Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Tangenti, preso ex assessore: risiedeva nella tenuta di Al Bano

Corruzione e associazione per delinquere: 14 arresti a Cellino San Marco


di  

CONDIVIDI:

Ven 10 Aprile 2015 12:20


BRINDISI. Vasta operazione del comando provinciale carabinieri di Brindisi che ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale di Brindisi, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 14 indagati. Si tratta di ex amministratori del comune di Cellino San Marco (Br), imprenditori delle province di Brindisi, Bari e Lecce, e un pregiudicato vicino alla Sacra Corona Unita, ritenuti responsabili dei reati di associazione per delinquere, peculato, corruzione, turbata libertà degli incanti e calunnia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Primo trapianto da "samaritana"

Una donna ha donato gratuitamente il rene senza sapere a chi sarebbe andato


di  

CONDIVIDI:

Gio 09 Aprile 2015 22:35


Per la prima volta in Italia un paziente ha ricevuto un organo per trapianto da un donatore “samaritano”, ovvero da una persona che gratuitamente è stata disposta a donare in vita un suo organo senza sapere a chi fosse diretto. E’ successo a Milano, protagonista una donna, che ha donato un rene a uno sconosciuto.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
G8, Cantone difende De Gennaro

Il presidente dell'anticorruzione: è stato assolto


di  

CONDIVIDI:

Gio 09 Aprile 2015 11:54


ROMA. «Gianni De Gennaro è stato indagato ed è stato assolto. L'assoluzione conta qualcosa. Non può pagare le responsabilità complessive di tutta una macchina». Lo ha affermato Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, in una intervista ad Agorà su RaiTre, sui fatti accaduti all'interno della scuola Diaz durante il G8 di Genova.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ustica, confermati i risarcimenti

I giudici: il Dc9 abbattuto da un missile


di  

CONDIVIDI:

Mer 08 Aprile 2015 21:47


PALERMO. La prima sezione Civile della Corte d'appello di Palermo ha rigettato i ricorsi dei ministeri dei Trasporti e della Difesa contro il verdetto di primo gradoche li condannava a risarcire i familiari delle vittime della strage di Ustica. Secondo i giudici a causare, il 27 giugno 1980, l'inabissamento in mare del Dc9 con 81 persone a bordo fu un missile lanciato da un altro aereo e non una bomba o un cedimento strutturale del velivolo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Super-batteri, in Italia ogni anno muoiono 7mila pazienti in ospedale

Tra i fattori più sotto accusa l'uso inappropriato di antibiotici


di  

CONDIVIDI:

Mer 08 Aprile 2015 13:55


ROMA. Non solo Gran Bretagna, è allarme super-batteri anche in Italia. Il fenomeno della resistenza agli antibiotici delinea - anche nel nostro Paese - un "quadro preoccupante", con un consumo di questi farmaci "record e in aumento" mentre "sono stimati 5000-7000 decessi annui riconducibili ad infezioni ospedaliere" da germi multiresistenti, con un costo annuo superiore a 100 milioni di euro.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il Riesame: «No all'arresto di Schettino»

La richiesta di arresto, formulata dai giudici della procura di Grosseto contro Schettino, si fondava, tra i vari motivi, anche sul pericolo di fuga dell’ex comandante della Costa Concordia


di  

CONDIVIDI:

Mar 07 Aprile 2015 19:46


FIRENZE. Il Tribunale del Riesame di Firenze ha respinto la richiesta dei pm di Grosseto, che avevano chiesto l’arresto per l’ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino. L’ordinanza, depositata nei giorni scorsi, è stata resa nota da uno dei due legali di Schettino, Saverio Senese. Schettino è stato condannato, per il naufragio all’isola del Giglio, a 16 anni e un mese di reclusione.  La richiesta di arresto, formulata dai giudici della procura di Grosseto contro Schettino, si fondava, tra i vari motivi, anche sul pericolo di fuga dell’ex comandante della Costa Concordia



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Lucca, uccide caporeparto dopo una lite: arrestato

Francesco Sodini è stato colpito a morte da Massimo Donatini


di  

CONDIVIDI:

Mar 07 Aprile 2015 17:14


LUCCA. Un operaio di una cartiera lucchese uccide a colpi di pistola il caporeparto sotto gli occhi della moglie, poi si consegna ai carabinieri. L’omicidio è avvenuto a Lucca, a poche centinaia di metri dalle storiche mura della città. Si è trattato di un agguato in piena regola, in cui ha perso la vita Francesco Sodini, 52 anni, sposato, due figli, caporeparto presso la cartiera Lucart di Porcari. È stato ucciso da Massimo Donatini, 43 anni, un operaio dipendente della stessa cartiera. Il delitto è avvenuto in piazza Salvo D’Acquisto.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Spara in casa, sospeso pilota Alitalia

Maurizio Foglietti trasportò il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo primo volo tra Roma e Palermo dopo l’elezione al Colle


di  

CONDIVIDI:

Mar 07 Aprile 2015 17:11


TODI. Un pilota in servizio per Alitalia di 50 anni, Maurizio Foglietti, è stato denunciato dai carabinieri di Todi per minaccia grave e danneggiamento aggravato dopo che, al culmine di una lite, avrebbe esploso alcuni colpi di arma da fuoco. Nessuno è comunque rimasto ferito dato che la pistola non sarebbe stata rivolta contro persone. Il fatto è avvenuto la sera di Pasqua all’interno di un’abitazione in via Polinori, a Todi. Il comandante è stato immediatamente sospeso dalla compagnia aerea.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Fecondazione eterologa, A un anno dalla sentenza della Consulta le coppie italiane vanno ancora all'estero

Nel centro pubblico più attivo in Italia, quello dell'ospedale Careggi di Firenze, "più di 600 coppie sono già state visitate e in attesa di avere accesso alla fecondazione eterologa


di  

CONDIVIDI:

Mar 07 Aprile 2015 13:26


di Barbara Di Chiara



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
G8 Genova, Corte Strasburgo condanna l'Italia per l'irruzione alla scuola Diaz: fu tortura

La decione su ricorso di un 62enne, vittima di percosse


di  

CONDIVIDI:

Mar 07 Aprile 2015 11:48


La Corte europea dei Diritti dell'Uomo ha condannato l'Italia per tortura per l'irruzione delle forze dell'ordine alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001. La Corte europea dei Diritti dell'Uomo ha stabilito all'unanimità che i maltrattamenti subiti dalle persone presenti nella scuola Diaz di Genova da parte delle forze dell'ordine "devono essere qualificati come 'tortura'", ai sensi dell'articolo 3 della Convenzione dei Diritti dell'Uomo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine