SANREMO. Si conclude il 71° Festival della canzone italiana. Una serata fatta anche di tensione, prima e durante il festiva. Prima. Per una ballerina del corpo di ballo in scena in “I love Sanremo” che ha portato Amadeus e Fiorello ad un giro di tamponi extra. Durante. Con la protesta dei commercianti e dei ristoratori di Sanremo che, radunatisi fuori il teatro Ariston, con fumogeni e machere chiedono la riapertura delle attività. Il premio della critica "Mia Martini" del Festival di Sanremo 2021 è stato assegnato a Willie Peyote e alla sua canzone "Mai dire mai (La locura)". Il premio della sala stampa “Lucio Dalla” è andato a Colapesce e Dimartino con il brano “Musica leggerissima”. Il premio “Sergio Bardotti” per il miglior testo è andato a Madame con la canzone "Voce" mentre il premio “Giancarlo Bigazzi” per la migliore composizione musicale è stato assegnato a Ermal Meta con "Un milione di cose da dirti". Come spesso accade il televoto stravolge tutto, e crea un podio inedito ed inaspettato, in cui vanno ad contendere la vittoria i Maneskin (nella foto) ed il duo Michielin-Fedez vanno a contendersi il podio con Ermal Meta. Podio su cui interviene il Codacons dichiarando che «vigilerà sull'andamento del televoto e chiederà alla Rai di avere tutti i dati relativi ai voti provenienti dal pubblico da casa», per verificare se l'appello social di Chiara Ferragni a votare il marito Fedez in gara a Sanremo con Francesca Michielin possa incorrere una violazione. L'associazione spiega: «Il regolamento del festival prevede la par condicio per tutti gli artisti in gara, e se questa viene violata da interventi esterni atti ad alterare la classifica finale della kermesse, la stessa classifica rischia di essere annullata – prosegue - un bacino di utenza di 23 milioni di follower per favorire un artista a discapito degli altri potrebbe determinare una violazione sia del regolamento del festival che delle delibere Agcom, ed in tal senso, in caso di votazioni anomale attraverso il televoto il Codacons avvierà le dovute azioni legale per annullare la classifica finale di Sanremo 2021». Codacons che aveva già condannato la decisione di mantenere Irama in gara dichiarando che: «La Rai e Amadeus cambiano le regole a gioco già iniziato, con una improvvisa e illegale modifica del regolamento che avviene quando la gara è già in corso. Un comportamento assurdo e scorretto sia nei confronti degli altri artisti in gara, sia del pubblico, sia dello stesso Irama. La decisione dell’azienda determina infatti una palese violazione della par condicio, in quanto i cantanti non si contenderanno la vittoria ad armi pari e alle medesime condizioni!». Al terzo posto c'è Ermal Meta, primo per tutto il festival, secondi Francesca Michielin e Fedez. Vincono i Maneskin. Il televoto è una “strana bestia” che troppe volte stravolge il giudizio emanato da organi con una diversa preparazione, conoscenza e competenza. Nella serata finale i brani in gara vengono votati dal pubblico, e la classifica di serata si somma alla classifica generale. I primi tre accedono alla fase finale dove Giuria Demoscopica, la Giuria della Sala Stampa e il televoto, votano nuovamente. Prima della serata finale  vediamo sul podio: 1mo Ermal Meta con "Un milione di cose da dirti", grandi interpretazioni in tutte le serate, ed una emozionante reinterpretazione di “Caruso”, valgono la vetta della classifica meritatamente. 2do Willie Peyote con "Mai dire mai (La locura)", è il brano più irriverente di questa edizione, la sua pungente fotografia delle dinamiche quotidiane dei nostri giorni invitano a riflettere su ritmo accattivante. 3za Arisa con "Potevi fare di più", ci ha abituato a grandi performance sanremesi e quest’anno non ha tradito le aspettative, merito anche del brano scritto da Gigi D’Alessio. La Banda della Marina Militare Italiana ad aprire la serata eseguendo l’Inno di Mameli, e l’Inno della Brigata Marina San Marco, defilando tra le file vuote della platea rendendo omaggio al pubblico assente. Fiorello scherza sull'annuncio di Amadeus, che oggi ha detto pubblicamente questa sarà l'ultima serata con Fiorello a Sanremo. «Voglio fare un in bocca al lupo a quelli che verranno l'anno prossimo al posto nostro, vi auguro una platea piena di persone. Ma deve andare malissimo». La serata si apre con Ghemon con "Momento perfetto", è la sua seconda partecipazione al Festival, la classifica non ha certo sorriso all'artista campano. Gaia con "Cuore amaro", problemi di afonia alla spalle per la cantante che esce da questo festival a testa alta. Irama con "La genesi del tuo colore", un cantante che resta in gara senza mai salire sul palco è un evento unico, e ci auguriamo che non ci siano mai più situazioni di emergenza che lo renano necessario. La sua permanenza in gara è uno schiaffo ai limiti delle restrizioni, un affronto ad una pandemia, uno splendido modo per dire “non ci pieghiamo, ti affrontiamo uniti.” Splendida dimostrazione di unione e fair play tra gli artisti in gara. Gio Evan con "Arnica", dopo tre serate in bermuda, la solennità della serata finale lo convincono ad indossare un abito completo. Il brano non è tra le primissime posizioni. Ermal Meta con "Un milione di cose da dirti", punta alla vittoria con un’altra serata perfetta. Fulminacci con "Santa Marinella", è all’esordio sul palco di Sanremo, la classifica non gli sorride, merita complimenti la sua interpretazione di “Penso positivo” con Roy Paci e Laundini. Zlatan Ibrahimovic, accompagnato ancora dalle note di “Jutro Je” di Nada Topcagic rendendo omaggio all’orchestra che ha “difeso la musica” in questa edizione cosi difficile. Francesco Renga con "Quando trovo te", la classifica attuale non è all’altezza delle aspettative di partenza. Il televoto può stravolgere tutto. Extraliscio feat. Davide Toffolo con "Bianca luce nera", sono riusciti a portare in scena una contagiosa allegria, trasmettendo una voglia di ballare e cantare. Serena Rossi, elegantissima in abito lungo senza spalline, scende le scale del Teatro Ariston «Sono felicissima – dichiara - di essere qui, grazie per l’invito». Dopo il successo della fiction Rai “Mina Settembre”. Presenterà “La canzone segreta” in onda su Raiuno da venerdì. L’attrice mette in mostra le sue doti canore intonando “A te” di Jovanotti e dedicandola ad Amadeus che si fa perdonare la gaf con la musicista della Napoli Mandolin Orchestra, esaltando Napoli ed i suoi luoghi simboli come piazza del Plebiscito. Colapesce e Dimartino con "Musica leggerissima", un brano che non ha la pretesa di vincere, ma è proprio la sua leggerezza, la sua semplicità priva di fronzoli a renderlo un brano piacevole. Malika Ayane con "Ti piaci così", al suo quinto festival, il suo brano è tra i primi dieci. Francesca Michielin e Fedez con "Chiamami per nome", tanta tenerezza in questa coppia. Lei dolcissima e rassicurante, lui, inaspettatamente ansioso. Insieme fanno una bellissima immagine. Ornella Vanoni sale per la decima volta sul palco del Teatro Ariston con Medley di "Una ragione in più", "La musica è finita", "Mi sono innamorato" e "Domani è un altro giorno" e con Francesco Gabbani canta "Un sorriso dentro al pianto",  tecnica, classe stile e voce senza età. Il monologo di Zlatan Ibrahimovic è fedele al suo “personaggio” ma al contempo molto toccante, conclude: «Ho organizzato questo Festival per dimostrare che ognuno di voi, nel suo piccolo, può essere Zlatan. Voi tutti siete Zlatan. Questo non è il mio Festival o quello di Amadeus, ma è il Festival dell'Italia intera. Grazie Italia, la mia seconda casa». Un violinista dell'orchestra romanista gli chiede di poterlo conoscere: «Sei sempre stato un mio idolo». Willie Peyote con "Mai dire mai (La locura)" il televoto può portare alla vittoria questo brano che nelle prime serate è sempre stato tra le posizione di vertice. Sul palco dell'Ariston c'è Tecla Insolia, concorrente a Sanremo lo scorso anno e oggi ospite per presentare il film per la Tv di cui è protagonista, ispirata alla vita di Nada. Orietta Berti con "Quando ti sei innamorato", per i bookmaker era l’unica artista quotata 100/1, lei è sempre stata tra i primi 10 in classifica. La classe ed il talento non hanno età. Arisa con "Potevi fare di più", può puntare alla vittoria. Giovanna Botteri, che sale sul palco dell'Ariston leggendo alcuni passi del brano “L'Anno che Verrà” di Lucio Dalla. Amadeus fa riferimento a quello che accadeva un anno fa, quando il mondo veniva travolto dal Covid. «Pensavo che quel dramma che stavi raccontando pensavo fosse lontanissimo da noi», la giornalista, allora inviata in Cina, risponde  «Quando raccontavo quelle cose era il nuovo anno lunare. Quel nemico insidioso lo avevamo già visto arrivare. C'erano stati segnali, ma nessuno ci aveva creduto e poi, improvvisamente, i morti» Bugo con "E invece sì", il brano è stato costantemente nelle ultime posizioni e difficilmente questa sera cambierà qualcosa. Dispiace per l’artista troppo spesso costretto a commentare altro e non la sua musica. Amadeus consegna a Fiorello il premio Città di Sanremo: «Alla persona che ha illuminato il Festival». Lo showman, che non se l'aspettava, lo definisce «il premio più bello mai ricevuto. Lo dedico a tutti i tecnici che hanno fatto in modo si arrivasse alla quinta puntata». Maneskin con "Zitti e buoni", hanno il merito di portare il rock al festival, con la loro energia, con i loro limiti, fedeli a se stessi ed alla propria musica. Achille Lauro canta "C'est la vie" omaggiando Rodolfo Valentino e canta "C'est la vie". Sarò ospite di Domenica In, dove metterà in scena un quinto quadro dal titolo “Marilù” dedicato a Mara Venier. 'Domenica In' avrà come protagonisti tanti ospiti in studio e in collegamento. Una puntata speciale dedicata alla 71 edizione del 'Festival di Sanremo' e in onda straordinariamente dalle ore 15.30 alle ore 20. Presente a 'Domenica In - Speciale Sanremo' il vincitore e tutto il cast dei cantanti che hanno preso parte a questa edizione. Madame con "Voce", l’altra faccia della medaglia, giovanissima ma con una personalità enorme. Porta sul palco di Sanremo 4 esibizioni di grande livello artistico, scenico e musicale. Alberto Tomba e Federica Pellegrini al Festival di Sanremo ci sono già stati, Pellegrini fisicamente nel 2013, mentre Tomba ci era stato virtualmente anni prima, mentre vinceva le Olimpiadi invernali interrompendo il Festival con la sua gara. Lanciano l’iniziativa relativa alle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, in che saranno gli italiani a scegliere il logo delle Olimpiadi. La Rappresentante di Lista con "Amare" il duo composto da Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina hanno brillato non soltanto per  la potenza del brano, ma anche per lo stile e il look. Ospite Umberto Tozzi canta "Dimentica dimentica" e poi medley "Ti amo", "Stella stai", "Tu" e "Gloria". Annalisa con "Dieci",  canta la difficoltà di vivere le “ultime volte” che non sono mai le ultime. Voce stupenda ed una timbrica fuori dal comune. La classifica la premia accreditandola per le posizioni di vertice. Coma_Cose con "Fiamme negli occhi", noi li vedevamo esibirsi sul palco dell’Ariston, loro non sono li, loro sono altrove. Ogni sera hanno cantato guardandosi negli occhi, da soli, la luce delle candele, una bottiglia di vino e la notte davanti. Intensità rara da portare in scena. Lo Stato Sociale con "Combat Pop", le loro esibizioni sono uno spettacolo dentro lo spettacolo. Giocano tra di loro sul palco, restando se stessi, portando in scena la loro amicizia. Non sono candidati alla vittoria, ma il televoto può stravolgere tutto. Random con "Torno a te", conclude il suo Sanremo con ottimi risultati e piacevoli performance. Max Gazzè e Trifluoperazina Monstery Band con "Il farmacista", Dopo essere stato Leonardo da Vinci nella prima serata e Salvador Dalì nella serata del venerdì, Max Gazzè porta sul palco dell'Ariston un nuovo travestimento Clark Kant che si trasforma in Superman. Noemi con "Glicine", sembra ieri che trionfava ad X-Factor ma in realtà era il 2008. La sua voce, la sua carriera, la sua bravura crescono, lei no. Resta splendidamente semplice nella sua eleganza e nel suo sorriso. Fasma con "Parlami", è il suo primo festival nella categoria Big l’emozione si sente. Aiello con "Ora", chiude l’ultima serata di questo 71mo festiva di Sanremo dedicando il suo brano a tutti i meridionali. Mentre viene stilata la classifica della serata e la classifica generale torna sul palco il vincitore delle Nuove Proposte Gaudiano con “Polvere da sparo”. La classifica generale dal 26° al 4° posto: 26mo Random 25mo Aiello 24mo Bugo 23mo Gio Evan 22mo Renga 21mo Ghemon 20mo Coma_cose 19mo gaia 18mo Fasma 17mo Gazzè 16mo Fulminacci 15mo Malika Ayane 14mo Noemi 13mo Lo stato sociale 12mo Extraliscio feat Davide Toffolo 11mo La rappresetamte di lista 10mo Arisa 9no Orietta Berti 8vo Madame 7mo Annalisa 6to Willie Peyote 5to Irama 4to Colapesce Dimartino. Vanno in finale il duo Francesca Michielin – Fedez, Ermal Meta, Maneskin. Ospiti Riccardo Fogli, Michele Zarrillo e Paolo Vallesi cantano "Cinque giorni", "La notte dei pensieri", "La forza della vita" e "Storie di tutti i giorni". L’esibizione di Dardust, all’anagrafe Dario Faini da Ascoli Piceno, conclude la serata con carica ed energia ineguagliabile.