Il prossimo 18 ottobre si inaugura l'edizione 2019/2020 di Wunderkammer, la settima della rassegna che vede l'alternarsi di prosa e musica in spazi di eccellenza non convenzionali. Nei primi sei anni la tipologia dei luoghi in cui si sono svolti gli spettacoli si è progressivamente ampliata: alle residenze private (case di design o antichi appartamenti nobiliari), si sono aggiunte prima gallerie d'arte e atelier d'artista e poi luoghi monumentali, quali chiese, siti archeologici e chiostri, ibridando sempre più la passione per la scena con quella per l’architettura, il design e l'arte. 

Proprio in riconoscimento dell'opera di valorizzazione di molti dei luoghi più suggestivi, e a volte negletti, della città, quest'anno la rassegna si fregia, oltre che del patrocinio del Comune di Napoli, anche di quello del FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano, dell'Accademia di Belle Arti e dell'Ordine degli Architetti di Napoli e provincia. Dal Museo Cappella Sansevero alla chiesa di Donnaregina Vecchia tra gli affreschi del più importante ciclo giottesco del sud Italia, dalla chiesa di Sant'Aniello a Caponapoli restituita alla città dopo trent'anni di abbandono alle catacombe di San Gennaro luogo simbolo della città che si riscatta, dalle Gallerie d'Italia di Palazzo Zevallos al Cimitero delle Fontanelle, dall'acquedotto Augusteo del Serino alla sala del Capitolo del Convento di San Domenico Maggiore, al Succorpo Vanvitelliano dell'Annunziata, sono stati tantissimi i luoghi che Wunderkammer ha riempito di suoni e di parole, di gesti e di emozioni con 150 spettacoli, che hanno visto protagonisti 32 registi, 94 attori, 27 drammaturghi, 76 musicisti: una grande famiglia di artisti affermati ed emergenti, accomunati dall'intento di popolare luoghi inconsueti con la propria voce, il proprio corpo, il proprio talento. 

Quest'anno, grazie anche alla disponibilità di istituzioni come il Comune di Napoli, l'Università Federico II e l'Università Parthenope, che hanno messo a disposizione spazi di incomparabile bellezza, la rassegna si svolgerà per il 90 % in luoghi pubblici e non privati, continuando però a privilegiare le suggestioni offerte dagli edifici meno conosciuti e da far scoprire. 

Per la prima volta quest'anno la rassegna si apre al contributo dei privati con il progetto "Sostieni la cultura, adotta Wunderkammer", rivolgendosi alle realtà del territorio che hanno a cuore la diffusione della cultura, la valorizzazione del nostro patrimonio artistico, lo sviluppo della creatività. Sostenere questo progetto vuol dire essere identificati come motori dell'industria culturale del nostro territorio e permetterà a Wunderkammer di offrire spettacoli di livello sempre più alto, in luoghi sempre più affascinanti, con una struttura sempre più efficiente. 

Con questa stagione parte anche un altro nuovo progetto che proseguirà negli anni a venire: il Premio Wunderkammer per il Teatro, che sarà attribuito a un’opera originale mai rappresentata, di durata complessiva compresa tra i 45 e i 60 minuti. Autore, regista e attori di ciascuno spettacolo in gara dovranno essere in maggioranza assoluta al di sotto dei 35 anni d'età, al fine di incentivare i nuovi talenti e favorire il ricambio generazionale. Allo spettacolo vincitore, che aprirà la stagione 2020/2021 della rassegna Wunderkammer, sarà assegnato un premio messo a disposizione da Voyage Pittoresque Factory consistente in un'opera originale appositamente creata e donata dall'artista Gennaro Regina. Il bando sarà scaricabile dal sito wunderkammernapoli.wordpress.com online, oltre che dalle pagine social Facebook e Instagram.

Infine la WunderKarte. Niente abbonamenti e la costante ricerca di spazi nuovi dunque, ma esiste una chiave, come dovrebbe essere per l’accesso a tutti i luoghi dello spirito: la WunderKarte, una tessera di sostegno che dà il diritto a ricevere sconti sulla partecipazione ai singoli eventi, la possibilità di accedere a eventi gratuiti e riservati solo ai possessori della card, gadget dedicati ai compagni di viaggio più fedeli oltre a sconti in tutti gli esercizi convenzionati. La WunderKarte ha un costo di 50 euro ed ha validità di un anno a partire dal giorno della sottoscrizione. I primi due spettacoli riservati unicamente ai possessori della Wunderkarte saranno due eventi resi possibili dal sostegno ottenuto nell'ambito del progetto "Sostieni la cultura, adotta Wunderkammer": il concerto di inaugurazione della stagione musicale nella cornice della cappella di Villa Doria D'Angri messa a disposizione dall'Università Parthenope grazie al contributo di Remy, una delle eccellenze storiche napoletane che quest'anno festeggia i cento anni come punto fermo della tradizione nel campo della gelateria, e il concerto del 28 febbraio 2020 che si terrà a Palazzo Zevallos con il sostegno delle Gallerie d'Italia. 

Infine, a partire da questa stagione, Wunderkammer testimonia la propria attenzione per l'ambiente adottando una politica plastic free nell'organizzazione di tutti gli eventi in programma. 

STAGIONE TEATRALE 2019/2020 

18.10 Uno, nessuno e centomila di Luigi Pirandello 

Adattato, diretto e interpretato da Paolo Cresta 

Inaugurazione della stagione presso la Chiesa dei santi Marcellino e Festo 

Con il patrocinio dell'Università degli Studi di Napoli Federico II 

Da uno specchio, superficie ambigua e inquietante, emerge un giorno per Vitangelo Moscarda un volto di sé finora ignorato: un naso in pendenza verso destra. Questo avvenimento provoca in lui una profonda crisi e la consapevolezza agghiacciante che la sua immagine negli occhi degli altri è lontana anni luce da quella che egli ha di sé stesso. Di qui una presa d’atto ancora più inquietante: egli non è uno, come aveva creduto sino a quel momento, ma "centomila", nel riflesso delle prospettive degli altri, e quindi nessuno. Uno dei testi più celebri di Pirandello amaro eppure a tratti irresistibilmente umoristico, rivive nella trasposizione di Paolo Cresta in una nuova, intensissima luce. 

08.11 Il Quadro da Ionesco 

libero adattamento e regia di Antonio Iavazzo 

Ispirato all’omonimo testo di Eugène Ionesco si tratta di un atto unico enigmatico, inquietante ma anche esilarante, centrato su meccanismi comici di grande effetto. Fa parte dei testi teatrali meno conosciuti di Ionesco e, contrariamente ad altre opere dell’autore, non assegna al ritmo un ruolo determinante. La sua dinamica si fonda sul primato dell'immaginazione e della strategia, la preoccupazione di stupire e suscitare il riso, la varietà dei toni e il gioco delle situazioni. L'aggressività e l'esagerazione si fondono con l'incongruenza: basta spingere l'una al parossismo per incontrare l'altra. 

15.11 Trullo 

Scritto, diretto e interpretato da Diego Sommaripa con Laura Pagliara 

Uno degli spettacoli più premiati degli ultimi anni: in un luogo incantato, figlio dell’immaginazione del protagonista, Trullo, per superare le sue paure, si sottopone a una seduta d’analisi guidata. Sceglie lui l’ambientazione: il mare e sceglierà i suoi compagni di viaggio, gli oggetti, i ricordi, le paure. Tra la favola nei racconti e influenze di sceneggiatura cinematografica, uno spettacolo di narrazione "ad alto tasso comunicativo", nell’epoca dell’incomunicabilità con linguaggi artistici veloci al limite della comprensione. 

22.11 Le funambole da Andrea Camilleri 

di Rosario Sparno con Antonella Romano e Rosario Sparno 

Una storia mostruosa e seducente, come lo sono le storie antiche dove cielo e mare si incontrano: un “cunto” della tradizione siciliana che, nei continui rimandi all’Odissea di Omero, si snoda tra magia, fantasia e realtà sullo sfondo di leggende arcaiche e superstizioni della Sicilia di fine ‘800 e inizio ‘900. “Il cunto” è condiviso, sussurrato, nell’incantevole lingua di Camilleri, che è musica per chi vuole raccontare, per chi desidera ascoltare e farsi compagnia. Rosario Sparno e Antonella Romano portano in scena Maruzza su un palcoscenico abitato dalle suggestive installazioni realizzate dalla stessa Romano: figure mitiche, leggere e trasparenti, forgiate con il ferro; sospese come funambole fra forza e leggerezza. Attenti a non tagliarsi con quel filo che cuce, che fila e che sfila ed ha sapore di ferro, di mare e di vendetta. 

06.12 Marysol e le altre 

di e con Piera Saladino 

Tre donne fragili riescono, singolarmente, a determinare un grande cambiamento o rivoluzione umana, in epoche, luoghi e colori molto diversi. Marysol y Cielo racconta la malinconia e la giocosità di una Napoli difficile da lasciare, tra le sue tradizioni ed i suoi limiti, i suoi accenti e profumi e la sua ignoranza radicata e immutabile; Cassandra, il mistero dell’esoterismo che si scontra con la razionalità di una società borghese che rifiuta ogni forma di misticismo; La sposa che reagisce in modo del tutto rock e anticonvenzionale al fallimento del suo matrimonio davanti a centinaia di invitati. 

10.01 Oltraggio al pudore 

di e con Antonello Cossia 

In occasione del centenario della morte di Amedeo Modigliani 

Uno spettacolo incentrato sulla figura dell’artista livornese nato nel luglio del 1884 e morto esattamente cento anni fa, nel gennaio del 1920. Un arco di vita breve, in cui quest'uomo così sensibile e gentile ha fatto in tempo a stagliarsi nell’empireo degli artisti di tutti i tempi, sfidando la memoria e le apparenze che lo volevano semplicemente un bohémien travolto dai vizi e dagli eccessi. Un gioco da teatro della crudeltà, in cui l’unico a pagarne le spese è il corpo dell’artista, che decide di sacrificarsi e immolarsi in una inarrestabile inquietudine che lo spinge alla continua ricerca della bellezza. 

17.01 Cosa mi volevi dire? da Natalia Ginzburg 

con Renato De Simone e Carmen Annibale 

Ritorna a Wunderkammer dopo aver vinto, con Lo Sportello, il premio Wunderkammer-FringeHart, Renato De Simone, uno dei migliori interpreti della nuova generazione che rilegge due atti unici, "Dialogo" e "La Parrucca", di Natalia Ginzburg. Comici, drammatici, veri, con l’ironia e la leggerezza che rendono la Ginzburg unica nel panorama della narrativa e della drammaturgia italiana, i due atti unici restituiscono al pubblico la grandezza di una grande scrittrice. 

24.01 Concedimi di diventare niente 

di e con Peppe Fonzo 

Le frustrazioni, le paure, le incertezze, le delusioni, le incomprensioni, gli abusi, le speranze di un attore che, tra rivelazioni imbarazzanti, meschinerie, atti vili e compromessi, racconterà la sua esperienza in questo mondo, nel fantastico zoo affascinante e crudele, spietato e tragi-comico che si chiama teatro. Scorrono tutte queste sensazioni in un'altalena di emozioni e suggestioni insieme a un sapiente lavoro con oggetti metaforico, a tratti onirico, tra ironia, poesia e spettacolo, senza sosta e senza filtri. 

07.02 Gli innamorati di Carlo Goldoni 

regia di Fabio Pisano e Roberto Ingenito 

Con Francesca Borriero, Roberto Ingenito, Francesco Luongo, Antonio Torino, Rossella De Martino 

Il tema di questa spumeggiante commedia di Goldoni è quello della razionalità dell’amore in cui cinismo e romanticismo si mischiano e si intrecciano, dove si ride e ci si riconosce nelle dinamiche che il veneziano ha saputo orchestrare con acume e infinita umanità. Goldoni illustra i danni che può provocare l’amore, ma d’altra parte è altrettanto pronto a intervenire contro di essi, mettendoli allo scoperto e smascherandoli agli occhi dei veri innamorati. Egli stesso dice, presentando la commedia al pubblico “…e l’amore sarebbe il più tremendo flagello della terra, se facesse gli amanti furibondi e infelici come sono i due protagonisti della commedia mia...". 

14.02 Primo amore di Angela Di Maso 

diretto e interpretato da Peppe Carosella con Silvana Vajo 

Un uomo e una donna si sono dati appuntamento attraverso un sito di incontri online. Il dialogo tra i due personaggi scorre sul filo dell’ironia, del sarcasmo, di un apparente cinismo che lega lo spettatore e non lesina colpi di scena in un teatro dell’eccesso e dell’iperbole sia nella forma che nel contenuto. Nella pièce non sono tanto i fatti, per quanto esagerati o dilatati a dismisura, a essere importanti e determinanti, quanto piuttosto il sottile, perfido sentimento-involucro, dentro cui sono trasmessi e veicolati agli spettatori. 

21.02 La sindrome di Frida 

di e con Margherita Romeo 

Una pittrice emergente, immersa nell'esecuzione del ritratto del suo ultimo amore, riflette sul punto di congiuntura che sovrappone il suo talento a quello della grande Frida Kahlo: la passione per uomini dotati di una pancia oltremodo ingombrante...Tra l'epistolario di un'artista che aveva anche una straordinaria capacità di raccontare attraverso le lettere la sua insopprimibile passione amorosa e i suoi scritti che parlano della sua visione di lotta politica e coscienza sociale, un ritratto dell'arte come terapia ai dolori dell'anima e del corpo. 

06.03 Vita e morte di Arpad Weisz, allenatore ebreo 

scritto da Simone Caputo, Ilaria Delli Paoli, Rosario Lerro 

con Roberto Solofria regia di Rosario Lerro 

Arpad Weisz, ebreo ungherese, ottimo calciatore, nazionale ai Giochi Olimpici di Parigi nel 1924, ma anche grande allenatore: con l’Ambrosiana-Inter diventò nel 1929-30 il primo vincitore di uno scudetto nell’era del girone unico. Nel 1938, quando era uno degli allenatori più apprezzati d’Europa, a causa delle leggi razziali fu costretto a fuggire dall’Italia, insieme alla moglie e ai figli. Parigi, poi l’Olanda dove Weisz riuscì anche ad allenare per qualche mese. La sua storia e quella della sua famiglia, come milioni di altre storie, finiscono ad Auschwitz. Lo spettacolo nasce dalla necessità di portare alla luce la sua storia e quella di altre persone come lui che, a causa delle leggi imposte da Mussolini, furono barbaramente costretti a rinunciare alla propria vita, per un ultimo lungo viaggio senza ritorno. 

13.03 'A libellula da Paolo Sorrentino 

diretto e interpretato da Ciro Zangaro 

Ciro Zangaro adatta per la scena il racconto "Salvatore Varriale" tratto da "Gli aspetti irrilevanti" di Paolo Sorrentino: un boss latitante che vive in un bunker malandato in un posto segreto, solo e sconsolato che senza internet, telefoni e altre distrazioni si dedica, come ai vecchi tempi, alla lettura dei giornaletti porno. Un trash-noir coinvolgente tra l'esilarante e il paradossale. 

Io so e ho le prove 

di e con Giovanni Meola con Daniela Esposito 

La conversione di un ex-manager bancario che dopo un quarto di secolo al servizio della più importante banca italiana ne esce e denuncia tutte le nefandezze, comuni all’intero settore bancario nazionale e internazionale negli ultimi due decenni di privatizzazione selvaggia. Giovanni Meola dà voce e corpo al protagonista di una storia vera, raccontando e svelando malefatte, trucchi e retroscena, con il tormento interiore di un personaggio shakespeariano. 

03.04 Bach ad libitum 

diretto e interpretato da Roberto Azzurro 

Johann Sebastian Bach scelto come guida, sommo maestro e nume tutelare per raccontare la musica. Bach amava la vita, il buon vino, le risate, la sua famiglia, ed era curioso, irascibile, veemente. Irascibile lo è ancora, in verità, quando dal paradiso dei musicisti guarda in giù e vede un mondo che non gli piace, dominato dall'egoismo e dal calcolo. Ma cambiare si può: basta aprire cuore alla musica e lasciarla entrare. 

17.04 (A)SOCIAL 

di e con FerdiNando Maddaloni 

Dopo due anni FerdiNando Maddaloni ritorna al suo teatro civile con la tragicomica storia di Gualtiero e Siri: un social media manager in piena crisi esistenziale, un’amante “virtualis” e un finale rigorosamente a sorpresa. L'ennesimo spettacolo che il drammaturgo, regista e attore offre in anteprima assoluta a Wunderkammer. 

24.04 Classici 2.0 

diretto e interpretato da Rosaria De Cicco 

Ritorna anche quest'anno Rosaria De Cicco ad arricchire la sua galleria di ritratti femminili ora drammatici, ora ironici, ora struggenti ora sarcastici sempre con il suo sguardo empatico e la sua vis inconfondibile. 

08.05 Animali come noi 

con Paolo Cresta e Carlo Lomanto 

Cosa passa per la mente di un topo che vive in un laboratorio e prende coscienza della sua intelligenza? Quanto può essere complicata la vita di uno scarafaggio che vive nello sterco e s'innamora di una maggiolina che ama i fiori? I problemi d'amore e il sesso che affrontano le lumache quando scoprono di avere due sessi, la dura vita che affronta "il" mantide, che per riprodursi dovrà morire, e la difficile, fraintesa comunicazione tra i pesci, che si avvalgono solo della comunicazione non verbale. Una sana boccata di realismo animalesco, ironico, pungente, coinvolgente. 

15.05 Il maestro più alto del mondo 

di Mirko Di Martino con Orazio Cerino 

Franco Mastrogiovanni è un insegnante elementare di 58 anni. Secondo i suoi alunni, è l’insegnante più alto del mondo: i suoi 193 centimetri lo fanno sembrare un gigante ai loro occhi. Un anarchico che negli anni ’70 se ne andava in giro a picchiare i fascisti ed è finito in galera. Ma è soprattutto un matto che è stato ricoverato in manicomio. Eppure, per tutti quelli che lo conoscono, è un uomo tranquillo. Il 4 agosto 2009, muore nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Vallo della Lucania: 87 ore prima era stato ricoverato per un TSO, perché ha guidato l’auto oltre i limiti di velocità, perché non ha voluto fermarsi all’alt, perché è scappato in mezzo al mare e non ha voluto più uscirne. 

22.05 Vita d'attore da Raymund FitzSimons 

regia di Maurizio Tieri con Ciro Zangaro 

Edmund Kean, il celebre e sciagurato attore elisabettiano, amato e osannato per la sua elegante e istrionica presenza scenica, odiato per le sue irriducibili intemperanze, la sua arroganza, il suo essere irrispettoso verso sé stesso e gli altri. Se ne innamorò Dumas, che non resistette alla tentazione di scriverne un dramma; Sartre lo adorò al punto da riscrivere la sua vicenda. Riscoperto e rivisitato da Raymond FitzSimons negli anni '70 è una dedica a loro. Gli attori. 

STAGIONE MUSICALE 2019/2020 

Direzione artistica Francesco D'Errico & Giulio Martino 

25 ottobre GIULIO MARTINO TRIO 

Giulio Martino sax 

Gianluigi Goglia basso elettrico 

Stefano Tatafiore batteria 

Villa Doria D'Angri - con il patrocinio dell'Università Parthenope 

Con il contributo di Remy1919 

"Ha un suono secco, diretto, privo di fronzoli, va dritto al cuore della musica e ne racconta la storia. Ha un respiro internazionale, adotta un linguaggio universalmente riconoscibile, metropolitano, al di fuori di schemi propriamente nostrani." (Flavio Caprera – Dizionario del Jazz Italiano – Feltrinelli) 

Ritorna in trio, dopo il successo di Mirror in duo con Peggy Stern dello scorso maggio al Cimitero delle Fontanelle, Giulio Martino questa volta in una formazione con basso elettrico e batteria. 

29 novembre ECLECTIC DUET - LAUZI PER NOI 

Ileana Mottola voce, melodica, shaker 

Alessandro Castiglione chitarra 

Ileana Mottola e Alessandro Castiglione presentano il loro CD dedicato a Bruno Lauzi, artista caleidoscopico, sofisticato e popolare, comico e malinconico, dispensatore di canzoni ingenue per bambini e di liriche profonde per anime dolenti come quella di Mia Martini. La finestra dell’artista è aperta sul mare di Genova, ma non solo: un “piccolo uomo”, un colosso della storia musicale italiana che ha saputo intrecciare melodie brasiliane e francesi, il blues, il jazz e le canzoni di Battisti, Conte, Fossati. Il suo messaggio poetico continuerà a vivere di vita propria, per incontrare gli artisti di oggi e quelli di domani, e come lo stesso Bruno affermava “…per rappresentare l’uomo con la sua sete di conoscenza, spirito d’ avventura, ricercatore testardo, esploratore di tutti i confini, di quelli geografici ma, soprattutto, dei propri mari interni". 

13 dicembre EMILIA ZAMUNER DUO 

Emlia Zamuner voce 

Bruno Tescione chitarra 

“La musica è sempre stata la mia passione, la mia città, la mia vita, ecco perché dopo aver scoperto e cantato diversi stili musicali ho deciso di ritornare a Napoli, cantando la musica della mia tradizione senza dimenticare però il mio percorso”. 

Emilia Zamuner, una delle voce più significative delle nuove generazioni, per la prima volta a Wunderkammer propone in duo un programma di brani della tradizione napoletana contaminati da sonorità di diversi stili musicali. 

31 gennaio ECO DI MEGARIDE 

Zena Rotundi arpa celtica Gianfranco Coppola contrabbasso 

Il nome del duo arpa e contrabbasso, richiamando il nome della ninfa Eco, vuole rievocare la sonorità spiccatamente classica e preziosa della piccola formazione, mentre il riferimento all'isolotto di Megaride, che ospita il Castel dell'Ovo e fu tra le prime roccaforti dell'insediamento della Neapolis, è una testimonianza della radice etnica partenopea che ha cullato la nascita di questo progetto, nato fra le strade del centro storico di Napoli. Un repertorio trasversale di musica classica, brani della tradizione napoletana, celtica, medievale e alcune colonne sonore di film: la caratteristica di questa musica è una estrema fruibilità, che va nella direzione di un rituale alchemico di condivisione, una magia che avvolge insieme i suonatori e il pubblico. 

28 febbraio THE REAL BOOK 

Francesco D'errico piano 

Marco De Tilla contrabbasso 

Marco Fazzari batteria 

Gallerie d’Italia - Palazzo Zevallos Stigliano 

Sebbene i tre musicisti abbiano suonato insieme già numerose volte in contesti e formazioni differenti, è solo nell’estate del 2016 che si riuniscono in questa formazione. Il trio è una delle compagini più essenziali della tradizione jazzistica: pianoforte, contrabbasso e batteria. Quest'organico sta al jazz come il quartetto d'archi sta alla musica da camera europea. Attraverso il trio si esplora la musica nella sua asciutta essenza. La sfida che presenta sta tutta nell'abilità dei musicisti di offrire i propri orizzonti sonori con concentrazione, espressività e pensiero musicale. Il repertorio di questa sera sarà un cammino nella canzone nordamericana: una scelta di brani che risuonano per armonia e melodia con il profilo musicale del trio 

27 marzo KÓSMOS 

Stefano Falcone pianoforte 

Ilaria Capalbo contrabbasso 

Giuseppe d’Alessandro batteria 

Il trio definisce un’idea di musica come un’organizzazione di suoni nel tempo, un’urgenza dialettica che fa della prassi estemporanea e della composizione i versanti più arditi. È la combinazione di tre personalità complementari, tre identità musicali dotate di grande forza espressiva che arricchiscono la più classica delle formazioni del jazz di sonorità contemporanee e di elementi di continua novità. Ciascun elemento è al tempo stesso leader e sideman: con la propria visione cerca nell’intesa con gli altri e nell’interplay una via d’espressione. Il primo frutto di questo trio organico, raffinato e dal grande dinamismo è un progetto discografico dal titolo Back Home, lavoro ispirato e dedicato a Lennie Tristano, che include rielaborazioni di brani scritti dal grande pianista e composizioni originali firmate da ciascuno degli elementi. 

29 maggio STEFANIA TALLINI/GABRIELE MIRABASSI 

Stefania Tallini pianoforte 

Gabriele Mirabassi clarinetto 

Pianista, compositrice, arrangiatrice jazz romana tra le più importanti in Italia. Si è diplomata in pianoforte al conservatorio Santa Cecilia di Roma e in jazz al Conservatorio Licinio Reficedi di Frosinone. Musicista raffinata e originale, Stefania Tallini vanta una brillante carriera artistica nell'ambito del jazz italiano ed europeo. Riesce a coniugare con delicatezza e precisione diversi stili musicali lasciando al pubblico la libertà di ascoltare. Dimostra grande maturità ed amore per la musica scrivendo senza narcisismi ma lasciando libertà di espressione ai musicisti, il che si tramuta in energia pura. 

Gabriele Mirabassi nella sua carriera ha spaziato tra il jazz e la musica classica, collaborando con artisti come Richard Galliano, Enrico Pieranunzi, John Taylor, Steve Swallow, Stefano Bollani, Stefano Battaglia, Roberto Gatto per quanto riguarda il Jazz. Nel campo della musica classica ha suonato con John Cage, Mario Brunello, Andrea Lucchesini, l'Orchestra Bruno Maderna e molti altri. Inoltre ha collaborato anche in altri ambiti quali il teatro, la canzone d'autore e la danza insieme a Gianmaria Testa, Erri De Luca, Ivano Fossati, Sergio Cammariere, Mina, David Riondino e Marco Paolini. Negli ultimi anni ha iniziato a svolgere una ricerca approfondita sulla musica strumentale popolare brasiliana e sudamericana in genere collaborando tra gli altri con Guinga, André Mehmari, Monica Salmaso, Sergio Assad, il Trio Madeira Brasil e l'Orquestra a Base de Sopro di Curitiba. Ha formato un suo personale trio denominato Canto di ebano che è stato premiato con il Premio della Critica Arrigo Polillo come Miglior disco dell'anno TopJazz 2008. Nel 2009 ha ricevuto una nomination come Best Jazz Act agli Italian Jazz Awards - Luca Flores.