Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
I musulmani fanno una strage, gettati in mare 12 cristiani

Rissa sul barcone per motivi religiosi: fermati 15 migranti


di  

CONDIVIDI:

Gio 16 Aprile 2015 16:02


PALERMO. Quindici migranti, sbarcati nei giorni scorsi a Palermo, sono stati fermati dalla Squadra mobile con l'accusa di aver gettato in mare 12 persone durante la traversata per raggiungere l'Italia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Post choc sulla Diaz, poliziotto sospeso

Sollevato da incarico il dirigente Reparto Mobile Cagliari


di  

CONDIVIDI:

Gio 16 Aprile 2015 13:27


ROMA.  Fabio Tortosa, autore del post Facebook  sul G8 al centro delle polemiche di questi giorni, è stato sospeso dal servizio questa mattina». Lo ha detto il Capo della Polizia, prefetto Alessandro Pansa, nel corso di un convegno a Roma. Non solo. Pansa firmerà il provvedimento che solleva dall'incarico anche il dirigente del Reparto Mobile di Cagliari Antonio Adornato, che aveva messo un "like" alle frasi sul G8 e l'irruzione alla Diaz postate da Tortosa.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Allarme alcol tra i giovani

Fra aperitivi e "alcopops" è regord di binge drinker


di  

CONDIVIDI:

Gio 16 Aprile 2015 12:36


ROMA. Dei circa 3 milioni e mezzo di binge drinker mediamente censiti nel corso degli ultimi anni, la quota maggiore si registra costantemente al di sotto dei 25 anni, con un picco tra i 18-24 anni e quote superiori alla media nazionale per le ragazze tra i 16 e 17 anni. Birra e "alcopops", insieme agli aperitivi alcolici, sono le bevande acquistate con maggior facilità dai giovani sotto l'età minima legale: i dati disponibili indicano che uno su 2 le ha consumate in un esercizio commerciale, e 2 su 3 hanno acquistato nei negozi nonostante i divieti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Prende il figlio e scappa: è caccia all'uomo

La moglie: «È fuggito con il piccolo di 15 giorni». Si cerca tra Italia e Francia


di  

CONDIVIDI:

Gio 16 Aprile 2015 12:19


TORINO. «Mio marito è scappato in macchina con nostro figlio di 15 giorni». Questa la denuncia che martedì sera, intorno alle 21, una donna di 32 anni di Orbassano (Torino) ha fatto rivolgendosi ai carabinieri. Secondo gli accertamenti degli investigatori, l'uomo - un impiegato di 38 anni - sarebbe passato da Bardonecchia dirigendosi verso la Francia attraverso il valico del Fréjus. Secondo i dati diffusi dai militari dell'Arma, è alto 1,85 metri circa, ha una corporatura normale, i capelli neri e corti, gli occhi neri e il naso pronunciato.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
L'Ue contro Google: abuso di posizione dominante

Accuse anche al sistema operativo per smartphone Android


di  

CONDIVIDI:

Mer 15 Aprile 2015 12:45


BRUXELLES. L'Unione europea contro Google. Dopo rumors e indiscrezioni sono arrivate da Bruxelles le accuse formali contro contro Big G per abuso di posizione dominante. Sotto inchiesta anche il sistema operativo per smartphone Android. La Commissione europea ha infatti inviato una comunicazione formale degli addebiti a Google sui servizi di acquisti comparativi. Lo ha annunciato il commissario Ue alla Concorrenza, Margrethe Vestager.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Dal Papa nuova condanna della teoria gender

Francesco: attenti, è espressione di frustrazione e rassegnazione


di  

CONDIVIDI:

Mer 15 Aprile 2015 12:42


CITTA' DEL VATICANO. «La cultura moderna e contemporanea ha aperto nuovi spazi, nuove libertà e nuove profondità per l’arricchimento della comprensione di questa differenza. Ma ha introdotto anche molti dubbi e molto scetticismo. Mi domando, ad esempio, se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa. Sì, rischiamo di fare un passo indietro».



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Uccide moglie e figlia di 7 anni con un'accetta

La tragedia a Pordenone, poi l'uomo ha chiamato la polizia


di  

CONDIVIDI:

Mer 15 Aprile 2015 12:33


PORDENONE. Avrebbe agito al culmine di una lite il marocchino di 40 anni, che la notte scorsa ha ucciso la moglie e la figlia di 7 anni a Pordenone. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della polizia l'uomo avrebbe prima ucciso la donna 31enne con un'accetta e poi la figlia con un coltello. L'uomo, un marocchino di 40 anni, è stato arrestato con l'accusa di duplice omicidio. Quando i poliziotti sono arrivati a casa del 40enne hanno trovato la moglie e la figlia riverse sul letto ormai morte. L'uomo non ha opposto resistenza e si è consegnato alla polizia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Strage Rapito 904, assolto Totò Riina

«Non è il mandante». Il pm aveva chiesto l'ergastolo


di  

CONDIVIDI:

Mar 14 Aprile 2015 13:28


 FIRENZE. Assolto Totò Riina. Il pm aveva chiesto l'ergastolo: «Concludo chiedendo la pena massima dell'ergastolo» per Totò Riina. Sono le richieste del pm Angela Pietroiusti al processo per la strage del Rapido 904, in corso a Firenze. «Si chiede la condanna non perché non poteva non sapere - ha spiegato -, perché era a capo dell' organizzazione, ma perché Riina esercitava questo potere. Solo con la sua autorizzazione è stato fornito l'esplosivo a Calò e solo lui poteva decidere la destinazione dell'esplosivo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Muore sul gommone, corpo gettato in mare e dilaniato dagli squali

Nuova tragedia dell'immigrazione, fermato uno scafista


di  

CONDIVIDI:

Mar 14 Aprile 2015 12:14


PALERMO. Si disfano del cadavere, gettandolo in mare in pasto agli squali. E' questa l'ultima tragica storia di immigrazione. La polizia di Ragusa ha fermato il presunto responsabile, uno scafista originario della Guinea, il 14esimo dall'inizio dell'anno, al quale non viene contestato solo il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ma anche la morte, seppure non voluta, di un uomo. Il migrante sarebbe deceduto sul gommone, così come in altri casi, a causa forti esalazioni di benzina che si era rovesciata dalle taniche.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
La Corte Ue: Contrada non andava condannato

Strasburgo: il reato di concorso esterno non era sufficientemente chiaro


di  

CONDIVIDI:

Mar 14 Aprile 2015 12:05


ROMA. Bruno Contrada non doveva essere condannato per concorso esterno in associazione mafiosa. Lo rileva la Corte europea dei diritti umani in una sentenza che riguarda l'ex agente del Sisde. Secondo quanto osserva la Corte, «all'epoca dei fatti contestati, tra il 1979 e il 1988» il reato «non era sufficientemente chiaro e prevedibile». Secondo la Corte c'è stata dunque una «violazione dell'articolo 7 della Convenzione». Lo Stato italiano deve versare all'ex numero due del Sisde 10mila euro per danni morali.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine