Dopo la morte di Diego Armando Maradona, la questione relativa al Centro Sportivo Paradiso di Soccavo è stata finalmente attenzionata dai media e dall'opinione pubblica. Lo stato in cui versa la struttura è vergognoso e inacettabile. Dopo il fallimento del Napoli nel 2004, infatti, il campo è stato abbandonato per più di sedici anni al degrado e all'incuria ed oggi il Paradiso di Soccavo, un pezzo importantissimo della storia della SSC Napoli, è più simile ad un inferno dantesco. Sono molte le iniziative nate nell'ultimo mese e mezzo per riqualificare il centro sportivo, segnali incoraggianti sono arrivati anche dal Comune e dalla Regione. Quest'ultima pare addirittura essere interessata all'acquisto della struttura ed è già stato approvato in questo senso il piano di fattibilità. C'è però un gruppo di ragazzi che da tempo si batte per cambiare le sorti del campo: sono i ragazzi del Comitato Centro Paradiso, che dopo anni di lotte e delusioni vedono finalmente uno spiraglio di luce in fondo al tunnel. Dopo aver incontrato l'Assessore allo Sport del Comune di Napoli, Ciro Borriello, e il Consigliere Regionale, Pasquale Di Fenza, il comitato ha provveduto anche a scrivere e pubblicare una lettera aperta al Presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Lo scopo è quello di coinvolgere ADL, il cui intervento potrebbe rivelarsi determinante per sbloccare finalmente la 'questione Paradiso'. La lettera cartacea è stata spedita presso la sede legale della società, in Via del Maio di Porto. La lettera aperta invece è stata pubblicata sulla pagina facebook "Centro Paradiso" e sulla pagina instagram "centroparadiso".

Di seguito, la lettera aperta del Comitato Centro Paradiso al Presidente della SSC Napoli Aurelio De Laurentiis:
"Egregio Signor Presidente Aurelio De Laurentiis, 
a scriverLe è un gruppo variegato di napoletani fieri della loro identità uniti dalla passione per il calcio e dalla voglia di rivalutare la periferia. Al centro della nostra attenzione, già in tempi non sospetti (prima della scomparsa di Diego), c'è il Centro Sportivo Paradiso di Soccavo oramai abbandonato al proprio destino da sedici lunghi anni. Un pezzo di storia della Società Sportiva Calcio Napoli colmo di ricordi del quale alcuni di noi hanno parlato in interviste ad importanti testate giornalistiche, anche internazionali, e che in altri paesi sarebbe stato già valorizzato come "luogo di culto". 
Purtroppo fino alla morte di Diego Armando Maradona la "questione Paradiso" ha raramente ricevuto attenzioni così numerose come oggi; ma questo forse è il momento giusto per fare qualcosa visto l'interesse manifestato da opinione pubblica ed istituzioni (compreso il Comune e la Regione). Noi abbiamo le idee chiare, le abbiamo sempre avute: vorremmo, mediante un azionariato popolare, egualitario e trasversale (modalità già presente in Italia, lo stadio Filadelfia di Torino è un esempio), ripristinare i luoghi dove il Napoli Campione d'Italia e d'Europa si è allenato e restituirlo alla città, agli scugnizzi ed ai tifosi. Abbiamo già un seguito importante ed un progetto condiviso, ma, prima di procedere abbiamo scelto di coinvolgere Lei in quanto rappresentante del Calcio Napoli di oggi poiché avremmo piacere di avervi a bordo in questa rinascita.
Il "Comitato Centro Paradiso" si pone come obiettivo il ripristino di spazi abbandonati (un tempo orgoglio della zona ed oggi ridotti ad un "ecomostro"), la valorizzazione della periferia, la creazione di uno spazio di aggregazione e sport per i giovani (e non solo) e perché no, la creazione di posti di lavoro per un luogo oramai inaridito. Un suo intervento può risultare determinante manifestando, anche all'esterno, una coesione ed unità di intenti tra le parti. Ciò che Le stiamo chiedendo è prendere parte al progetto di azionariato popolare; ciò rappresenterebbe un atto importante per quel territorio che tanto le ha dato come imprenditore e stringendo finalmente un legame con le persone del luogo. 
Ai nostri giorni numerose sono le iniziative sociali che aziende, imprenditori e grandi personaggi internazionali portano avanti per fare semplicemente del bene. Ci rendiamo disponibili per un incontro per discuterne con Lei. Confidando di ricevere al più presto un suo gentile riscontro. 
Distinti saluti, 
Comitato Centro Paradiso"