Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
La prima presidente del Tribunale di Napoli


di  

CONDIVIDI:

Mar 30 Giugno 2020 14:44


Magistrato da 41anni, è stata sempre giudice penale fino alla prima nomina a Presidente di Tribunale. Sposata con due figli, Elisabetta Garzo (nella foto) ama lo sci e l’attività sportiva in generale che pratica quotidianamente. È una infaticabile camminatrice. Quando il suo secondogenito viveva a New York, in nove giorni ha percorso a piedi circa 300 chilometri. Estroversa e curiosa, è appassionata in particolare di cucina e ha frequentato anche corsi di arte culinaria. «Sono napoletana e ho vissuto a via del Parco Margherita. Ho frequentato le scuole del quartiere Chiaia.

Pietro Lignola, un sacerdote della giustizia


di  

CONDIVIDI:

Lun 22 Giugno 2020 19:53


Magistrato, è stato presidente della Corte di Assise d’appello di Napoli ed è stato impegnato nei lavori della Commissione ministeriale per la redazione del nuovo codice penale. Pietro Lignola (nelle foto in palcoscenico e in tribunale) è opinionista del “Roma”, ha scritto anche per “il Tempo”, “Libero”, “il Giornale”, “L’Indipendente” e per il mensile “Il Monitore”.

Cardioangiologo per “diversamente giovani”


di  

CONDIVIDI:

Mar 16 Giugno 2020 19:42


Laureato in medicina con due specializzazioni, medicina interna e cardiologia, con particolare interesse per quella geriatrica, Alessandro Bresciani (nella foto) è dirigente medico alla prima medicina interna dell’Azienda ospedaliera Cardarelli di Napoli. Sua moglie, Claudia Calabrò, è pediatra e si interessa di allergologia pediatrica al Loreto Crispi. Hanno due figlie. La prima, Giorgia, frequenta il secondo anno di Giurisprudenza. La seconda, Federica, vuole ripercorrere la strada dei genitori e fare il medico. «Sono napoletano anche se ho un accento calabrese.

L’artefice del “miracolo Cesport"


di  

CONDIVIDI:

Mar 09 Giugno 2020 17:02


Iscritto al Collegio dei ragionieri commercialisti con abilitazione alla professione e laureato in Scienze motorie, Giuseppe Esposito (nella foto) ha iniziato la sua attività lavorativa esercitando la libera professione. Successivamente, abilitato all’insegnamento nelle scuole medie inferiori e superiori, è stato docente di educazione fisica. Assunto al Banco di Napoli, ora Intesa Sanpaolo, di cui attualmente è funzionario, è stato dirigente della Società Sportiva Cral Banco di Napoli .

Angelo Coviello, “self-made man” di successo


di  

CONDIVIDI:

Lun 01 Giugno 2020 20:17


Angelo Coviello (nella foto) è un affermato broker di assicurazioni ed è amministratore unico della Insurance Gold Broker srl. Ha un’esperienza di lungo corso nel settore assicurativo e questo traguardo è stato festeggiato nell’ambito di un convegno di studi assicurativi presso l’Università Parthenope. È impegnato nel sociale e ha ricevuto anche uno speciale riconoscimento dal “Premio Ischia di Giornalismo" per la comunicazione. «Siamo di origine Salernitana, mia mamma è di Laviano, mio padre è cresciuto a Eboli.

Droga a domicilio insieme alla spesa


di  

CONDIVIDI:

Lun 01 Giugno 2020 20:08


L’informativa metteva sul ‘chi vive’ le caserme. “Data la quarantena – c’era scritto – i pusher hanno cambiato strategia: la droga viene consegnata a casa dei clienti, camuffata da spesa. Questi i market da monitorare”. L’ispettore Ajello posò il foglio e fissò il commissario. «Capo, questa circolare non ci dice nulla di nuovo» commentò a caldo. «È ovvio che se Maometto non va alla montagna...». Il commissario zittì il sottoposto con la mano. Poi tossì con l’aria di chi sta per dire qualcosa di importante. «Lo so, lo so. Ma dobbiamo attenerci alle indicazioni ministeriali, Ajello.

Quell’accoglienza che non mi aspettavo


di  

CONDIVIDI:

Dom 31 Mag 2020 19:02


Da un po’ di tempo sento il suo calore più raro. La sua mano mi accarezza ma non mi riscalda del tutto. C’è una strana atmosfera in casa, lo colgo dalla mancanza di musica che rallegrava le mattinate, dalle parole sussurrate tra loro, dalle telefonate improvvise, anche in piena notte. Eppure sembrava tutto fantastico: mi ascoltava e lo faceva, insieme alle coccole serali che mi regalava puntuale dopo cena; rideva alle mie improvvise capriole e per me c’erano abbracci caldi e affettuosi, per lei parole sempre incoraggianti.

Una storia fantastica


di  

CONDIVIDI:

Dom 31 Mag 2020 18:59


Tina era cresciuta in una famiglia borghese dove tutto era pura convenzione e solo all’età di ventisei anni scopri gli abbracci. Incominciò a fare volontariato e scopri tante persone che erano capaci di dare ma vide anche tante persone che lo facevano per forma e non per sostanza e questo la faceva stare male ma lei non si curò assolutamente di tutto questo e cominciò ad uscire per quella che era realmente. Incominciò a stare accanto a chi aveva bisogno di aiuto e si sentì realizzata. Ed allora sì: baci, abbracci e carezze a più non posso. Felice ma anche delusa.

Bentornato, uomo del semaforo


di  

CONDIVIDI:

Sab 30 Mag 2020 16:57


Abito vicino a un incrocio, il cancello esterno del mio stabile vi si apre di fronte. La mia casa e il posto dove lavori sono prossimi, però io abito in una casa decorosa e tu lavi i vetri per strada. Dove sei stato in questo tempo di lockdown, uomo del semaforo? Il tuo nome, non so quante volte me lo hai detto, è un nome semplice, ma lo dimentico. In fondo non devo chiamarti. Quando mi vedi per strada, a piedi o in auto, mi saluti, mi sorridi. Qualche volta, quando sei di ritorno dal tuo Paese, ci siamo perfino scambiati un bacio, all’occidentale, prima del Covid.

Sul pianerottolo, il buongiorno è per sempre


di  

CONDIVIDI:

Mer 27 Mag 2020 20:00


Come tutte le mattine Sara e Claudia escono di casa allo stesso orario,alle 7,30 e come ogni mattino si evitano: entrambe cercano di ascoltare dal proprio appartamento il chiavistello girare cercando così di escludere un saluto negato. Quella mattina però Sara viene distratta dal piccolo Luca e non prestando così attenzione mette piede sul pianerottolo nello stesso istante in cui Claudia si lascia chiusa la porta alle spalle.

Pagine