Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Le intercettazioni choc: tagliamo la gola e i genitali agli infedeli

I dialoghi tra un tunisino contatto di Amri e il palestinese arrestato oggi


di  

CONDIVIDI:

Gio 29 Marzo 2018 13:20


ROMA. 'Tagliare la gola e i genitali' agli infedeli. È il contenuto di una delle conversazioni intercettate nell'ambito delle indagini sui contatti dell’attentatore di Berlino Anis Amri. Le Digos di Roma e di Latina, che hanno eseguito una maxi operazione antiterrorismo, rendono noti stralci dei colloqui che intercorrevano tra un tunisino di 37 anni residente a Latina, che figura tra i contatti di Amri, e il sedicente cittadino palestinese Napulsi Abdel Salem, destinatario di uno degli arresti di oggi.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Terrorismo, 5 arresti in Italia: smantellata la rete di Amri

Vasta operazione condotta dal personale appartenente alla Direzione centrale della polizia di prevenzione ed alle Digos di Roma e Latina


di  

CONDIVIDI:

Gio 29 Marzo 2018 13:17


Ha colpito la rete di relazioni intrattenute in Italia da Anis Amri, l'autore dell'attentato al Mercato di Natale di Berlino il 19 dicembre 2016, la vasta operazione antiterrorismo condotta dal personale appartenente alla Direzione centrale della polizia di prevenzione ed alle Digos di Roma e Latina.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
L’addio commosso a Fabrizio Frizzi

Folla immensa per il funerale del conduttore televisivo


di  

CONDIVIDI:

Mer 28 Marzo 2018 15:26


ROMA. Centinaia di persone si sono date appuntamento alla Chiesa degli Artisti di piazza del Popolo, a Roma, per i funerali di Fabrizio Frizzi.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
I giornalisti dicono basta alla libertà di stampa minacciata da un potere dello Stato IL VIDEO

Manifestazione all’Ordine Nazionale dei Giornalisti dopo la perquisizione subita da una giornalista della Nuova Sardegna 

Lettera al Presidente Mattarella e al ministro di Grazia e Giustizia


di  

CONDIVIDI:

Mer 28 Marzo 2018 11:46


ROMA. Nel corso di una conferenza stampa L’Ordine Nazionale dei Giornalisti, riunito a Roma con i vertici della Federazione Nazionale della Stampa, ha diffuso un comunicato di protesta in atto dopo la perquisizione subita ieri da una giornalista della Nuova Sardegna e disposta dalla Procura di Tempio Pausania. “Basta ora - ha detto il presidente dell’Ordine Carlo Verna - Basta alla libertà di stampa minacciata da un potere dello Stato”.Ecco il comunicato:

Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella 
in qualità di Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Militante Isis arrestato a Torino. Perquisizioni anche a Napoli

Vasta operazione antiterrorismo. È un 23enne marocchino naturalizzato italiano


di  

CONDIVIDI:

Mer 28 Marzo 2018 10:47


TORINO. Un 23enne marocchino naturalizzato italiano è stato arrestato a Torino per partecipazione all'associazione terroristica dello Stato Islamico. L'arresto è avvenuto nell'ambito di una vasta operazione di polizia, coordinata dalla Procura della Repubblica di Torino. Perquisizioni sono state eseguite in varie città, tra cui anche Napoli.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Naufragio Concordia, i legali di Schettino illustrano il ricorso a Strasburgo

I legali spiegheranno quelle che loro giudizio sono le violazioni dei diritti del comandante


di  

CONDIVIDI:

Mar 27 Marzo 2018 21:30


NAPOLI. Saranno illustrate giovedì alle ore 11 in via Amerigo Vespucci 9 a Napoli le ragioni del ricorso alla Corte Europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo da parte dell'ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino (nella foto), condannato con sentenza definitiva a 16 anni di reclusione dopo il disastro al largo dell'Isola del Giglio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Mette la “nonna in freezer" e riscuote la pensione

Ha riscosso 1800 euro al mese per dieci anni


di  

CONDIVIDI:

Mar 27 Marzo 2018 14:45


Non sarebbe stata chiusa nel freezer, come nel film di Giancarlo Fontana e Giuseppe G. Stasi, ma sepolta. Ma il nipote, un 40enne senza occupazione fissa e amante dei viaggi in Oriente, ha riscosso ogni mese la pensione da circa 1800 euro della nonna deceduta da 10 anni. A scoprirlo la Guardia di Finanza di Torino. Una 'dimenticanza' che ha fatto sì che l'uomo intascasse complessivamente circa 210.000 euro. 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Abusi su bambine all'asilo, choc a Roma

Arrestato il maestro 25enne di una scuola materna


di  

CONDIVIDI:

Mar 27 Marzo 2018 14:41


Abusi sulle bambine in un asilo. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un maestro 25enne di una scuola materna, ritenuto responsabile di aver compiuto atti sessuali con le sue piccole alunne. L'ordinanza è stata emessa dal gip presso il Tribunale di Roma, Clementina Forleo, su richiesta dei sostituti procuratori Francesca Passaniti ed Eleonora Fini, coordinate dal procuratore aggiunto Maria Monteleone della Procura della Repubblica di Roma.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il mistero di Alessandro

Il padre: escludo si tratti di una fuga


di  

CONDIVIDI:

Mar 27 Marzo 2018 14:37


E' arrivato a Istanbul il 12 marzo scorso, partendo con un volo da Linate. Ma poco dopo aver messo piede nella città dei due continenti, di lui si sono perse le tracce. E' mistero sulla scomparsa di Alessandro Fiori, il 33enne di Soncino, in provincia di Cremona, che senza dire nulla a parenti e amici è volato a Istanbul per una breve vacanza. I genitori, racconta 'Chi l'ha visto?', sono arrivati in Turchia per cercarlo e lì sono partite le ricerche.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Stasi rinuncia a eredità, niente risarcimento ai Poggi

Archiviata l'indagine sulla rinuncia di Alberto Stasi all'eredità paterna


di  

CONDIVIDI:

Lun 26 Marzo 2018 18:54


E' stata archiviata l'indagine sulla rinuncia di Alberto Stasi all'eredità paterna. La famiglia Poggi aveva, infatti, presentato una denuncia nei confronti di Stasi, condannato all'ergastolo il 13 dicembre 2015 per l'omicidio di Chiara Poggi e al risarcimento di un milione di euro



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine