Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Carabiniere ucciso, collega indagato per “violata consegna"


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 09 Settembre 2019 16:44


A quanto apprende l'Adnkronos Andrea Varriale, il collega del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega ucciso a coltellate il 26 luglio scorso nel quartiere Prati a Roma, è indagato dalla Procura militare. Secondo quanto emerso dalle indagini entrambi i carabinieri la sera del 26 luglio si erano presentati disarmati all'appuntamento con i due diciannovenni americani Christian Gabriel Natale Hjort e Finningan Lee Elder, ora in carcere per l'omicidio del vicebrigadiere.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
«Mia moglie sta male», chiede aiuto ad una donna e la violenta


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 09 Settembre 2019 16:34


Litiga con la moglie, fa uso di cocaina, ferma una donna in strada simulando una richiesta di aiuto, la minaccia, sale a bordo dell’auto portandola in un luogo isolato e abusa di lei. E accaduto a Vittoria dove la squadra mobile ha fermato un uomo accusato di sequestro di persona, violenza sessuale e rapina. 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il Papa: «La povertà non è una fatalità»

Il Pontetice in Madagascar: «Non arrendetevi mai davanti agli effetti nefasti della povertà, non cedete mai alle tentazioni della vita facile o del ripiegarvi su voi stessi»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 08 Settembre 2019 21:17


CITTÀ DEL VATICANO. «Diciamolo con forza: la povertà non è una fatalità». Papa Francesco lo grida in Madagascar, nella Città dell’Amicizia ad Akamasoa, «costruita affinché molte famiglie possano vivere con dignità», sottolinea. «Le vostre grida generate dal non poter più vivere senza un tetto, vedere i figli crescere nella malnutrizione, non avere un lavoro, generate dallo sguardo indifferente per non dire sprezzante di molti, si sono trasformate in canti di speranza per voi e per tutti quelli che vi guardano.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Lucano a Riace: «Non ho sete di vendetta»

Il sindaco: «Alla fine il modello Riace che cos’è? Quattro case abbandonate date ai migranti e il bonus sociale»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 08 Settembre 2019 21:15


RIACE. «Non ho rancore e sete di vendetta. Non ho segni. Io ho cercato solo di fare il sindaco. In questa vicenda ho imparato molto. Ha due aspetti, quello giuridico e quello mediatico. Alcune parole sono state dette per denigrare, io sono un cittadino di questa terra». A dirlo Mimmo Lucano (nella foto) nel corso di una conferenza stampa dopo il suo rientro a Riace. «Abbiamo fatto battaglie importanti per acqua pubblica e la gestione dei rifiuti. Anzitutto il teorema contro di me - ha detto Lucano - è stato incentrato sui rifiuti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Insultò Falcone e Borsellino, neomelodico ancora nei guai

Leonardo Zappalà ha postato un video nel quale c'è il rito mafioso della “punciuta”


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 08 Settembre 2019 21:13


CATANIA. Il Questore di Catania, Alberto Francini, ha emesso un “avviso orale” a carico cantante neomelodico Leonardo Zappalà, in arte “Scarface”, per il video postato su Youtube che riprende, tra l’altro, l’immagine di un “Santino” che brucia: una tecnica che fa parte dell’affiliazione mafiosa come la “punciuta”, un’incisione con un coltello, per fare uscire sangue da un braccio. Il filmato, postato lo scorso 24 giugno, era diventato virale in rete.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Delitto Pomarelli, arrestato padre dell'ex compagna di Sebastiani

È accusato di favoreggiamento


di  Redazione

CONDIVIDI:

Dom 08 Settembre 2019 21:11


PIACENZA. È stato arrestato con l’accusa di favoreggiamento Silvio Perazzi, padre dell’ex compagna di Massimo Sebastiani, l’operaio 45enne fermato sabato pomeriggio dai carabinieri e accusato di aver ucciso Elisa Pomarelli, 28 anni, il cui corpo è stato trovato in un fossato dai carabinieri in località Costa di Sariano di Gropparello, nel Piacentino. La posizione di Perazzi era al vaglio degli inquirenti, per aver aiutato Sebastiani ad eludere le ricerche, consentendogli di nascondersi.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Piacenza, trovato il corpo di Elisa Pomarelli


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 07 Settembre 2019 19:25


È finita nel peggiore dei modi, dopo 13 giorni di speranze e preghiere, la ricerca di Elisa Pomarelli, la 28enne di Piacenza scomparsa il 25 agosto insieme a Massimo Sebastiani. L'operaio 45enne, rintracciato oggi pomeriggio dai carabinieri e già indagato per omicidio e occultamento di cadavere, si nascondeva all'interno del solaio di una casa nelle colline piacentine. Ascoltato per ore dagli inquirenti, è stato lui stesso a portare i carabinieri del Reparto Operativo in un casolare abbandonato nelle campagne a Sariano di Gropparello dove è stato quindi ritrovato il corpo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Scomparsi a Piacenza, Sebastiani portato in caserma


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 07 Settembre 2019 19:01


È stato rintracciato dai carabinieri Massimo Sebastiani, l'uomo scomparso insieme a Elisa Pomarelli in provincia di Piacenza, il 25 agosto scorso. L'uomo, 45 anni, è indagato per omicidio e occultamento di cadavere della 28enne ed è stato portato in caserma per essere ascoltato. Solo ieri la decisione di sospendere le ricerche dei due.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Carcere per i giornalisti, si pronuncerà la Corte Costituzionale


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 07 Settembre 2019 18:24


Dopo 5 mesi è giunta alla Corte Costituzionale l’ordinanza del tribunale di Salerno sulla incostituzionalità della legge che prevede il carcere per i giornalisti condannati per diffamazione. Ora spetterà al presidente Giorgio Lattanzi fissare l’udienza dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Alan Kurdi, «uno dei naufraghi ha tentato suicidio»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 07 Settembre 2019 14:00


"Uno dei naufraghi ha già cercato di togliersi la vita a bordo della #AlanKurdi, ancora bloccata in acque internazionali. Malta dovrebbe indicare un porto sicuro ma non lo fa, l'Italia ha ribadito il divieto di ingresso. La vergogna europea continua". E' la denuncia di Cecilia Strada su Twitter. La nave Alan Kurdi da giorni attende di potere sbarcare un gruppo di migranti a bordo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine