E hi sì, credo proprio che se “Natale in casa Cupiello”, anziché nel 1931, venisse scritta oggi, a Nennillo che protesterebbe “Voglio ‘a zuppa; senz’a zuppa nun me soso”, la benevola mamma Concetta, gli risponderebbe “E allora cuntinua a durmì, pecchè ‘o zuppone nun t’’o pozzo fa”. Perché? Giustamente chiederete voi, ed allora mi spiego riportandovi tutti gli aumenti previsti e stimati dalla Federconsumatori per il 2022: Alimentazione, Assicurazione auto - Costi bancari - Tariffe autostradali - Trasporti - Tari - Luce e gas - Acqua - Scuola - Prestazioni sanitarie - Ristorazione e comunicazioni. Avite capito? E meno male che hanno scelto l’anno giusto: il 2022 quando tutto va bene: il Covid è sparito del tutto e si può circolare senza mascherina; i ragazzi vanno tutti a scuola; le aziende non chiudono, i tamponi nelle farmacie costano “solo” 15 euro (in portogallo 2,99 euro) e cumpagnia bella. E allora di cosa ci lamentiamo? Dice, ma quella ‘a Russia non ci manda più il gas; embè: mandiamo ‘na bella dichiarazione di guerra alla Russia: “O ci dai il gas oppure…” Ma oppure che cosa? Ma addò ce appresentamme ‘nguajte comme stamme? Facimme ridere ‘e mmosche. Ma la cosa ca cchiù me fa avutà ‘o stommaco è l’aumento di pane e latte, e penso a tutti quegli anziani con quattro soldi di pensione che dicono: “Va beh... Stasera ce facimme ‘na bella zuppetella ‘e latte”. Seh seh! E allora cari lettori, dobbiamo chiedere al papa di modificare il Padre Nostro con questa frase: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano…senza aumenti”, altrimenti, pe’ comme stanno ‘e ccose, diventa pane quotidi…ano! Ma dico io, se in Kazakistan, sol perché le stazioni di servizio, da un giorno all’altro, hanno raddoppiato il prezzo del Gpl, portandolo da 0,14 dollari a 0,28, sono scesi tutti in piazza, noi con tutta sta sfilza di aumenti che ci aspetta, cosa dovremmo fare? Io personalmente mi dissocio e non mi lamento, perché da questo mese, ringrazianne ‘a Madonna, l’Inps mi ha aumentato la pensione di 15 euro e stasera me faccio ‘na bella zuppa… d’orzo. Al prossimo… aumento.