Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
La Danimarca confischerà i beni ai rifugiati: approvata la legge

Sì anche all'allungamento dei tempi per i ricongiungimenti familiari


di  

CONDIVIDI:

Mar 26 Gennaio 2016 17:39


COPENAGHEN. Il Parlamento danese ha approvato le misure sulla confisca di denaro e beni di valore ai richiedenti asilo per coprire le spese della loro permanenza nel Paese. La proposta, presentata dal governo a metà dicembre, aveva suscitato aspre critiche in patria e all'estero, in quanto ricorderebbe le spoliazioni dei nazisti ai danni degli ebrei deportati nei lager. I parlamentari hanno votato sì anche per il provvedimento che prevede l'allungamento dei tempi del ricongiungimento familiare.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Spagna, litiga con la compagna e getta figlia dalla finestra

Tragedia nel nord del paese iberico: la bambina, caduta dal primo piano di un appartamento di Vitoria, è stata trasportata in ospedale e versa in condizioni critiche


di  

CONDIVIDI:

Mar 26 Gennaio 2016 15:01


MADRID. Un uomo è stato arrestato nel nord della Spagna con l'accusa di aver lanciato dalla finestra una bimba di un anno dopo una lite con la compagna, che lo accusava di aver abusato della figlia. La bambina, caduta dal primo piano di un appartamento di Vitoria, è stata trasportata immediatamente in ospedale e versa in condizioni critiche.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Parigi, proteste anti Uber dei tassisti: scontri e arresti

Mobilitazione contro le auto a noleggio


di  

CONDIVIDI:

Mar 26 Gennaio 2016 14:27


PARIGI. Almeno 20 persone sono state arrestate questa mattina in Francia durante la mobilitazione dei tassisti indetta contro le auto a noleggio con conducente e contro Uber. Secondo la prefettura, circa 1.200 tassisti hanno bloccato le strade intorno ai due aeroporti di Parigi, Roissy e Orly, e nei pressi di Porte Maillot, nel versante nord della città.

 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Allarme bomba in sei licei di Parigi

Telefonate anonime in alcune delle principali scuole della città


di  

CONDIVIDI:

Mar 26 Gennaio 2016 13:47


PARIGI. La polizia francese è intervenuta questa mattina in sei licei della capitale per una serie di allarmi bomba: tra le scuole che hanno ricevuto ciascuno una telefonata anonima a metà mattinata figurano alcuni dei principali licei della città: Henri IV, Louis Le Grand, Condorcet, Fénelon e Montaigne. La minaccia è stata presa sul serio e gli studenti sono stati evacuati nei cortili mentre intervenivano le squadre di artificieri.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Allarme dell'Europol: «Possibili nuovi attentati dell'Isis in Ue»

L'analisi: gli attacchi dello Stato islamico verso una chiara dimensione internazionale


di  

CONDIVIDI:

Lun 25 Gennaio 2016 15:35


BRUXELLES. "L'Europa sta affrontando la più significativa minaccia terroristica in oltre dieci anni". È l'allarme lanciato da Europol, come si legge in un comunicato sul sito dell'agenzia, in cui si precisa che "gli attacchi di Parigi del 13 novembre indicano uno spostamento verso una chiara dimensione internazionale dello Stato islamico nello sferrare attacchi in stile forze speciali".

 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Migranti, Ue: «Nessun piano per escludere la Grecia da Schengen»

Alfano: «Sarebbe l'inizio dello sgretolamento dell'Europa»


di  

CONDIVIDI:

Lun 25 Gennaio 2016 13:48


BRUXELLES. "Non c'è alcun piano per escludere la Grecia da Schengen. Queste sono opzioni che non esistono, secondo le regole attuali". Lo ha precisato una portavoce della Commissione Europea, oggi a Bruxelles.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Maxi tempesta di neve negli Usa, i morti sono 19

Cancellati quasi seimila voli


di  

CONDIVIDI:

Dom 24 Gennaio 2016 11:37


WASHINGTON. È ormai di diciannove morti il bilancio delle vittime della maxi tempesta di neve che ha colpito la costa orientale degli Stati Uniti. Le cause sono gli incidenti stradali in Arkansas, North Carolina, Kentucky, Ohio, Tennesse e Virginia. Tre persone sono invece morte a New York e una in Maryland colpite da infarto dopo ore trascorse a spalare la neve davanti alle proprie abitazioni. Oltre 85 milioni di cittadini in 20 stati sono coinvolti dall'arrivo di "Jonas", che ha portato alla cancellazione di quasi seimila voli.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Iran, vice presidente Ebtekar: «Pronti a fruttuosa collaborazione con l'Italia»

Nuove opportunità per le imprese tricolori


di  

CONDIVIDI:

Sab 23 Gennaio 2016 20:45


TEHERAN. Iran e Italia, dopo la revoca delle sanzioni, possono ora aprire una "fruttuosa e pratica collaborazione in diversi ambiti, non solo quelli economici e politici, ma penso anche a collaborazioni in campo culturale e ambientale". Lo afferma ad Aki-Adnkronos International la vice presidente dell'Iran, Masoumeh Ebtekar, analizzando i possibili sviluppi nei rapporti tra i due Paesi alla luce della visita a Roma del presidente iraniano, Hassan Rohani, atteso lunedì.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Un'altra strage di immigrati: 42 morti annegati, 17 sono bambini

Due distinti naufragi nell'Egeo: uno al largo dell'isola di Kalymnos e l'altro nelle acque dell'isola di Farmakonisi


di  

CONDIVIDI:

Ven 22 Gennaio 2016 15:07


ATENE. È salito a 42 il numero di migranti morti in due distinti naufragi avvenuti nel Mar Egeo. Secondo quanto riferisce la Bbc 34 persone, tra cui 17 bambini. La guardia costiera greca ha detto di aver tratto in salvo 26 persone dal naufragio a largo dell'isola di Kalymnos e di aver recuperato 34 corpi: 16 sono donne, 11 i bambini e sette gli uomini. Non è chiaro quante persone erano sull'imbarcazione, secondo alcuni testimoni fino a 100.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Caso Litvinenko, l'inchiesta brinannica accusa Putin

Per le autorità della Gran Bretagna il presidente russo «probabilmente approvò l'omicidio»


di  

CONDIVIDI:

Gio 21 Gennaio 2016 13:56


LONDRA. L'omicidio nel 2006 dell'ex agente del Kgb Alexander Litvinenko fu "probabilmente" approvato dal presidente russo Vladimir Putin. Sono queste le conclusioni della commissione pubblica d'inchiesta britannica presieduta da Sir Robert Owen.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine