Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Torre del Greco: estorsione a consorzio Gema per ottenere assunzioni. 5 arresti

Occupazioni, danneggiamenti, aggressioni: per la Procura di Torre Annunziata furono responsabili del clima di tensione che impaurì gli operatori della raccolta e gli amministratori cittadini, acuendo la crisi dei rifiuti 


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 23 Mag 2019 11:57


TORRE DEL GRECO. La Procura di Torre Annunziata ha dato esecuzione a 5 ordinanze di custodia cautelare, nei confronti di persone che - tra i 50 appartenenti al progetto “Garanzia Giovani”  - sono state ritenute responsabili di tentata estorsione in danno al consorzio di imprese “Gema”, affidatario del servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti, nonché in danno dell’amministrazione comunale di Torre del Greco. Gli arresti sono stati eseguiti dalla Polizia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Frattamaggiore, abbandono rifiuti e omessa bonifica sito inquinato: scattano sequestro area e denuncia


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 22 Mag 2019 19:48


FRATTAMAGGIORE. Nell'ambito delle attività di contrasto al fenomeno dell'abbandono rifiuti messo in atto dalla polizia locale di Frattamaggiore, è stato individuato un fondo nei pressi di via Rossini oggetto di abbandono rifiuti ed ai cui proprietari era già stata intimata la bonifica. Gli agenti, diretti dal comandante, maggiore Biagio Chiariello, hanno provveduto a delimitare l'area di circa duemila metri quadrati con all'interno rifiuti di ogni tipo ponendola in sequestro.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Castellammare, "stanza rosa" in commissariato in ricordo di Imma


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 22 Mag 2019 17:30


CASTELLAMMARE. Sarà inaugurata alle ore 13 di domani all’interno del Commissariato di Castellammare di Stabia una stanza rosa, creata per le donne vittime di violenza, di maltrattamenti e di atti persecutori. Si chiamerà “La stanza di Imma”, in memoria di Imma Villani, uccisa dal marito a Boscoreale.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Varo a Castellammare di Stabia. Stop a persone e natanti nel Porto

Capitaneria di Porto: "Non ci sarà effetto tsunami. Ma l'area sarà interdetta ai non autorizzati dalle ore 6 finché la nave Trieste non sarà ormeggiata"


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 22 Mag 2019 14:39


CASTELLAMMARE DI STABIA. Banchine e aree demaniali marittime di Castellammare di Stabia interdette a persone e natanti nella mattina di sabato, per tutelare l’incolumità di persone e cose nella concomitanza del varo della nave portaelicotteri “Trieste” nello stabilimento Fincantieri.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Racket al mercato dei fiori: 7 arresti nel clan Cesarano

Operazione di carabinieri e guardia di finanza tra Castellammare di Stabia e Pompei


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 22 Mag 2019 09:52


NAPOLI. Operazione “mercato dei fiori” di Pompei: ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari eseguita dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza di Torre Annunziata nei confronti di 7 appartenenti al “clan Cesarano” di Castellammare di Stabia.


Racket al mercato dei fiori: 7 arresti nel clan Cesarano

CONDIVIDI:

LE INDAGINI. Le indagini, avviate immediatamente in sinergia tra l’Arma dei Carabinieri di Torre Annunziata e la Guardia di Finanza di Castellammare di Stabia, hanno permesso di identificare gli esattori del clan ed accertare che le somme estorte venivano consegnate “il 10 di ogni mese” dagli imprenditori operanti nel Mercato dei fiori. Gli operatori economici che non pagavano venivano violentemente percossi a scopo intimidatorio anche da appartenenti ad altri clan. A tal riguardo sono stati ricostruiti i rapporti d’amicizia tra gli affiliati dei clan “Cesarano”, operativo tra Pompei e Castellammare di Stabia, e quello dei “Pecoraro-Renna” operativo invece nella Piana del Sele e nell’alto salernitano. Oltre ad imporre il racket nella sua forma tradizionale con pagamenti a cadenza mensile le indagini hanno dimostrato che gli indagati avevano appositamente creato la società “Engy Service s.r.l.”, un’azienda di intermediazione trasporti, allo scopo di avere il monopolio delle spedizioni di fiori, bulbi e vasellame, provenienti prevalentemente dai Paesi Bassi, con annesso scarico merci che veniva effettuato all’interno del “Mercato dei fiori” e successivamente instradato verso l’intero Sud-Italia.

LE INTERCETTAZIONI. In particolare dalle intercettazioni è emerso che la società era considerata dagli imprenditori del settore “l’agenzia delle gang” poiché aveva imposto un rapporto di esclusiva commerciale sia per i trasporti che per lo scarico delle merci, anche in ragione della capacità intimidatoria derivante dalla parentela del titolare con Luigi Di Martino. Le vittime venivano obbligate ad avvalersi di tale azienda di intermediazione per effettuare il trasporto e lo scarico merci, subendo di conseguenza un aggravio delle spese.


Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Griglia che cattura i macrorifiuti. Si attrezzano tutti, da Nord a Sud, tranne il Sarno

Da Ferrara, sul Po, ad Agrigento sul fiume Platani, si adotta la soluzione più semplice per bloccare la plastica. Ma a Castellammare di Stabia, dove l'impianto già c'è, non viene usato


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Mag 2019 13:58


di Rosa Benigno



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ucciso per errore 14 anni fa, un arresto a Tufino


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Mag 2019 13:10


TUFINO. Vincenzo Mercogliano, accusato di concorso nell'omicidio di Giovanni Galluccio avvenuto a Tufino il 23 settembre 2005, è stato arrestato oggi dai carabinieri della Compagnia di Nola e del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna. Gli agenti hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli dal GIP del Tribunale di Napoli. Il delitto è aggravato dalla finalità di agevolare un'associazione di stampo camorristico e dai correlati reati in materia di porto d'armi.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Arzano, Consiglio sciolto per camorra: elezioni comunali annullate


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Mag 2019 12:41


ARZANO. Il Consiglio dei ministri ha sciolto il Consiglio comunale di Arzano. La decisione è stata presa su proposta del ministro dell'Interno Matteo Salvini, «tenuto conto che, all'esito di approfonditi accertamenti - spiega Palazzo Chigi nel comunicato diffuso dopo il Cdm -, sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata». La gestione del Comune è stata affidata a una Commissione straordinaria.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Castellammare di Stabia: lite per un tamponamento. Donna picchiata, finisce in ospedale

Due uomini vengono alle mani. Parte un pugno e viene colpita una signora che tentava di dividerli


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Mag 2019 00:10


CASTELLAMMARE DI STABIA. Un tamponamento e poi la lite tra i due conducenti. La donna di uno dei due si intromette per sedare gli animi. Ma parte un pugno ed è lei che - trovandosi in mezzo - lo riceve. La signora sviene immediatamente e resta priva di sensi sul selciato, mentre tra i due la lite si fa più furibonda. È successo ieri a Innpieno centro cittadino, a Castellammare di Stabia, altezza via Marconi-via Amato. Erano circa le 20 e il traffico è andato in tilt, mentre decine di persone si sono assiepate ai lati della strada ad assistere alla scena.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
I periti: «La tragedia della Solfatara evento prevedibile»

Chiuso l'incidente probatorio in Tribunale sul dramma che a Pozzuoli costò la vita a mamma, padre e figlio


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 20 Mag 2019 17:45


NAPOLI. "Il fenomeno dell'apertura delle cavità sottostanti nella zona della cosiddetta fangaia era prevedibile, se fossero stati realizzati studi sulla valutazione dei rischi". Non hanno dubbi i periti nominati dall'autorità giudiziaria: la tragedia della Solfatara era annunciata. È quanto è emerso dall'incidente probatorio svoltosi davanti al gip di Napoli, Isabella Iaselli, nell'ambito del procedimento che punta a far luce sulla morte, avvenuta il 12 settembre 2017, di tre turisti veneti: Massimiliano Carrer, la moglie Tiziana Zaramella e il figlio Lorenzo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine