Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Il testo del discorso di Conte


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 19:22


Ecco il testo integrale dell'intervento del premier.

"Gentile Presidente, gentili Senatrici, gentili Senatori, ho chiesto di intervenire per riferire sulla crisi di Governo innescata dalle dichiarazioni del Ministro dell'Interno, leader di una delle due forze di maggioranza.

Ho sempre limpidamente sostenuto che, in caso di interruzione anticipata dell'azione di Governo, sarei tornato qui, nella sede istituzionale, dove inizialmente ho raccolto la fiducia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
«Rifarei tutto quello che ho fatto»: la replica di Salvini


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 16:39


«Mi dispiace che lei mi ha dovuto mal sopportare per un anno, l'ho scoperto oggi». Così Matteo Salvini parlando al Senato e replicando al discorso del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. «La critica più surreale è che non si fanno le crisi d'agosto. I parlamentari lavorano d'agosto come tutti gli altri italiani» ha detto il vicepremier a Palazzo Madama, “traslocato" dai banchi del governo a quelli della Lega.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Conte “spacca" sui social


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 16:04


"Presidente non mollare", "non ci lasci", "ha in mano le sorti del Paese". Ma anche "prepara le valigie", "pensi solo alla poltrona", "vai a casa". Il premier Giuseppe Conte inizia a parlare in Senato e i social si scatenano. Tanti, tantissimi gli utenti che in questi minuti stanno seguendo in diretta su Facebook il discorso del premier e commentano in tempo reale le sue dichiarazioni.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Conte si dimette: «Salvini mosso da interessi personali e di partito, l'azione di governo si arresta qui». E la Lega ritira la mozione di sfiducia

Il premier: «Richiesta dimissioni grave, andava chiarita in un pubblico dibattito»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 15:13


«Crisi innescata da dichiarazioni ministro dell'Interno». Il premier Giuseppe Conte nel suo discorso al Senato punta il dito sulle origini della crisi. «Richiesta dimissioni grave, andava chiarita in un pubblico dibattito».


Conte in aula al Senato

CONDIVIDI:

«Il Paese ha urgente bisogno che siano completate le misure per favorire la crescita economica e gli investimenti. Abbiamo predisposto vari strumenti che con questa incertezza rischia di non essere valorizzati. Caro ministro dell'Interno, promuovendo questa crisi di governo ti sei assunto una grande responsabilità di fronte al Paese. Ti ho sentito chiedere “pieni poteri" e invocare le piazze a tuo sostegno, questa tua concezione mi preoccupa» ha dichiarato Conte nel corso delle comunicazioni al Senato. 

«Se avessi accettato di incontrare le parti sociali insieme a me a Palazzo Chigi avremmo certo accreditato un'azione comune del governo. Se avessi accettato di venire qui in Senato a riferire sulla vicenda russa, che oggettivamente merita di essere chiarita anche per i riflessi sul piano internazionale, avresti evitato al premier di presentarsi al tuo posto rifiutandoti di condividere con lui le informazioni in tuo possesso». 

«Chi ha responsabilità politiche dovrebbe evitare, nel corso dei comizi, di accostare slogan e simboli politici a simboli religiosi. Questi atteggiamenti non hanno nulla a che vedere con il principio di libertà religiosa, ma sono piuttosto incoscienza religiosa che rischiano di offendere i credenti e di oscurare il principio di laicità dello Stato».

«In molteplici occasioni hai invaso le competenze dei ministri, hai criticato singoli ministri, incrinando la compattezza della squadra di Governo. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano» ha detto il premier rivolto a Salvini.

«La crisi in atto compromette l'azione di questo governo che qui si arresta». Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel suo intervento in Senato.

«Il rispetto delle istituzioni imporrebbe di rimanere in aula e non c'è nessuna ragione che possa giustifcare un allontanamento». A dirlo è stato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante il suo intervento in aula del Senato, riferendosi all'assenza dei parlamentari M5s durante le comunicazioni del vice premier Matteo Salvini sul caso fondi Lega-Russia.

«Sull'Europa occorre un rinnovato slancio di responsabilita'. Il comune edificio europeo sta attraversando una fase critica alla quale non si può rispondere con un europeismo fideistico ma nemmeno con uno scetticismo disintegratore con un ritorno a sovranità nazionali chiuse e conflittuali». 

 «Dopo il dibattito andrò al Quirinale a rassegnare le dimissioni a Mattarella».

LE LEGA RITIRA LA MOZIONE DI SFIDUCIA. In serata la Lega ha ritirato la mozione di sfiducia al premier Giuseppe Conte presentata giorni fa al Senato. Due le ragioni alla base della decisione, secondo fonti interne: la prima è che non avrebbe senso dopo aver ascoltato il premier annunciare le dimissioni. La seconda, perché avendo aperto uno spiraglio a lavorare assieme per completare le riforme, sarebbe stato incoerente presentarla, prima di aspettare la replica del Premier. 


Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Governo, è il d-day


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 13:41


È il d-day del governo. Ieri, nel giorno dell'assemblea M5S alla Camera e delle accuse del vicepremier Matteo Salvini contro il rischio di un esecutivo che da gialloverde viri al giallorosso (con il Pd più Leu) poche sono state le certezze sull'evoluzione possibile della situazione: tutto dipenderà dal contenuto delle comunicazioni di Giuseppe Conte.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Di Maio a Conte: «Oggi ministri M5S al tuo fianco»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 13:23


Luigi Di Maio al fianco di Giuseppe Conte. Nel giorno della “verità" del governo gialloverde, il vicepremier e capo politico M5S posta su Facebook una lettera aperta indirizzata al presidente del Consiglio, atteso oggi pomeriggio in Senato per le sue comunicazioni.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Governo, De Magistris stila il programma: «Alleanze prima del voto»


di  Mario Pepe

CONDIVIDI:

Mar 20 Agosto 2019 12:36


NAPOLI. Un programma sul quale «costruire convergenze e alleanze prima del voto, mettendosi insieme prima e non dopo per mere ragioni di poltrone e potere». Tutto ciò per essere pronti «al momento giusto, per vincere e governare in piena attuazione della Costituzione». Dopo l’annuncio della discesa in campo in caso di voto anticipato, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, si spinge oltre con un vero e proprio “manifesto” politico annunciando addirittura i primi tre provvedimenti di legge.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Di Maio: "Dimezziamo anche gli stipendi"


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 13 Agosto 2019 20:50


ROMA.  "Voglio darvi una buona notizia, dopo le proteste dei cittadini nelle piazze e sui social la Lega ha ceduto sul taglio dei parlamentari, una riforma del MoVimento 5 Stelle e che il Paese aspetta da anni. Settimana prossima tagliamo 345 parlamentari". Lo scrive su Facebook il leader del M5S, Luigi Di Maio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Forza Italia rifiuta la lista unica con Salvini


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 13 Agosto 2019 20:47


ROMA. Il coordinamento di presidenza di Forza Italia, in relazione all’ipotesi di un listone di centrodestra apparsa su alcuni quotidiani, si dichiara radicalmente contrario a questa ipotesi. Forza Italia, pur auspicando un accordo di coalizione con gli altri partiti di centrodestra, non è disposta a rinunciare alla propria storia, al proprio simbolo e alle proprie liste in vista delle prossime elezioni politiche. Si legge in una nota del coordinamento di Fi. Silvio Berlusconi ha riunito oggi a palazzo Grazioli lo stato maggiore di Forza Italia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Busta sospetta per Zingaretti al Nazareno


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 13 Agosto 2019 20:43


ROMA. Una busta sospetta, contenente della polvere bianca, indirizzata a Nicola Zingaretti è arrivata questa mattina alla sede nazionale del Pd a largo del Nazareno. Il plico, proveniente dall'Inghilterra, è stato esaminato dal Nucleo Nbcr dei Vigili del fuoco. Secondo quanto si apprende da fonti della questura di Roma, all'interno è stata trovata dell'eroina.

La busta gialla, analoga a quella recapitata a Palazzo Chigi, non aveva alcun mittente. Sul posto è intervenuta la Digos che sta svolgendo accertamenti. 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine