Novak Djokovic espulso dall'Australia. Il tennista serbo ha lasciato il paese con un volo decollato da Melbourne e diretto a Dubai, come riferisce il quotidiano The Age. Djokovic, 34 anni, è partito dpo la decisione con cui 3 giudici della corte federale si sono espressi a favore della decisione con cui il governo ha cancellato il suo visto. I giudici che hanno presieduto l'udienza - James Allsop, Anthony Besanko e David O’Callaghan - si sono espressi all'unanimità.

Il visto di Djokovic è stato formalmente cancellato ieri dal ministro dell'Immigrazione, Alex Hawke. Il 34enne di Belgrado, no vax e sbarcato nel paese con un'esenzione da vaccino covid, ha trascorso la notte al Park Hotel, la struttura per immigrati irregolari in cui era stato confinato dopo l'arrivo a Melbourne, quando il suo visto era stato giudicato irregolare nei controlli all'aeroporto.

In attesa dell'epilogo della vicenda, l'Australian Open aveva diffuso il programma della prima giornata: Djokovic, abbinato al primo turno al connazionale Miomir Kecmanovic, in teoria avrebbe dovuto giocare nel programma serale di lunedì 17 gennaio sul campo della Rod Laver Arena. Al posto del numero 1 del mondo, in tabellone come lucky loser entra l'italiano Salvatore Caruso.

Nell'udienza, i legali di Djokovic hanno definito "irrazionale" la decisione del ministro Hawke: secondo il membro del governo, la permanenza del tennista nel paese potrebbe alimentare l'orientamento no vax in Australia. "E' irrazionale contemplare solo questa prospettiva", ha detto l'avvocato Nick Wood e senza considerare che "un sentimento anti-vax potrebbe essere la conseguenza di un'azione coercitiva dello stato con la cancellazione del visto e l'espulsione". Il provvedimento di Hawke, secondo il legale, non può essere motivato dalla convinzione che "la presenza di Djokovic 'potrebbe costituire' un rischio rilevante per la salute pubblica" in Australia. In un simile contesto, la cancellazione del visto diventerebbe una "reazione irrazionale" alla posizione dell'atleta nei confronti della vaccinazione. Tra l'altro, secondo Wood, Djokovic non si sarebbe mai espresso contro il vaccino e, se lo ha fatto, "lo ha fatto in modo scrupolosamente privato".

Il governo, attraverso i propri legali, ha ribadito la posizione di chiusura. L'avvocato Stephen Lloyd ha sottolineato nuovamente l'effetto che la permanenza di Djokovic potrebbe innescare. Il serbo, che ha dichiarato di essere guarito dal covid a metà dicembre, ha tenuto una condotta poco rispettosa delle norme nei giorni successivi all'infezione, come dimostrano contenuti pubblicati sui suoi canali social. "Il ministro ha ritenuto che la presenza di Djokovic in Australia spingerebbe persone ad imitare la sua apparente mancanza di rispetto nei confronti delle misure di sicurezza", le parole di Lloyd. "La gente fa riferimento ad atleti di alto livello per promuovere idee e cause. Non dico che" Djokovic "stia sostenendo una causa. Ma il suo legame con tale causa, voluto o no, è ancora evidente. E si è ritenuto che la sua presenza in Australia possa costituire un rischio".

La decisione "è stata presa per motivi di salute e sicurezza, in quanto ciò era nell'interesse pubblico. Accolgo con favore la decisione di proteggere i nostri confini e gli australiani", ha detto in una dichiarazione il primo ministro australiano Scott Morrison.

"Come ho detto venerdì, gli australiani hanno fatto molti sacrifici durante questa pandemia e giustamente si aspettano che il risultato di quei sacrifici venga protetto. I confini forti sono fondamentali per lo stile di vita australiano, così come lo stato di diritto. Il nostro governo lo ha sempre capito", ha aggiunto Morrison. E dopo aver ringraziato la Corte, ha detto: "È giunto il momento di andare avanti con gli Australian Open e tornare a godersi il tennis".