Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Brusciano: pusher arrestato, minaccia i carabinieri con una siringa

Il 52enne ha provato a fuggire e ha tentato di aggredire i militari


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 28 Aprile 2020 09:45


BRUSCIANO. I carabinieri della sezione operativa di Castello di Cisterna hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale A. C., 52enne di Brusciano già noto alle forze dell’ordine. I militari - nell’ambito di un servizio antidroga disposto dal comando provinciale di Napoli - hanno notato l’uomo aggirarsi con atteggiamento sospetto tra i caseggiati del rione “219” e hanno deciso di controllarlo. Il 52enne ha provato a fuggire lanciando via il borsello che aveva con sè.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Casandrino, in auto con pistola e proiettili: arrestati due 26enni

I giovani sono di Afragola e Cardito


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 28 Aprile 2020 09:41


GRUMO NEVANO. I carabinieri della stazione di Grumo Nevano hanno arrestato per porto di arma clandestina e munizionamento di arma comune da sparo D.A., 26enne di Afragola e A.V.L., 26enne di Cardito, entrambi già noto alle forze dell’ordine. A bordo di un’auto a noleggio i due stavano percorrendo le strade di Casandrino quando i militari, lungo Via Casandrino li hanno fermati e perquisiti. Nella tasca del sedile hanno così rinvenuto una pistola Glock semiautomatica calibro 9 completa di caricatore e un sacchetto contenente 37 proiettili dello stesso calibro.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
De Luca scrive a Conte e a Borrelli: prorogare accoglienza per i terremotati d'Ischia


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 27 Aprile 2020 19:00


NAPOLI. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha scritto al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al Capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, per segnalare la situazione venutasi a creare a Ischia, dove le famiglie rimaste senza abitazione per effetto del sisma del 2017, hanno rappresentato la gravissima criticità causata dalla concomitanza delle conseguenze sociali ed economiche legate al Covid-19, con la pregressa situazione conseguita al terremoto.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Nola, inseguimento in pieno centro: arrestato 23enne


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 27 Aprile 2020 15:21


NOLA. Inseguimento nel centro cittadino anche contromano. Carabinieri arrestano 23enne. Non aveva mai conseguito la patente e quando i carabinieri gli hanno imposto l’alt ha accelerato ed è fuggito. I militari, quelli delle stazioni di Nola e Carbonara di Nola, si sono lanciati nell’inseguimento del fuggitivo partendo dal centralissimo Corso Tommaso Vitale e tallonandolo per molti chilometri anche nelle strade che l’uomo aveva imboccato contromano. Simulando la resa A.I., 23enne di Saviano già noto alle ffoo, ha interrotto la marcia per poi ripartire a tutta velocità.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Sequestrata a Ercolano fabbrica clandestina mascherine


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 27 Aprile 2020 12:11


ERCOLANO. Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato nell'area mercatale di ''Pugliano'' del Comune di Ercolano, un opificio clandestino di circa 110 mq allestito con macchinari tessili utilizzati per la marcatura ed il confezionamento di mascherine con stampe di noti marchi contraffatti



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Acerra, evade dai domiciliari due volte in dodici ore

I carabinieri arrestano una 30enne


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 26 Aprile 2020 11:42


ACERRA. I carabinieri della stazione di Acerra hanno arrestato per evasione C.T., 30enne del posto già sottoposta agli arresti domiciliari. La donna si è allontanata dalla sua abitazione ma è stata immediatamente individuata e condotta in stato di arresto a casa. Nel pomeriggio, i militari hanno nuovamente raggiunto la sua abitazione e scoperto che avesse nuovamente violato la misura. Rintracciata poco dopo nell'appartamento di un'amica, la 30enne è stata arrestata per la seconda volta e ristretta in camera di sicurezza. È ora in attesa di giudizio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Sant'Antimo, preso con 21 dosi pronte per lo spaccio

Pusher 28enne arrestato dai Carabinieri


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 26 Aprile 2020 10:32


SANT'ANTIMO. I carabinieri della tenenza di Sant'antimo hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un 28enne di origini nigeriane già noto alle forze dell'ordine. A bordo di un'auto di grossa cilindrata insieme a un complice ha incrociato una pattuglia lungo via Marconi. Ritenendo di riuscire a confondere le idee ai militari ha abbandonato l'auto ed è scappato a piedi, permettendo al complice di fuggire. Bloccato dopo un breve inseguimento, il 28enne è stato perquisito e trovato in possesso di 200 grammi di marijuana suddivisi in 21 dosi.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Colpo di scena in Cassazione, tutto da rifare per il boss Di Martino


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 25 Aprile 2020 19:34


CASTELLAMMARE. Udienza ieri davanti alla Suprema Corte, nella quarta sezione, presieduta dal Dott. Fumu. L'avvocato cassazionista Dario Vannetiello (nella foto) ha ottenuto, nell’interesse del suo assistito, il capoclan Luigi Di Martino, che l’udienza venisse celebrata nonostante la pandemia in atto. L'arringa del difensore di chi è ritenuto il reggente del famigerato clan Cesarano - operante da decenni in Pompei, Castellamare e zone limitrofe - ha finito per fare breccia nei supremi giudici.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Punta Campanella, lo spettacolo delle aguglie imperiali sotto costa


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 25 Aprile 2020 18:40


MASSA LUBRENSE. Incontro ravvicinato spettacolare questa mattina nel mare di Punta Campanella. Due aguglie imperiali in un mare cristallino vicino alla costa in località Le Mortelle, Massa Lubrense, zona B dell'Area Marina protetta e sito del campo ormeggio sostenibile del Parco.


Visualizza questo post su Instagram

#lemeravigliedelleareeprotetteacasa Punta Campanella, le aguglie imperiali sotto costa nel giorno della Liberazione Avvistamento spettacolare nel mare de Le Mortelle a Massa Lubrense. Pesci pelagici, vivono al largo. Simili al Marlin de "Il vecchio e il mare" di Hemingway. Incontro ravvicinato spettacolare questa mattina nel mare di Punta Campanella. Due aguglie imperiali in un mare cristallino vicino alla costa in località Le Mortelle, Massa Lubrense, zona B dell'Area Marina Protetta e sito del campo ormeggio sostenibile del Parco. I due esemplari, circa un metro e mezzo, hanno nuotato, in un' acqua color smeraldo, vicino all' imbarcazione dell' Amp Punta Campanella, impegnata in azioni di monitoraggio. Simili al Marlin, il pesce reso celebre da Ernest Hemingway ne "Il vecchio e il mare", appartengono alla stessa famiglia, Istiophoridae, che comprende 11 specie di grossi pelagici. L' aguglia imperiale è un pesce endemico del mar Mediterraneo dove è maggiormente presente nella regione centrale. Un caso singolare, dato che in genere i pesci endemici del Mare nostrum sono piccole specie costiere e bentoniche e non grandi animali pelagici, come l'aguglia imperiale. È da sempre ben conosciuto e presente nel mare intorno allo stretto di Messina, mentre era molto meno comune negli altri mari italiani. Da qualche anno,però, ha ampliato verso nord il suo areale, in seguito al fenomeno della meridionalizzazione del mar Mediterraneo, dovuto molto probabilmente al riscaldamento globale. Il suo modo di vita è tipicamente pelagico. Vive al largo, in acque aperte senza nessun rapporto con il fondo e si trova solo occasionalmente vicino alla costa. Come oggi a Punta Campanella nel giorno della Liberazione in periodo di loockdown.

Un post condiviso da Punta Campanella Parco Marino (@puntacampanellaparco) in data:


Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Pozzuoli, festeggiò la scarcerazione con fuochi e neomelodico: torna in cella


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 25 Aprile 2020 15:39


POZZUOLI. È durata poco la permanenza a casa di un pregiudicato e legato a famiglie del clan ''Longobardi-Beneduce'', egemone in area flegrea, che ha voluto festeggiare la scarcerazione con l'esibizione di un cantante neomelodico e i fuochi d'artificio in cortile a Pozzuoli, località Monterusciello. I carabinieri della locale Sezione Operativa hanno infatti nuovamente arrestato G.C., 28 anni, in esecuzione della misura cautelare di aggravamento degli arresti domiciliari emessa dalla Corte di Appello di Napoli.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine