Francesco Solimena è, unitamente con Francesco De Mura, uno dei due protagonisti della pittura napoletana del ‘700; ed anima una “scuola”, che farà affermare le sue ragioni, variamente oscillanti tra richiami classicistici ed empiti rococo. Non mancano altri protagonisti, come Giacomo Del Po, Domenico Antonio Vaccaro e Paolo De Matteis, che tra empiti neobarocchi a sensibilità classicistiche, definiscono una sorta di alternativa al Solimena.