NAPOLI. Si alzerà il 4 dicembre 2020 il sipario sulla stagione 2020/2021 del Teatro di San Carlo. Il programma - 12 titoli d'opera di cui 7 italiani, 5 di balletto, 17 concerti - è stato presentato dal sovrintendente Stephan Lissner con il sindaco di Napoli e presidente della Fondazione, Luigi de Magistris.

LA STAGIONE ESTIVA. «Nel futuro l'apertura di stagione sarà a novembre. Mentre il 19 settembre, giorno di San Gennaro, penso a un progetto sul Settecento napoletano al teatro di Corte. L'Orchestra e le maestranze del San Carlo avranno sempre la priorità» sottolinea Lissner che ha presentato anche la stagione estiva in piazza Plebiscito sostenuta dalla Regione Campania. E il primo spettacolo, la Tosca di Puccini (23 luglio), sarà riservato al personale medico e infermieristico. Si tratta di tre appuntamenti. «Le opere saranno in versione di concerto - spiega Lissner - Attualmente per gli spettacoli all'aperto il limite consentito è di mille persone. Il palcoscenico è stato progettato in funzione del distanziamento per la sicurezza con la presenza in scena di 200 artisti». Su 1500 mq quadrati di palco distribuiti su sette livelli, con il Palazzo Reale sullo sfondo, prenderanno posto orchestra, coro e voci bianche, in massima sicurezza. Sul podio di Tosca ci sarà il direttore musicale Juraj Valuha, gli interpreti saranno Anna Netrebko (Floria Tosca), Yusif Eyvazov /Cavaradossi), Ludovic Tezier (Scarpia), replica il 26 luglio. Il 28 e il 31 luglio, con una prova generale aperta, ci sarà l'Aida di Verdi, direttore Michele Mariotti, con Anna Pirozzi (Aida), Jonas Kaufmann (Radames) Anita Rachvelishvili (Amberis). Il 30 luglio, ancora con Valcuha sul podio, la Sinfonia n. 9 di Beethoven, con le voci del soprano cilentano Maria Agresta, ormai stella internazionale cosi' come il mezzosoprano Daniela Barcellona, il tenore Antonio Poli, il basso Roberto Tavaglini. Nel progetto “Regione Lirica" anche «una piattaforma ad altissima tecnologia e non solo per lo streaming - ha spiegato Lissner - renderemo il teatro produttore di se stesso per portare gli spettacoli nei cinema, nelle scuole, nei quartieri più difficili ed anche i contenuti educational. La stiamo studiando con l'Università Federico II e Luigi Nicolais e avrà i suoi tempi. È un progetto molto importante per il futuro del San Carlo e la Regione lo sosterrà con fondi europei».

IL PROGRAMMA. Riccardo Muti dirigerà a febbraio 2021 il Don Giovanni di Mozart con la regia della figlia Chiara e tornerà il 9 maggio con i Wiener Philharmoniker. «Una rassegna dei migliori interpreti di oggi, alcuni dei quali per la prima volta calcheranno il palcoscenico del Lirico più antico d'Europa - si legge in una nota del Teatro- Elīna Garanča, Aylin Perez, Javier Camarena, Zeljko Lucic, Aida Garifullina, Lawrence Brownlee, Stephen Costello, Julie Fuchs, Jessica Pratt, George Gagnidze, Xabier Anduaga. Non mancheranno tanti nomi italiani del panorama della lirica internazionale come Anna Pirozzi, Francesco Meli, Carmen Giannattasio, Francesco Demuro, Piero Pretti, Nicola Alaimo, Paolo Bordogna, Giorgio Berrugi, Gabriele Viviani, Marianna Pizzolato».

Ampio spazio sarà dedicato ai giovani talenti italiani, Rosa Feola, Eleonora Buratto, Mariangela Sicilia, Davide Luciano, Selene Zanetti, Luca Michieletti, Damiana Mizzi, Giulio Pelligra, Valeria Sepe, Claudia Pavone, Antonio Di Matteo. Debuttano sul podio del Massimo napoletano i direttori Dan Ettinger, Marco Armiliato, Riccardo Frizza, Carlo Montanaro, Karl Chichon. Tra i registi attesi a Napoli Emma Dante, Damiano Michieletto, Yoshi Oïda, Ferzan Ozpetek.

«Protagoniste di questa Stagione tutte le maestranze artistiche del Lirico, parte attiva di una cultura musicale che rappresenta oggi più che mai l'identità di un Paese - si legge ancora nella nota del Teatro- Un valore collettivo vivo e profondamente sentito». «Nel presentare la Stagione 2020/2021 del Teatro di San Carlo - afferma il Sovrintendente Stéphane Lissner - desidero rivolgere un doveroso ringraziamento a Paolo Pinamonti per il lavoro svolto sulla programmazione, su cui poi ho lavorato per portare a termine il cartellone».

LA PRIMA. Sarà dunque La bohème di Giacomo Puccini ad aprire il 4 dicembre 2020 la Stagione del Lirico di Napoli. La regia è di Emma Dante, per la prima volta al San Carlo per questa nuova produzione che vedrà sul podio, impegnato a dirigere Orchestra e Coro del Teatro di San Carlo (quest'ultimo preparato da Gea Garatti Ansini) il direttore musicale Juraj Valčuha. La coreografia è di Sandromaria Campagna.

Il Coro di voci Bianche è diretto come sempre da Stefania Rinaldi. Selene Zanetti sarà Mimì. L'allestimento sarà ripreso anche a luglio 2021 con un nuovo cast. Per l'occasione Emma Dante sarà di nuovo al San Carlo per lavorare assieme ai nuovi interpreti tra cui Eleonora Buratto (Mimì) e Piero Pretti (Rodolfo). A seguire, dal 16 gennaio 2021 il ritorno di una produzione sancarliana, Rigoletto di Giuseppe Verdi con la regia di Giancarlo Cobelli. La direzione è affidata a Stefano Ranzani.

RICCARDO MUTI. Si rinnova il sodalizio del Massimo napoletano con Riccardo Muti che dirigerà a febbraio Don Giovanni, di Wolfgang Amadeus Mozart. Firma la regia Chiara Muti che chiude così il lavoro sulla trilogia Mozart-Da Ponte iniziato nel 2016 con Le nozze di Figaro e proseguito con Così fan tutte nel 2018). Ad interpretare il ruolo di Don Giovanni Luca Michieletti, per la prima volta al San Carlo. Dal 13 al 26 marzo sarà la volta di un titolo rossiniano, Il Turco in Italia con la regia di Antonio Calenda, sul podio Carlo Montanaro e Julie Fuchs nel ruolo di Fiorilla. Il titolo giovanile di Rossini ritorna in scena dopo l'ultima ripresa nel 2004 che era stata accolta con grande consenso.

Richard Strauss torna in cartellone dall'11 al 20 aprile 2021 con Salome per la regia di Manfred Schweigkofler, allestimento andato in scena nel 2014 e ora affidato alla direzione musicale di Juraj Valčuha. Ad interpretare il ruolo della protagonista sarà Vida Miknevičiūtė al suo debutto al San Carlo.

DUE PRODUZIONE DI OZPETEK. Due le produzioni di successo firmate Ferzan Ozpetek che nuovamente rivivranno sul palcoscenico del Massimo. Madama Butterfly di Giacomo Puccini (dal 30 aprile al 13 maggio) per la direzione di Dan Ettinger con Anna Pirozzi a dare la voce a Cio-cio SAN e La traviata di Giuseppe Verdi che vedrà sul podio Karel Mark Chichon. Nel cast Aylyn Pérez e Jessica Pratt si alterneranno nel ruolo di Violetta mentre George Gagnidze sarà Giorgio Germont.

Un debutto molto atteso è quello del mezzosoprano lettone Elīna Garanča, per la prima volta al Lirico di Napoli, nei panni di Carmen. Il capolavoro di Georges Bizet sarà in scena dal 20 al 26 giugno con la direzione di Dan Ettinger, l'allestimento è di Daniele Finzi Pasca. Dal 23 al 31 luglio sarà in scena L'elisir d'amore di Gaetano Donizetti firmato Damiano Michieletto. Sul podio ci sarà Riccardo Frizza. Rosa Feola sarà Adina e Xavier Anduaga Nemorino.

Dal 12 al 25 settembre ancora un titolo di Bizet a settembre un'opera giovanile, Les pêcheurs de perles, vero manifesto di esotismo, per la direzione di Marco Armiliato, regia del giapponese Yoshi Oïda, Lawrence Brownlee nel ruolo di Nadir. Infine, a chiudere la stagione dal 14 al 24 ottobre 2021 My Fair Lady di Frederick Loewe. Di nuovo sul podio dunque per questa coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo Donato Renzetti, la regia è di Paul Curran, le coreografie sono di Kyle Lang.

I CONCERTI. La Stagione di Concerti si aprirà il 18 dicembre con il Concerto di Natale diretto da JurajValčuha. A seguire il direttore musicale sarà impegnato a dirigere il Requiem per soli, coro e orchestra, Op. 89 (B. 165) di Antonín Dvořák, in calendario l'8 gennaio 2021. Voci soliste il soprano Carmen Giannattasio, Gerhild Romberger (contralto) Maximilian Schimitt (tenore) e Alexander Vinogradov (Basso). Importante presenza in cartellone quella di Evgenij Kissin, uno tra i più grandi pianisti del nostro tempo, che eseguirà il Concerto n. 1 in mi bemolle maggiore per pianoforte e orchestra, S. 124 di Franz Liszt.

In programma anche l'Ouverture da Der Freischutz, J. 277 di Carl Maria von Weber, e la Sinfonia n. 1 in do minore, Op. 68 di Johannes Brahms che vedrà impegnata l'Orchestra del San Carlo sotto la bacchetta di Radu Paponiu. Gabriele Ferro, da sempre legato a Napoli e al San Carlo, torna il 20 marzo 2021 con un programma che include autori come Hector Berlioz (Il carnevale romano, Op. 9, Ouverture caratteristica, in la maggiore, per orchestra, La mort de Cléopâtre, H 36) e Maurice Ravel (Ma mère l'oye - Cinq pièces enfantines - Daphnis et Chloé, Suite per orchestra n. 2).

Il 31 marzo il direttore israeliano Dan Ettinger, per la prima volta al San Carlo, dirigerà il diciottenne pianista russo Alexander Malofeev nel Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in fa di Sergej Rachmaninov. Chiude il programma la splendida Sinfonia n. 4 in fa minore, op. 36 di PëtrIl'ič Čajkovskij. Spazio al Barocco (il 6 aprile) con sir John Eliot Gardiner, direttore d'orchestra inglese, celebre per le sue letture filologiche del repertorio antico su strumenti d'epoca, che dirigerà Monteverdi Choir e English Baroque Soloists. Non manca un Gala Belcanto con Jessica Pratt che eseguirà celebri arie tratte da opere di Bellini e Donizetti sotto la direzione di Piergiorgio Morandi.

Riccardo Muti torna il 9 maggio 2021 con i Wiener Philharmoniker di nuovo al Massimo napoletano dove si sono esibiti per l'ultima volta nel 2003. Domenica 16 maggio protagoniste la violinista Sarah Chang e sul podio Lera Auerbach direttrice d'orchestra russa. In locandina il Concerto in re maggiore per violino e orchestra, Op. 77 di Johannes Brahms, e due brani di Haydn, l'Ouverture da L'Isola disabitata e la Sinfonia n. 49 in fa minore “La Passione", Hob:I: 49.

Recital pianistico il 24 maggio con al pianoforte Denis Matsuev che eseguirà musiche di Pëtr Il'ičČajkovskij Sergej Rachmaninov e Sergej Prokof'ev. Ancora, il violinista Renaud Capuçon e il pianista Guillaume Bellom in locandina il 6 giugno con un programma che contempla Gabriel Fauré, Camille Saint-Saëns e César Franck. Tre grandi tenori di oggi, Francesco Meli, Javier Camarena e Francesco Demuro renderanno omaggio a Enrico Caruso in occasione dei 100 anni dalla morte in uno speciale Gala dedicato all'indimenticabile artista napoletano sotto la direzione di Marco Armiliato.

Il San Carlo avrà il piacere di accogliere per la prima volta Elïna Garanča il 3 ottobre 2021 in un gala con la direzione del britannico Karel Mark Chichon. Infine in chiusura di Stagione, il 6 novembre 2021, un appuntamento di grande rilevanza con Neeme Järvi. (La Stagione Sinfonica che, accanto all'Orchestra del Teatro San Carlo, ospiterà anche rinomate compagini della scena musicale mondiale, con i direttori più celebri.

Un progetto di residenza musicale, realizzato grazie al sostegno della Regione Campania, vedrà protagonisti Daniel Barenboim e la West-Eastern Divan Orchestra. Fondata nel 1999 dal direttore d'orchestra israeliano Daniel Barenboim e dallo scrittore e docente palestinese Edward W. Said con l'intento di promuovere il dialogo interculturale attraverso la Musica, la West-Eastern Divan Orchestra riunisce, in parti eguali, giovani musicisti israeliani ed arabi, provenienti da Turchia, Iran e Spagna.

La formazione si riunisce ogni estate per un periodo di Prove ed una successiva tournée internazionale che ha già fatto tappa sui palcoscenici più prestigiosi del Mondo. Nel 2016, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon ha insignito la West-Eastern Divan Orchestra del titolo di United Nations Global Advocate for Cultural Understanding. Dal 20 al 30 Luglio 2021 Daniel Barenboim e la West-Eastern Divan Orchestra saranno impegnati in Concerti Sinfonici e da Camera, Prove Aperte e Dibattiti che avranno luogo al Teatro di San Carlo e nei siti di maggiore interesse storico-artistico e di vocazione turistica della Regione Campania.

Dal 22 al 29 maggio andrà in scena il Requiem di Mozart, applaudita coreografia di Boris Eifman, spettacolo totale che vede coinvolti oltre alla Compagnia di Balletto del Massimo anche Orchestra e Coro (Voci soliste il soprano Selene Zanetti, il Mezzosoprano Marianna Pizzolato, Antonio Poli (tenore) e Mirco Palazzi (basso), la direzione è di Alvetina Ioffe. Il 30 luglio sarà la volta di Come un respiro/Bolero, su musiche di Handel con SvetlanaZakharova come étoile ospite. Una speciale Balanchine night è infine in programma dal 30 ottobre al 3 novembre 2021. Tre pezzi firmati dal celebre coreografo russo interpretati da Tyler Peck, Maia Makhateli, e Vadim Muntagirov.