Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Padre Lorenzo: «La parola avvelenata può uccidere. Il bullismo è praticato da ragazzi non educati all'amore»

Per gentile concessione dei Padri Vocazionisti vi riproponiamo i "Granellini" scritti da padre Lorenzo Montecalvo e inviati del 2018


di  Redazione

CONDIVIDI:

Ven 26 Febbraio 2021 14:43


IL GRANELLINO
(Mt 5,20-26)



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Censimento FAI "I luoghi del cuore", sul podio "Fescina", il Complesso di San Gaudioso e la Reggia di Portici


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Febbraio 2021 19:52


La Campania si piazza al 34° posto secondo il censimento FAI “I luoghi del cuore”, promosso dal Fondo per l’ambiente italiano in collaborazione con Intesa San Paolo e giunto alla decima edizione.

La votazione è stata lanciata il 6 maggio 2020 e si è chiusa il 15 dicembre con 2.353.932 voti raccolti e con oltre 39.500 luoghi segnalati in 6.504 Comuni d'Italia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Mons. Georg Gänswein presenta il suo libro "Via Crucis"

Questa sera, alle ore 21, sulla pagina Facebook Ares è possibile seguire in diretta la presentazione del lavoro dell'amato ex segretario personale di Benedetto XVI, Papa Emerito, in dialogo con Cesare Cavalleri


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Febbraio 2021 15:06


Per la Pasqua 2021, le Edizioni Ares pubblicano le meditazioni sulla Via Crucis di mons. Georg Gänswein, prefetto della Casa Pontificia e segretario particolare di Joseph Ratzinger-Benedetto XVI.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il Granellino di padre Lorenzo Montecalvo: "Siamo come piuma al vento"

"Siate costanti e perseveranti..., il Signore non ci proibisce di chiedere il pane quotidiano, la salute del corpo e la realizzazione di un nostro desiderio. Ma quello che dobbiamo chiedere prima di ogni altra cosa è lo Spirito Santo"


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 25 Febbraio 2021 13:34


NAPOLI. Vi riproponiamo "Il Granellino" di padre Lorenzo Montecalvo, dell'ordine dei Vocazionisti, che non è più in questo mondo, ma accompagnerà per sempre i fedeli che ricevevano ogni giorno il suo commento al Vangelo. Padre Lorenzo ci ha lasciato, perché si è ammalto di Covid. Ed ecco il suo commento al Vangelo del 2018.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Padre Lorenzo Montecalvo ha lasciato in eredità ai fedeli un patrimonio di amore

Da oggi, il suo commento al Vangelo, "Il Granellino", giorno per giorno, del 2018


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 24 Febbraio 2021 16:29


NAPOLI. La morte di padre Lorenzo Montecalvo ha lasciato un grandissimo vuoto nelle migliaia di fedeli che ogni giorno ricevevano in mail e in chat il suo prezioso commento al Vangelo, battezzato "Il Granellino". L'assenza del suo messaggio d'amore quotidiano è un vuoto incolmabile, che può essere mitigato solo dalla rilettura dei suoi testi, preziosa eredità lasciata a tutti quale grande patrimonio di fede e di teologia.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Napoli, una folgorazione

La scrittrice Anne Charlotte Leffler giunse in città nel 1888 e non andò più via. Langella pubblica i suoi brillanti reportage


di  Armida Parisi

CONDIVIDI:

Mar 23 Febbraio 2021 20:02


Lo sguardo degli scrittori stranieri su Napoli è sempre sorprendente perché questi personaggi perlopiù appartenenti all’alta società delle diverse nazioni europee, venivano a visitare la città perché erano attratti soprattutto dalla leggendaria mitezza del clima ma rimanevano colpiti non solo dalla bellezza dei luoghi ma anche e soprattutto dall'estrema vitalità di un popolo che seppur travagliato dalla evidente miseria, manteneva una serenità allegra e chiassosa che per lo straniero era assolutamente inspiegabile.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Procida, il culto religioso al femminile dei “quadrilli” nel libro di Gea Palumbo

Le donne e la religione delle cose nell'isola Capitale italiana della cultura 2022, al di là dei suoi confini, nel volume della casa editrice Fioranna


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 23 Febbraio 2021 13:20


Passeggiando nel sentiero che ha portato Procida a diventare Capitale italiana della cultura nel 2022, per scoprire come la sua bellezza abbia origini antiche nel vedere e nel sentire. Ed è da quest’ultimo punto che la casa editrice Fioranna è partita per raccontare con la professoressa Gea Palumbo un’antica tradizione nel libro “Quadrilli  - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini”.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Enzo Moscato, biografia bislacca


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 18 Febbraio 2021 13:36


In principio fu la donna, o meglio, le donne di casa, le “figliole” e la “madre”, con i loro affascinanti rituali stregoneschi; poi vengono i santi nella loro ambigua presenza; e poi ancora le voci, dissonanti e attrattive, dei vicoli e quella, monocorde e respingente, della scuola. In “Archeologia del sangue” (Cronopio) Enzo Moscato (nella foto) ripercorre gli anni della sua infanzia attraverso il ricordo vivissimo delle figure che popolavano quel microcosmo proteiforme che erano e che, sotto altri aspetti, sono ancora i Quartieri Spagnoli a Napoli.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Da Zeus al Che, il potere si prende


di  Armida Parisi

CONDIVIDI:

Sab 13 Febbraio 2021 18:25


«È bello che il teatro Bellini riprenda la sua attività, seppure a distanza, proprio con le Lezioni di storia, infatti un anno fa il Bellini ha chiuso i battenti a causa della pandemia proprio dopo la conclusione della rassegna». È Gabriele Russo, direttore artistico del Bellini, a ricordare il successo delle Lezioni in occasione della conferenza stampa di presentazione del programma di quest’anno. Dieci appuntamenti in streaming, in diretta da nove importanti teatri italiani (alle 18 di tutte le domeniche a partire dal 7 marzo.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
L'assedio di Gaeta. Quella orgogliosa difesa dell’onore senza nessuna speranza di vincere

Le guerre diverse di Cialdini e Francesco II


di  Massimo Ellis

CONDIVIDI:

Sab 13 Febbraio 2021 10:09


«Dovevamo salvare la faccia», dice il protagonista in “Ritornati dal passato”, di Riccardo Pazzaglia. Ma quei soldati che uscivano da Gaeta con le bandiere al vento, mentre i piemontesi presentavano le armi, erano andati oltre. Era il 15 febbraio 1861. Avevano combattuto per tre mesi una guerra senza speranza. “Rimanere nella piazzaforte era un onore”, scrive Angelo Mangone. Una guerra separata da quella dei nemici.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine