NAPOLI. Grande appuntamento al Teatro Troisi per sabato 30 novembre, con Massimiliano Gallo e il suo spettacolo “Tutta colpa della luna”. Un emozionante “viaggio d'amore” come recita il sottotitolo del lavoro che nello spazio di Fuorigrotta gestito da “Che Spettacolo" e diretto artisticamente da Fabio Brescia, vede il beniamino del pubblico teatrale, cinematografico e televisivo, alle prese con alcune letture, riflessioni, momenti comici, musica e canzoni per una serata all’insegna dei sentimenti. Un itinerario passionale e trascinante tra Shakespeare e Eduardo, passando per Viviani e finendo a Battiato. Sul palco con Massimiliano Gallo anche Pina Giarmanà, attrice nata e cresciuta nella compagnia di Roberto De Simone, la giovane attrice brasiliana con un passato da modella Shalana Santana e l’attore di teatro, cinema e televisione, Arduino Speranza. Ancora a completare il cast, il maestro Mimmo Napolitano al pianoforte e il maestro Davide Costagliola al contrabbasso. Romantico, di tipo amicale o in quella forma che si prova per i propri cari, l’amore, tra i sentimenti più controversi e difficili da definire, con “Tutta colpa della luna” è preso a prestito da Massimiliano Gallo per parlare in chiave comica di qualcosa di bello. “In questa epoca in cui ci scopriamo tutti un po’ intolleranti e la violenza verbale e il pessimismo la fanno da padrona - ha detto l’attore - anche sapendo che la tolleranza non ha mai provocato una guerra civile e l’intolleranza ha coperto la terra di massacri, voglio parlarvi d’amore. Partendo dalla frase di Shakespeare: ‘tutta colpa della luna, quando si avvicina troppo alla terra fa impazzire tutti’, voglio esplorare l’amore in tutte le sue forme: l’amore giocoso, quello romantico, familiare, erotico, l’amore per se stessi. Massimo Troisi diceva: ‘l’amore è quella cosa che tu sei da una parte, lei dall’altra, e gli sconosciuti si accorgono che vi amate…e chest’è!’. Tutta colpa della luna è un viaggio fatto insieme al pubblico per una serata di divertente riflessione su un modello che stanno cercando di cancellarci dalla memoria. Si perché è l’amore che cambia le cose!”