Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Ortensia si vede grassa


di  

CONDIVIDI:

Mer 01 Aprile 2020 19:40


Ortensia ha diciassette anni, capelli lunghi, lisci e biondi ma spenti, proprio come i suoi occhi grigi che hanno deciso di incrociare di rado quelli di un’altra persona. In realtà, sono già quasi due anni che l’intero corpo di Ortensia, da sempre esile e spigoloso, non somiglia più a quello di una di quelle antilopi graffite sulle pareti delle caverne nel Sud della Francia che tanto l’avevano impressionata durante un viaggio fatto in compagnia dei suoi genitori, e nelle quali si era immediatamente riconosciuta.

Franco Di Mare, “inviato” di una guerra planetaria


di  

CONDIVIDI:

Mar 31 Marzo 2020 20:00


Storico inviato di guerra del Tg1, è membro del consiglio direttivo dell’Unicef, conduttore televisivo e scrittore. Franco Di Mare (nella foto) è laureato in Scienze Politiche all’Università Federico II. È stato uno degli inviati di punta dei Tg Rai per oltre 20 anni per poi passar alla conduzione di programmi come “Unomattina” e “Sabato e Domenica”. Nel 2019 è tornato con “Frontiere”, una trasmissione racconto-inchiesta che ripercorre diverse storie e fatti di cronaca internazionali. Il 20 luglio 2019 diventa vicedirettore di Rai 1 con delega ad approfondimenti ed inchieste.

Cari nipotini, quanto mi mancate


di  

CONDIVIDI:

Mar 31 Marzo 2020 19:47


Cari nipotini, com’è difficile stare lontano da voi. Di voi mi manca tutto, i baci, gli abbracci, i giochi che insieme c’inventiamo, la grazia dei vostri discorsi, l’intelligenza delle vostre risposte. Ma, come vi hanno spiegato mamma e papà, dobbiamo stare lontani, non possiamo vederci perché quel briccone di virus passa dall’uno all’altro con una gran velocità e ci può far ammalare tutti. Io- dicono i dottori- vado più protetta, perché sono vecchiarella, più fragile.

Mangia a zizì, che l’estate torna sempre


di  

CONDIVIDI:

Lun 30 Marzo 2020 20:14


Non sempre si ha la fortuna di poter fare la villeggiatura, di quelle che parti in macchina con le valigie cariche di sogni, palette e secchielli, costume e zoccoletti, pronti a graffiare come carta vetro sulla sabbia del bagnasciuga, quando arrivava l'ora del gelato e dell'interminabile attesa prima di avere il permesso di andarsi a tuffare. Tornera un'altra estate, ugua- ̀ le e diversa come le mie estati bambine.

La laurea, un fascio di fiori e Lui


di  

CONDIVIDI:

Sab 28 Marzo 2020 21:24


Attendevo con ansia di conoscere il giorno della tesi perché, così, avrei concesso una soddisfazione ai miei genitori e poi, perché senz’altro sarebbe arrivato Lui con un bel fascio di fiori e una dose di abbracci. Lui l’ho conosciuto qualche mese fa, però posso affermare che si tratta di uomo con una bontà veramente unica. Avevo preferito rientrare a casa dai miei in campagna, ad un passo dal Vesuvio per guardare la città ad una giusta distanza e ritrovare la concentrazione perduta.

“’A semulella”, il panino torrese


di  

CONDIVIDI:

Sab 28 Marzo 2020 00:31


Ingredienti 600 grammi di semola di grano duro rimacinata 250 grammi di lievito madre o 5 grammi di lievito di birra, aggiungendo 125 grammi di semola e 100 d’acqua 300 grammi di acqua per l’autolisi 150 grammi di acqua per finire l’impasto 5 grammi di miele o zucchero semolato 15 grammi di sale Procedimento Mezz’ora prima di impastare mettere la semola in autolisi impastandola leggermente con i 300 grammi d’acqua a circa 22° C. Lasciate l’autolisi in una ciotola coperta con pellicola o nella vasca della vostra impastatrice per 30 minuti.

Il silenzio ritrovato nel tempo allargato


di  

CONDIVIDI:

Ven 27 Marzo 2020 20:11


«E ci voleva il coronavirùs per far capire alla gente che il mondo è stanco!». Sbraitò la signora Geltrude mentre stendeva i panni fuori dal terrazzino.. La signora Amalia sua vicina di casa, le chiede: «Che dite signora Geltrù?». «Stavo dicendo che non se ne poteva più di tutti i rumori dei motorini che passavano qua sotto, per non parlare di tutti quei ragazzi che bevevano fino alle tre di notte, e che con il fracasso che facevano, non riuscivo mai ad addormentarmi prima delle quattro, che poi mi sono sempre chiesta, ma una casa con una famiglia questa gente non ce l’ha?».

Ma ci restano cioccolatini e biscotti


di  

CONDIVIDI:

Gio 26 Marzo 2020 20:18


La fila è lunga. E mò?, dove trovo la pazienza di aspettare? La signora avanti a me (giusto un metro di distanza) ripete a memoria la lista della spesa per paura di dimenticare qualcosa. Sa bene che la prossima occasione si ripresenterà tra una settimana. Mi guardo attorno e vedo signori compassati, il volto coperto da mascherine, attendere in fila con una calma che in altri momenti non si sarebbero mai sognati di avere.

Che felicità in un “vasillo”


di  

CONDIVIDI:

Mer 25 Marzo 2020 20:01


All’inizio mi infastidiva ma tacevo. A furia di sentirle dire “lo prenderei a paccheri”, però, un giorno le suggerii: «S’informi, signora, che i paccheri, in realtà, sono un formato di pasta che…». «Sono bene informata, cara la milanese, e se vuoi fare la maestrina, i paccheri li do a te, e pure con la mano smerza!» Ebbene, questo suo parlare grossolano mi stizziva. Ma ero ospite, dannazione, e dunque zitta e muta!

Donato Gamba, maestro di implantologia endossea


di  

CONDIVIDI:

Mer 25 Marzo 2020 16:58


Laureato in medicina e chirurgia, Donato Gamba (nella foto) è specializzato con lode in chirurgia maxillofacciale. È autore di numerosi pubblicazioni scientifiche, ha partecipato a congressi e a casi di chirurgia orale ed implantologia in Europa e in America. «Sono nato al Vasto, un quartiere popolare di Napoli, e faccio parte di una famiglia numerosa. Papà è odontotecnico e mamma casalinga. Poi ci trasferimmo ai Ponti Rossi. Da ragazzino frequentavo il Borgo Sant’Antonio Abate dove avevo tutti gli amichetti con i quali giocavo a pallone.

Pagine