E' tornato il Napoli dello scudetto: gli azzurri al Maradona stendono l'Udinese 4-1, dopo giornate di polemiche per il caso Osimhen e le tensioni su Garcia. Il nigeriano, in campo dal primo minuto, ritrova il gol e Kvara i suoi magici assist. Nel primo tempo i prova all'11' Zielinski, palla alta sopra la traversa. Un atterraggio in area di Kvaratskhelia da parte di Perez manda l'arbitro a controllare al Var e si convince che è effettivamente rigore: trasforma Zielinski al 19'. Al 29' tiro forte di Rui servito da Kvaratskhelia e stavolta sventato da Silvestri. Raddoppia Osimhen, acclamato dal Maradona, al 40' dopo il passaggio di Politano consegnato sotto porta. Da registrare i fischi per Garcia durante la presentazione delle squadre, così come per par condicio lo striscione di curva che ricorda come il rispetto per la maglia sia la prima legge, messaggio ritenuto diretto a Osimhen. Nella ripresa ancora Napoli all'attacco ed è Consigli a salvare in angolo una quasi rete di Simeone al 66', mentre due minuti dopo è Kvaratskhelia a sfiorare il tris con la palla che però centra il palo. Tris che però il georgiano riesce a realizzare qualche minuto dopo, al 73', grazie a un errore della difesa friulana che di fatto gli consegna la palla. Gli ospiti trovano la via del gol all'81' con Samardzic ma replica immediatamente dopo il Napoli grazie al quarto gol firmato Simeone ma innescato dal miglior azzurro in campo, Kvaratskhelia.