Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Povera Marcuzzi... ha perso il sorriso


di  

CONDIVIDI:

Mer 15 Settembre 2021 18:07


Ancora pienamente arrecriato per la vittoria del mio Napoli sulla rubentus, improvvisamente il sorriso mi si è spento, apprendendo da un settimanale gossip, che la Marcuzzi, sebbene spaparanzata al mare, in quel di Formentera e, nonostante la sua prossima discesa in campo a “Ballando con le stelle”, non riesce a ritrovare il sorriso; infatti le foto la mostrano imbronciata verso il marito e, vi confesso, sono foto che fanno star male, specialmente a me, che mi ritengo persona ultrasensibile. Che putimme fa pe sta guagliona per farla tornare a sorridere?

Antonio Sciambra, medico manager


di  

CONDIVIDI:

Mar 14 Settembre 2021 18:45


È laureato in medicina e chirurgia e specializzato in malattie infettiv, presso la I Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli. Antonio Sciambra (nella foto) dal 1988 lavora presso l’Ospedale Evangelico Villa Betania di Napoli di cui dal 2003 è direttore sanitario. È stato direttore del Centro Autonomo di Epatologia dello stesso ospedale dal luglio 2006 fino all’8 gennaio 2016. Nel settembre 2010 è stato nominato membro del Comitato Scientifico dell’ISSB (Istituto Scienze Sanitarie Betania), incarico che ricopre a tutt’oggi.

Affrontare insieme le decisioni


di  

CONDIVIDI:

Ven 10 Settembre 2021 18:51


Cambiare pensiero... certo che si può per non perdersi il meglio! In una coppia è decisamente sbagliato restare impantanati su di un punto! Avevo deciso e ne ero stra-convinta che avrei affrontato con tutte le mie energie da sola il parto nonostante fossero tantissime le donne che mi consigliavano di vivere il travaglio con mio marito. Pudore... desiderio di farmi vedere sempre forte, in ordine, lontana da una probabile idea di donna gravida ululante come un lupo per il dolore!

“Gusto Marigliano”, la tradizione in tavola


di  

CONDIVIDI:

Gio 09 Settembre 2021 19:09


Una tradizione che si rinnova quella portata dalla famiglia Marigliano in via Medina a Napoli. Una storia fatta di amore e di pizze che oggi con il nuovo locale “Gusto Marigliano” restituisce ai napoletani il frutto di un’esperienza antica. Ricordando quando Antonio preparava le sue pizze fritte sotto la guida del papà Raffaele, da qualche giorno, a pochi passi da piazza Municipio, la nuova pizzeria rappresenta al meglio l’evoluzione di più generazioni con in comune la passione per sua maestà la pizza.

L’altra Faccia, o meglio: “Feccia” di Napoli


di  

CONDIVIDI:

Mer 08 Settembre 2021 18:40


Ma avete notato quanta escalation di violenza c’è in giro, specie tra i giovani? Ho cercato invano di darmi una risposta o farmene una ragione ma... invano; “forse” dicevo tra me e me, “la colpa non è loro, bensì dell’educazione ricevuta, o peggio: non ricevuta”; ed ecco che a dissipare i miei dubbi, mi è venuto in soccorso un post pubblicato su facebook dall’amico Pasquale Festa, che vi riporto con piacere; “Siamo stanchi”.Siamo stanchi della vostra prepotenza, delle vostre facce allampadate, delle vostre urla sguaiate, delle suonate di clacson alle 3 di notte sui vostri motorini rubati.

Mimmo Basso, l’uomo della continuità


di  

CONDIVIDI:

Lun 06 Settembre 2021 19:51


È il direttore operativo del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale. Si è laureato con lode in filosofia all’università L’Orientale con una tesi in “Storia del Teatro e dello Spettacolo”. Mimmo Basso (nella foto) ha fatto un corso biennale di giornalismo presso l’università di Camerino. «Sono nato a Piscinola, nella periferia nord di Napoli, da una famiglia piccolo borghese. Quel quartiere, che negli anni successivi avrebbe confinato a nord con Scampia, ha inciso molto nella mia formazione perché fin da subito ho sentito una forte spinta a evadere.

Gaetano Facchini, oncologo manager


di  

CONDIVIDI:

Lun 30 Agosto 2021 19:15


È Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia del “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli e al “A. Rizzoli” di Ischia.

Alcol e non solo: dal corretto fino ai cocktail e all’ammazzacaffè


di  

CONDIVIDI:

Dom 29 Agosto 2021 17:16


Anticamente il caffè era conosciuto dagli europei come “Vino d’Arabia”. Il perché di questo appellativo risiedeva nel fatto che nel mondo arabo, per motivi religiosi, vigeva il divieto di bere bevande alcoliche motivo per cui questi popoli prediligevano bere il nero infuso. Passano i secoli, il caffè si diffonde anche in Europa e in molti iniziano ad unirlo ad altri ingredienti come il latte, la panna e la cioccolata. Quando si scoprì che l’oro nero si abbinava anche molto bene con le bevande alcoliche fu subito successo. Da allora tantissime ricette sono state create, proposte e gustate.

E la Commedia diventa una tragedia


di  

CONDIVIDI:

Sab 28 Agosto 2021 16:16


In Paradiso si commentano i festeggiamenti infernali e si comincia a intravedere una reazione del Signore

***

Una settimana da ridere


di  

CONDIVIDI:

Sab 28 Agosto 2021 16:10


LUNEDÌ

“Amazon” sponsor del Napoli. Stavolta è stato De Laurentiis a fargli il pacco.

Pescara: entra in un negozio di intimo e fa sesso con manichino. «Era in mutande e reggiseno, se l’è cercata».

Chiara Ferragni: «Vedo uno psicologo una volta a settimana». Ma è lui a sdraiarsi sul lettino.

MARTEDÌ

È morto il batterista dei Rolling Stones. L’unico che non si drogava. Forse proprio per questo.

Conduttore tv si fa spedire la droga dello stupro ma dice che è per uso personale. Per violentarsi da solo.

Pagine