Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Referendum, voto all'estero: pronto un ricorso del comitato del "No"

I promotori: non è garantita la segretezza, se fosse decisivo per il "Sì" potremmo impugnare il risultato


di  

CONDIVIDI:

Mar 22 Novembre 2016 13:57


ROMA. "Nel voto degli italiani all'estero, non è garantito il requisito della segretezza e se il voto degli italiani all'estero fosse decisivo ai fini del risultato e determinasse la vittoria del Sì al referendum del 4 dicembre, potremmo decidere di impugnare il risultato". Lo ha detto il presidente del comitato del No, Alessandro Pace, parlando ai giornalisti della Stampa estera in Italia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Renzi al Mav di Ercolano per il “Sì”: «Ora o mai più»

Il premier: il cambiamento vero parte dal Sud, chi parla di riforma sbagliata tiene ai suoi 20mila euro di pensione. Se volete votate “No”, ma poi non lamentatevi più della casta. Poi la stoccata ai Cinque stelle: urlano “onestà" e poi falsificano le firme


di  

CONDIVIDI:

Dom 20 Novembre 2016 20:30


ERCOLANO. "Non è possibile che ci danno in testa in Lombardia e qui no, è proprio al Sud che bisogna voler cambiare, che più che altrove bisogna volere il cambiamento". Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, parlando al Mav di Ercolano a una manifestazione a sostegno del sì al referendum.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Bankitalia ci prova: con il "No" rischio mercati

Via Nazionale: attesa una forte volatilità


di  

CONDIVIDI:

Sab 19 Novembre 2016 00:03


ROMA. In coincidenza con il referenum costituzionale del prossimo 4 dicembre Bankitalia segnala un "forte aumento della volatilità attesa per il mercato italiano". È quanto emerge dal Rapporto sulla Stabilità Finanziaria, appena diffuso. Il tutto in uno scenario che già evidenzia un differenziale "elevato fra la volatilità implicita del mercato italiano e quello dell'area dell'euro".



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Caso Bindi, De Luca si scusa: «Le mie parole inaccettabili»

Dopo una nuova giornata di polemiche il governatore fa marcia indietro. Renzi: frase indifendibile, ma lui è campione della lotta alla camorra


di  

CONDIVIDI:

Ven 18 Novembre 2016 23:46


NAPOLI. "Credo di aver chiarito la mia posizione mezz'ora dopo, esprimendo il mio rispetto per l'onorevole Bindi. E tuttavia, qui e lì, c'è chi continua l'opera di strumentalizzazione. È del tutto evidente che le mie parole, presentate così come sono state presentate, erano obiettivamente inaccettabili e obbligavano a chiedere scusa. Cosa che ho fatto e che faccio". Così, in una nota, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, al termine di una nuova giornata di polemiche. "Ho chiarito il contesto, credo di non avere più nulla da aggiungere", conclude De Luca.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
De Luca: «Offese a Bindi? Delinquenza giornalistica»

Il Governatore della Campania smentisce: «Chiarisco che nell'intervista che ho rilasciato a “Matrix" nessuna domanda, e tantomeno alcuna risposta, ha riguardato lonorevole Rosi Bindi nei cui confronti, al di là di ogni differenza politica, confermo il mio rispetto»


di  

CONDIVIDI:

Gio 17 Novembre 2016 15:13


 "Ci ritroviamo di fronte all'ennesimo atto di delinquenza giornalistica. Chiarisco che nell'intervista che ieri ho rilasciato a 'Matrix' nessuna domanda, e tantomeno alcuna risposta, ha riguardato l'onorevole Bindi". Così, in una nota, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il Governo va sotto sulla nomina di Spirito al Porto di Napoli

Bocciatura in Commissione al Senato. Determinante il voto negativo del senatore del Pd, Esposito


di  

CONDIVIDI:

Mer 16 Novembre 2016 16:47


NAPOLI. Clamorosa bocciatura del Governo in commissione Trasporti del Senato sul parere per la nomina di Pietro Spirito al vertice delll'Authority del Porto di Napoli. Determinante è stato il voto negativo del senatore del Pd Stefano Esposito (8 sì, 8 no, 4 astenuti. Essendoci stata parità di voti la proposta non è stata approvata). La nomina di Spirito, caldeggiata dal Governo, ha di fatto spaccato il Pd.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Caro "Sì", quanto mi costi: «Sgravio totale per il 2017 a chi assume al Sud»

Annuncio di Renzi: «Decontribuzione totale per 730 milioni»


di  

CONDIVIDI:

Mer 16 Novembre 2016 16:24


ROMA. "Gli incentivi del jobs act saranno confermati integralmente per il Sud Italia. Le aziende che assumono al Sud avranno la decontribuzione totale". Continua la campagna referendaria di Matteo Renzi. Il premier ha fatto il suo nuovo annuncio a Caltanissetta, durante un incontro con i sindaci del territorio. La decontribuzione costerà al Governo 730 milioni di euro.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
L'assemblea per il Sud si trasforma in una passerella per il "Sì"

Renzi: il referendum farà chiarezza. Il leader di Confindustria Boccia chiede incentivi, agevolazioni e dà l'ok alle assunzioni degli statali. De Luca: dobbiamo approvare la riforma costituzionale


di  

CONDIVIDI:

Dom 13 Novembre 2016 12:46


NAPOLI. Più che un'assemblea sul Mezzogiorno, quella che si sta svolgendo alla Mostra d'Oltremare a Napoli sembra una manifestazione del comitato per il "Sì" al referendum. In attesa dell'intervento di Matteo Renzi, al confronto conclusivo partecipa il gotha di Confindustria: Manuel Grimaldi, Ivan Lobello, Vincenzo Boccia e il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Tutti hanno esplicitamente invitato a votare "Sì" alla riforma costituzionale il prossimo 4 dicembre.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Verdini: «Il Pd ormai è finito». Poi smentisce

Il leader di Ala: «Renzi ha bisogno di una coalizione con una forza di centro». Poi dice: «Riportati in maniera totalmente scorretta ed errata i miei ragionamenti»


di  

CONDIVIDI:

Mar 08 Novembre 2016 14:03


ROMA. "In merito alla pseudointervista pubblicata oggi sul quotidiano 'La Stampa', intendo chiarire per l’ennesima volta di non aver mai rilasciato alcuna dichiarazione, tanto meno dunque interviste o colloqui con chicchessia"‎. Così ha dichiarato il senatore Denis Verdini in una nota, facendo riferimento ad un articolo pubblicato oggi sul quotidiano 'La Stampa', presentato come un'intervista al leader di Ala.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Renzi: «Il tempo di ordini e diktat dall'Europa è finito»

Il premier: «O cambia la politica sull'immigrazione o non saremo più il salvadanaio dell'Europa orientale»


di  

CONDIVIDI:

Mar 08 Novembre 2016 13:24


ROMA. "Il tempo in cui prendevamo ordini e diktat è finito e non tornerà". Così il premier Matteo Renzi, incontrando gli amministratori locali alessandrini. "Dopo avere fatto i compiti e avere chiesto cosa dobbiamo fare, oggi siamo noi a chiedere alla comunità internazionale cosa ci deve dare. O cambia la politica sull'immigrazione o non saremo più il salvadanaio di quei paesi dell'Europa orientale che prendono soldi e poi provano ad alzare muri", ha detto il presidente del Consiglio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine