WASHINGTON. Hertz, lo storico colosso americano dell'autonoleggio, ha presentato istanza di fallimento a causa delle conseguenze della crisi da Coronavirus. "L'impatto del Covid-19 sulla domanda di viaggi è stato improvviso e drammatico", spiega il gruppo, "determinando un forte calo delle entrate dell'azienda e delle prenotazioni future". Hertz afferma di aver adottato "azioni immediate", ma che "permangono incertezze sul ritorno delle entrate e sulla completata riapertura del mercato, cosa che ha reso necessaria l'azione di oggi". Per adesso la procedura riguarda solo le sue operazioni negli Stati Uniti e Canada.