Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Pirati della strada, si rischia fino a 12 anni

Introdotto il reato di omicidio stradale


di  

CONDIVIDI:

Mar 24 Marzo 2015 16:48


ROMA. È in commissione Senato e introduce reato omicidio stradale, «Chiunque ponendosi alla guida di un autoveicolo o di un motoveicolo o di altro mezzo meccanico in stato di ebbrezza alcoolica o di alterazione psico-fisica conseguente all'assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope cagiona per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da 8 a 12 anni». È quanto prevede il testo unificato che introduce il reato di omicidio stradale presentato oggi in commissione Giustizia di Palazzo Madama dal senatore del Pd Giuseppe Cucca.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Milano, Salvini pronto a candidarsi

Il leader della Lega: presto incontro Berlusconi


di  

CONDIVIDI:

Mar 24 Marzo 2015 12:08


MILANO. «Dipende da ciò che scelgono i cittadini, io sono a disposizione. I sondaggi dicono che i progetti della Lega piacciono. A Milano c'è voglia di ripartire dopo quattro anni di Pisapia. Se i milanesi volessero, sarei a disposizione». Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, in una intervista al Gr1, spiegando di essere pronto ad una eventuale candidatura a sindaco di Milano.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Infrastrutture, Renzi un'ora da Mattarella

Sil tavolo la nomina del nuovo ministro dopo le dimissioni di Lupi
 


di  

CONDIVIDI:

Lun 23 Marzo 2015 12:08


ROMA. Appuntamento alle 10 per Matteo Renzi al Quirinale, dal presidente Sergio Mattarella. Al centro del colloquio tra premier e capo dello Stato il nodo del ministero delle Infrastrutture, dopo le dimissioni di Maurizio Lupi. L'incontro tra premier e Presidente è durato circa un'ora. Da qualche minuto al Colle sono giunti i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Lupi in aula: mi dimetto

Il ministro: lascio a testa alta, nessun illecito


di  

CONDIVIDI:

Ven 20 Marzo 2015 12:33


ROMA. «Lascio il Governo a testa alta guardandovi negli occhi. Non ho commesso nulla di illecito. Sento il dovere di assumermi responsabilità politica ma anche di spiegare in Parlamento». Non si «può cancellare in 3 giorni» il «lavoro» fatto e «rivendico di aver fatto» in «22 mesi» al ministero. Lo ha detto Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture, alla Camera. «Le accuse che mi sono state mosse sono immotivate e strumentali». Così il ministro Maurizio Lupi, in aula alla Camera.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Regionali, Caldoro a Salvini: «Io difendo il Sud»

Il governatore campano replica al leader leghista che aveva detto «il signor Caldoro in Campania schifa la Lega»


di  

CONDIVIDI:

Gio 19 Marzo 2015 15:54


NAPOLI.«Lega Nord, @matteosalvini ma quale schifo, rispetto per tutti. Tu però difendi il Nord, noi il Sud». Su Twitter il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, replica così ad alcune affermazioni del leader della Lega Nord, Matteo Salvini che aveva detto: «C'è il signor Caldoro che in Campania schifa la Lega».



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
L'Anm frena: il tema sono le riforme

Sabelli: andare oltre le polemiche


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Marzo 2015 12:31


ROMA. «Bisogna andare oltre le polemiche, che rischiano di mettere in ombra il tema fondamentale, che è il tema della corruzione e delle buone riforme». Lo ha detto il presidente dell'Associazione nazionale magistrati, Rodolfo Sabelli, ospite di "Agorà". «Le riforme sbagliate in tema di corruzione come in tema di falsità in bilancio unite alla delegittimazione della magistratura sono un cocktail che produce frutti avvelenati di cui anche oggi vediamo gli effetti. Per questo noi chiediamo un'inversione di tendenza», ha aggiunto Sabelli.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Peculato, chiesto rinvio a giudizio per otto consiglieri della Regione Campania

Inchiesta Procura Napoli su rimborsi ai gruppi


di  

CONDIVIDI:

Mar 17 Marzo 2015 13:12


 NAPOLI. Otto richieste di rinvio a giudizio sono state avanzate dalla Procura di Napoli nei confronti di otto tra consiglieri ed ex consiglieri della Regione Campania. La richiesta, firmata dal pm Giancarlo Novelli e dal procuratore aggiunto Alfonso D'Avino, è stata trasmessa oggi all'ufficio gip. Per tutti l'accusa contestata è di peculato. I consiglieri sono: Mario Casillo, Angela Cortese, Corrado Gabriele, Enrico Fabozzi, del gruppo Pd, Rosaria Anita Sala e Nicola Marrazzo dell'Idv, Carmine Mocerino e Pasquale De Lucia, dell'Udc



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Regionali, Tosi: «Mi candido governatore in Veneto»

Il sindaco di Verona: «Da qui può partire vera prospettiva di centrodestra che può allargarsi su scala nazionale»


di  

CONDIVIDI:

Sab 14 Marzo 2015 14:16


VERONA. «Il Veneto è laboratorio politico da qui può partire vera prospettiva di centrodestra che può allargarsi su scala nazionale, una vera alternativa al centrosinistra mettendo insieme il centro e la destra e questo è il modello per il Veneto e per questo Paese». Lo ha detto il sindaco di Verona Flavio Tosi candidato alla presidenza della Regione Veneto dal palco della convention della sua fondazione “Ricostruiamo il Paese" a Verona.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Governo, Padoan: «Il Sud è un tema da riaprire»

Il ministro dell'Economia: «C'è una finestra di opportunità macroeconomica molto ampia, che può produrre una crescita effimera se non interveniamo»


di  

CONDIVIDI:

Sab 14 Marzo 2015 14:10


CERNOBBIO. Oggi «c'è una finestra di opportunità macroeconomica molto ampia, che può produrre una crescita effimera se il Governo non interviene, oppure avviare il Paese verso un periodo di crescita nel medio termine». Lo afferma il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, a Cernobbio. «Sono convinto che il Sud sia un tema che va riaperto, ma non credo a politiche specifiche, anche perché avrebbero il sapore della residualità. Bisogna continuare con politiche generali, cambiandole all'occorrenza, ma senza risorse aggiuntive destinate al Mezzogiorno d'Italia».



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Nasce la coalizione sociale di Landini

Il leader della Fiom: la politica non è proprietà privata


di  

CONDIVIDI:

Sab 14 Marzo 2015 12:00


ROMA. La Fiom di Maurizio Landini apre ufficialmente il cantiere della "coalizione sociale", il tentativo di accorpare movimenti, reti e mondo dell’associazionismo per quella «domanda di giustizia sociale ora inascolta e senza rappresentanza». Lo fa oggi, al termine di mesi di incontri e dibattiti, accompagnati da critiche e polemiche, nel corso di un'assemblea convocata a Roma, nell'ex palazzo dell'Flm, che vuole essere insieme un momento di riflessione e un atto fondativo, «per dibattere in modo libero e aperto», come si legge nell'invito girato dallo stesso leader Fiom.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine