manca il censimento delle aree di sosta taxi (posteggi), spostamento di alcuni posteggi per garantire una maggiore visibilità, soppressione di alcuni stalli inutili, aumento dei posti nelle aree sottodimensionate. Serve un vero e proprio censimento dei posteggi taxi, alcuni sono presenti solo sui documenti, altri posizionati male, altri ancora inutili”
 
Si punta poi sulla “Riorganizzazione dell’ufficio di Corso Pubblico del Comune di Napoli, snellimento delle procedure, informatizzazione, flessibilità negli orari di apertura al pubblico.
Attualmente poco personale in servizio, procedure farraginose quasi tutte svolte a mano, apertura al pubblico molto limitata”.
Per la candidata bisogna far leva sul:
 
“Trasporto intermodale con soluzioni di viaggio agile e conveniente, grazie alla combinazione treno (metropolitana), autobus e taxi.
Attualmente manca una reale prospettiva per il settore taxi, assenza di programmi e piani di sviluppo per il comparto”.