Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Salvini: «No di Tria? Problema sono io o è lui»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Ven 26 Luglio 2019 18:04


Il giorno dopo la dura presa di posizione nei confronti di Giovanni Tria, il vicepremier Matteo Salvini torna all'attacco sulle tasse. Intervistato su Radio 24 il leader della Lega dice a chiare lettere: "Se il ministro dell'Economia del governo di cui orgogliosamente faccio parte dice che per quest'anno di taglio delle tasse non si parla, e lo facciamo tra un anno, tra due anni, il problema sono io o è lui. Cosa faccio, una manovra all'acqua di rose? L'Italia ha bisogno di uno choc fiscale".



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
«Sul Don Bosco Salvini faccia i fatti e non i tweet»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Luglio 2019 18:07


NAPOLI. «Leggo le dichiarazioni del Ministro Salvini. Non si comprende in quale universo sia e da quale pianeta stia parlando». Lo afferma il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. «Quando dovesse ritornare nel mondo reale - aggiunge De Luca - potrebbe finalmente constatare che la lotta contro la camorra e ogni forma di illegalità la stiamo facendo noi e spesso a nostro rischio, anche personale, spesso in totale solitudine. Ieri abbiamo spiegato in dettaglio le azioni da noi poste in essere per contrastare e sconfiggere presenze e azioni criminali.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Incontro Di Maio-Salvini


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Luglio 2019 16:09


E' durato un'ora l'incontro a Palazzo Chigi l'incontro tra i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Nel corso della riunione, i due vice hanno fatto il punto della situazione alla luce degli avvenimenti dell'ultima settimana. Si tratta del primo incontro dall'11 luglio scorso, quando Di Maio e Salvini si videro durante il vertice sull'autonomia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Editoria, Casciello (Fi): «Crimi, l'uomo sbagliato nel posto peggiore»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Luglio 2019 15:57


ROMA. «L’ennesima stucchevole polemica del sottosegretario con delega all’editoria Vito Crimi, l’uomo sbagliato nel posto peggiore, conferma come questo governo, già per il solo fatto di affidargli la responsabilità di un settore cruciale, sia nemico della democrazia, dell’informazione e della professionalità». Lo afferma l’onorevole Gigi Casciello, deputato di Forza Italia, a proposito del duro botta e risposta tra Crimi e l’Ordine dei Giornalisti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Mattarella: «Io arbitro, non faccio scelte politiche»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Luglio 2019 14:00


"È superfluo ribadire che il Quirinale non compie scelte politiche. Queste competono alle formazioni politiche presenti in Parlamento, necessariamente all’insegna della chiarezza, nel rispetto della Costituzione. Il presidente della Repubblica è chiamato dalla Costituzione - come è noto, come arbitro - al dovere di garantire funzionalità alla vita istituzionale nell’interesse del nostro Paese. L’arbitro non può non richiamare al rispetto del senso delle istituzioni e ai conseguenti obblighi, limiti e doveri".



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Conte: «Savoini era a Mosca con Salvini»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 24 Luglio 2019 17:36


"Il signor Gianluca Savoini non riveste e non ha rivestito incarichi formali in qualità di consulente esperto di questo governo". Così il premier Giuseppe Conte in Aula al Senato. "Risulta presente in una missione ufficiale a Mosca del 15-16 luglio 2018 a seguito del vicepremier Salvini". "La partecipazione di Savoini al Forum Italia Russia ha comportato l'automatico invito alla cena" a Villa Taverna" aggiunge, poi. L'invito di Savoini "era stata sollecitata dal signor D'Amico".



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
«Avanti con nostra battaglia»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 24 Luglio 2019 12:38


"Lo abbiamo sempre detto che non abbiamo governi amici e quello che è successo ieri è un'ulteriore dimostrazione". Così all'Adnkronos Lele Rizzo, uno dei leader del Movimento No Tav, all'indomani del sì di Giuseppe Conte all'opera. "Le parole del premier sono un atto politico molto chiaro che va verso le braccia di Salvini per tenere in piedi il governo e salvare la faccia ai 5 Stelle perché sappiamo che se si va in Parlamento tutti voteranno a favore, eccetto i Cinque Stelle che potranno dire di aver fatto il possibile. Tutto questo per noi è inaccettabile".



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Quando Di Maio diceva «i due mandati non si toccano»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 23 Luglio 2019 15:08


Regola dei due mandati addio, almeno per i consiglieri. Ad annunciare la rivoluzione in casa M5S è il capo politico e vicepremier Luigi Di Maio, che ieri ha voluto lanciare la novità attraverso un video pubblicato su Facebook. Ecco quindi approdare fra i cinquestelle, previa approvazione degli iscritti di Rousseau, il mandato zero, ossia «un mandato, il primo, che non si conta nella regola dei due mandati, cioè un mandato che non vale». La regola, qualora approvata dagli iscritti, «varrà solo e soltanto per i consiglieri comunali e per i consiglieri di municipio».



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Frasi contro gay, Cannata indagato


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 23 Luglio 2019 15:05


Istigazione a delinquere, aggravata dalla commissione del fatto attraverso strumenti informatici e telematici. E' l'accusa a cui è chiamato a rispondere Giuseppe Cannata, vicepresidente del Consiglio comunale  di Vercelli a cui la procura ha inviato un avviso di garanzia a seguito del post pubblicato domenica sera dall’esponente politico su Facebook. Le parole del vicepresidente Cannata, membro di Fratelli d'Italia, si riferivano a un articolo sulle famiglie Arcobaleno postato dal senatore Pillon nel 2018.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
“Caso Siri”, intercettazione di Arata: «Gli dò 30mila euro»

Miceli, componente della commissione Antimafia: «Se fosse confermato stavolta dovrebbe dimettersi Salvini»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 21 Luglio 2019 23:19


ROMA. «Gli dò 30 mila euro perché sia chiaro tra di noi, io ad Armando Siri, ve lo dico». Sarebbe questa l'intercettazione in cui l'imprenditore ed ex parlamentare di Forza Italia, Paolo Arata, consulente della Lega, avrebbe chiamato in causa  l'ex sottosegretario Armando Siri durante un colloquio di settembre 2018 con il figlio Francesco e con Manlio Nicastri, figlio dell'imprenditore Vito, il “re” dell'eolico. È questa l'intercettazione alla base del filone romano dell'inchiesta in cui si ipotizza il pagamento di una tangente all'ex sottosegretario.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine