Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Firenze, coniugi trovati morti in casa: marito suicida


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 28 Dicembre 2019 13:25


Sospetto omicidio-suicidio a Firenze, in un'abitazione di via Francesco Caracciolo, nella zona di via Faentina. Due anziani coniugi - il marito 93 anni e la moglie 88 anni - sono stati trovati morti questa mattina nell'appartamento di loro proprietà. A scoprire i cadaveri della coppia sono stati i parenti, che si sono recati nella casa preoccupati dal fatto che non riuscivano a contattarli telefonicamente.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ragazze investite, il testimone: «Impossibile evitarle»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 28 Dicembre 2019 13:24


"Quelle due ragazze sono sbucate all’improvviso, correvano mano nella mano. Mi creda, era impossibile evitarle. Pioveva, era buio, ma ricordo perfettamente cos’è successo: ho visto due sagome apparire dal nulla e poi il corpo di una di loro rimbalzare sopra il cofano". All'indomani dei funerali delle 16enni Gaia e Camilla, a raccontare al Messaggero la sua versione sul tragico incidente di Corso Francia è Davide A., studente 20enne e migliore amico dell'investitore Pietro Genovese, in macchina con lui una settimana fa al momento dell'impatto nella notte del 22 dicembre scorso.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ragazze investite, l'ultimo saluto a Gaia e Camilla


di  Redazione

CONDIVIDI:

Ven 27 Dicembre 2019 13:51


"Siamo abituati a vivere tra tecnologie e innovazione eppure brancoliamo nel buio ed è quello su cui dobbiamo riflettere: su questa ora buia". Così ha esordito il parroco don Gianni Matteo Botto nel corso dell'omelia ai funerali di Gaia e Camilla, le due 16enni investite e uccise su corso Francia a Roma. E dopo aver sottolineato "l'insensatezza di ciò che è avvenuto", sono tre le parole-chiave su cui ha insistito: buio, speranza e amore "che dà senso alla vita". "Questo terribile incidente ha fatto crollare ogni sovrastruttura della nostra vita. Le nostre prosopopee, le nostre chiacchiere.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Modena, 17enne in coma etilico dopo festa: video finisce su Whatsapp


di  Redazione

CONDIVIDI:

Ven 27 Dicembre 2019 13:45


Un 17enne è stato ricoverato in come etilico all'ospedale di Pavullo (Modena), nella notte di Natale. Non è in pericolo di vita. Si trovava in una villa privata in compagna di amici, in un piccolo centro dell'Appennino modenese. Gli amici hanno fatto un video mentre lui era ubriaco che è girato su Whatsapp. I carabinieri indagano per capire i contorni della vicenda e verificare se gli amici stessero solo girando un video della festa e abbiano ripreso anche il 17enne e se si fossero resi conto del fatto che il ragazzo versava in condizioni critiche, mentre filmavano.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Incidente Roma, test: «Tasso alcolemico 1,4 per guidatore. Non negativo a droghe»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 23 Dicembre 2019 16:01


Un tasso alcolemico dell'1,4 ed esito non negativo per altre varie sostanze stupefacenti. Questi i risultati dei test, compiuti su Pietro Genovese, figlio del regista Paolo, indagato a piede libero con l'accusa di omicidio stradale per aver investito e ucciso le due 16enni nella notte tra sabato e domenica a Corso Francia a Roma. Sul passato del 20enne ci sarebbero anche due casi di possesso di droga. Nel pomeriggio, intanto, all'istituto di medicina legale dell'università della Sapienza è fissata l'autopsia delle due giovani vittime.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Rapina in sala slot, titolare ucciso a sprangate


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 23 Dicembre 2019 14:48


NAPOLI. Nella tarda serata di ieri un 60enne di Legnago, titolare di una sala slot VLT è rimasto ucciso a seguito di una rapina perpetrata nel suo locale mentre lui era all'interno. L'uomo, originario della provincia di Brescia ma che si era trasferito da tempo nella bassa veronese, è stato aggredito da un soggetto travisato ed armato di un bastone o una spranga che, dopo essersi fatto aprire la porta del retro, ha colpito violentemente il titolare al capo provocandogli un importante trauma cranico.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
DJ Fabo, assolto Marco Cappato


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 23 Dicembre 2019 14:21


Marco Cappato è stato assolto "perché il fatto non sussiste" dai giudici di Milano dall’accusa di aiuto al suicidio per aver accompagnato Fabiano Antoniani, noto come deejay Fabo, in una clinica svizzera a morire. Il collegio, dopo un’ora di camera di camera di consiglio, ha emesso la sentenza con una formula che non ha lasciato dubbi accogliendo le richieste di entrambe le parti. Le motivazioni saranno rese note tra 45 giorni. Alla fine della lettura è scattato un applauso tra i presenti in aula.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Incidente Roma, autopsia per le due 16enni


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 23 Dicembre 2019 14:15


Il pm di Roma Roberto Felici ha disposto l’autopsia sui corpi di Camilla e Gaia, le due 16enni investite e uccise da un'auto nella notte tra sabato e domenica a Corso Francia, altezza via Flaminia. Il ragazzo di 20 anni che era alla guida, Pietro Genovese, 20 anni, figlio del regista Paolo, è indagato a piede libero per duplice omicidio stradale.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Bambina rapita dal padre a Milano, ritrovata in Danimarca


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 23 Dicembre 2019 14:05


E' stata ritrovata in Danimarca la bambina rapita dal padre lo scorso 20 dicembre a Milano. Tre anni fa la ragazzina era già stata rapita dal padre, un cittadino siriano, e portata in Siria, da dove era tornata solo lo scorso novembre.

La bambina ieri sera ha chiamato la madre dal telefono cellulare. La squadra mobile di Milano e dallo Scip della polizia, il Servizio di cooperazione internazionale, ha potuto così localizzarla e prenderla in consegna dalla polizia danese.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Strage del bus, la Procura dissequestra le barriere sui viadotti


di  Redazione

CONDIVIDI:

Ven 20 Dicembre 2019 18:30


AVELLINO. La Procura della Repubblica di Avellino ha accolto l’istanza di Autostrade per l’Italia relativa al dissequestro delle barriere di sicurezza bordo-ponte installate su 10 viadotti lungo le autostrade A14 e A16. Il dissequestro temporaneo consente alle competenti Direzioni di Tronco della società di procedere immediatamente con i lavori di cantierizzazione necessari per la sostituzione delle barriere di sicurezza. Gli interventi verranno svolti secondo le modalità indicate dagli uffici tecnici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine