Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email

Il terno al lotto per stampa mainstream e opposizione

Opinionista: 

Un terno a lotto. Con il successo elettorale del centrodestra e la nascita del governo Meloni, le presunte star del giornalismo politico pseudo progressista di “infangamento” video-radio, ma anche cartaceo, hanno vinto un bel terno al lotto. A un anno esatto dal voto, quel risultato sembra averli praticamente blindati in una botte di ferro – deresponsabilizzandoli per i giudizi espressi nei confronti di chicchessia, rendendoli, così, praticamente inattaccabili e “inschiodabili” dalle loro poltrone - contro rischi di querela per accuse, offese e menzogne, da parte di chi è oggetto delle loro diffamazioni. Mi riferisco, probabilmente l'avrete già immaginato da soli, ai vari: Fazio, Gruber, Parenzo, Ranucci , Ricci, Travaglio e tantissimi altri, ma poichè ne verrebbe fuori un elenco telefonico e non ne vale la pena, mi fermo. Una citazione, però, la merita anche l'attivista egiziano, italiano per adozione interessata, Zaki, (condannato il 18 luglio scorso a tre anni di carcere e graziato dal presidente al Sisi, per l'intervento di Meloni, che lui non ha sentito neanche il dovere di ringraziare e, dopo la liberazione si è rifiutato di tornare in Italia con un volo di Stato, per evitare di stringerle anche la mano. Che volete farci: “la riconoscenza è il sentimento della vigilia”. A proposito, ma come ha fatto a laurearsi a Bologna in video collegamento e con 110 e lode, se ancora oggi, non conosce l'italiano? Miracoli dell'appartenenza? E questi, per citare solo quelli maggiormente impegnati nella “guerra” alla destra, a Meloni, al governo da lei guidato e nei confronti di chi, al “pensiero unico”, preferisce quello “critico” e non frequenta la loro congrega. E che dire di quel filmato di un collega che – secondo Libero – sarebbe stato montato ad arte da un cronista Usigrai e poi girato ai giornali antigovernativi per accreditare la tv come feudo della Meloni? Certo, tutto questo, non è una novità. Anzi! È una storia cominciata nel lontano 1994, quando il 22 novembre, Berlusconi presidente del Consiglio fu raggiunto a Napoli, durante una conferenza mondiale sulla criminalità transnazionale da un avviso di garanzia del tribunale di Milano, consegnato a mano via “Corrierone”. E non è ancora finita. Anzi! Da quel momento è andato sempre più consolidandosi – anche per l'ormai acclarata scarsa propensione di una parte della magistratura per la riforma della giustizia, attesa da decenni dal Paese e dai cittadini, ormai in via di definizione da parte del ministro Nordio e del governo - quel fil rouge ideologico, fra le toghe rosse che la contestano e i media alleati per i quali chiunque non è schierato a sinistra è un nemico da combattere. Non è un caso che su Berlusconi, anche da morto, la sua famiglia, l'eredità, e la Fascina, Ranucci, continui a gettare fango. Idem gli attacchi ai familiari della Meloni, e i fuorionda di Giambruno a “Striscia la notizia” - che l'hanno spinta a rompere con il padre della sua bambina - che hanno fatto pensare alla sinistra che la premier stia perdendo le staffe, facendo presagire un suo cedimento e una possibile rottura della coalizione di governo. Ma se i sogni belli finiscono all'alba, questo, è nato già morto. Purtroppo, per loro! E a conferma di quanto detto prima, il caso della giudice del tribunale di Catania, Apostolico, la sua decisione di disapplicare le norme del decreto Cutro e la levata di scudi di magistrati e giornal(i)oni amici a sua tutela. Proseguendo su questa strada c'è da aspettarsi di tutto. Per rendersene conto è sufficiente “scorrere” la dichiarazione del gomorrista (nel senso di autore di “Gomorra”, testo sacro della camorra) Saviano, dopo la semi-condanna (o non sarebbe meglio definirla “quasi assoluzione”?) al pagamento di mille euro per aver diffamato la Meloni, all'epoca dei fatti, leader dell'opposizione e oggi presidente del Consiglio. A parere del magistrato, avrebbe “agito per motivi di alto valore morale”. Quali? A voi l'ardua sentenza. Magari dopo aver riflettuto sulle sue affermazioni post sentenza “dimostra che la democrazia in Italia è in pericolo”. Aveva ragione, Sainte Beuve sottolineando che, “Le menzogne sono come i mestrui: bisogna rispettarne il ciclo”. Ora nel mirino dei giornali sinistrorsi è finito Buttafuoco indicato dal ministro Sangiuliano alla presidenza della Biennale di Venezia. “È divisivo”, sostengono. Può darsi, ma è l'uomo giusto.