Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Rompe il braccialetto elettronico, rintracciato e arrestato


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 15:03


NAPOLI.  Lo scorso 17 settembre un uomo sottoposto agli arresti domiciliari a Scalea per reati in materia di stupefacenti, dopo aver rotto il braccialetto elettronico, si era allontanato. Stamattina, gli agenti del Commissariato di Giugliano-Villaricca  lo hanno rintracciato a Melito presso l'abitazione di un familiare. Angelo Bottino, 30enne napoletano, è stato arrestato per evasione.
 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Sorpreso con armi e droga in casa, arrestato


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 14:59


NAPOLI. Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Secondigliano, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno effettuato un controllo in via degli Ortolani presso l’abitazione di un uomo dove hanno rinvenuto un revolver Smith & Wesson cal. 22, risultato rubato nel 2015, una pistola semiautomatica replica Bruni mod. New Police 8 mm priva di tappo rosso, 92 cartucce di vario calibro, 4 cartucce a salve cal.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il saio e il sangue di san Padre Pio tra i malati delle Rsa

“Peregrinatio” delle reliquie del frate cappuccino da Pietrelcina nelle parrocchie della periferia abbandonata di Castellammare di Stabia


di  Rosa Benigno

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 14:47


CASTELLAMMARE DI STABIA. Comincia domani la “Peregrinatio” del “Sangue e del saio di San Padre Pio da Pietrelcina”. Le preziose reliquie, affidate a don Paolo Cecere, 88enne figlio spirituale del frate di San Giovanni Rotondo, giungeranno a Castellammare di Stabia nella residenza per anziani in via Quisisana “Rsa Oasi San Francesco”.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ondate di calore e alluvioni, a rischio 6 città: c'è anche Napoli


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 14:43


Ondate di calore e alluvioni: sono questi gli impatti principali cui sono interessate le città italiane. E la situazione sembra destinata a peggiorare con forti conseguenze sulla salute delle persone, sulla mortalità e sugli episodi di dissesto idrogeologico. di fronte a questa realtà e questi scenari futuri, come si stanno preparando sei tra le più grandi città italiane? La risposta arriva dal rapporto 'Analisi del Rischio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Muore a 15 anni dopo incidente, il papà: riaprire l'ospedale


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 14:25


Riaprire l'ospedale di Agropoli «per la nostra comunità e per tutti coloro che ne avranno bisogno». È il senso del toccante appello lanciato da Carmine Gorga, padre di Tommaso, 15enne morto in un incidente stradale avvenuto a Castellabate, nei pressi della località San Marco, la sera del 18 settembre. Dopo l'incidente, il 15enne è stato trasportato dai soccorsi all'ospedale di Vallo della Lucania, a quasi 50 km di distanza. La lettera è stata scritta insieme alla moglie Giovanna a poche ore dal tragico incidente e dai funerali del figlio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Manifesti con bestemmie a Napoli, monta la polemica


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 14:01


Sta facendo molto discutere a Napoli la comparsa di alcuni manifesti con messaggi blasfemi e imprecazioni, spesso accompagnate da immagini come Topolino, Disneyland o che rievocano note pubblicità come quella del Crodino. I manifesti, opera di artisti che hanno esposto le proprie opere nella mostra "Ceci n'est pas un blasphème", festival delle arti "per la libertà d'espressione contro la censura religiosa" in corso al Palazzo delle Arti di Napoli dal 17 al 30 settembre.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Arzano, demolizione alloggi 167


di  Piero Piras

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 13:12


ARZANO. Dopo la conclusione del censimento degli alloggi, un gruppo interforze (carabinieri, polizia, polizia locale e vigili del fuoco sta provvedendo allo sgombero e all'abbattimento delle case occupate abusivamente da ras e guaglioni della 167 di Arzano. ««Pochi giorni fa avevo annunciato che i commissari che si sono insediati avevano deliberato l'abbattimento degli abusi realizzati all'interno delle palazzine della 167 di Arzano. Oggi finalmente posso comunicarvi, con grande orgoglio, che l'intervento e' stato realizzato.


Arzano, demolizione alloggi 167

CONDIVIDI:

Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Voleva aprire tombino ma ci cade dentro, muore 62enne


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 11:09


Tragedia nel ferrarese dove, a causa delle forti alluvioni che hanno colpito diverse zone della Romagna, stanotte ha perso la vita un uomo cadendo in un tombino.

Il drammatico incidente è avvenuto in una zona particolarmente colpita dalle piogge ad Argenta, qui un uomo di 62 anni è uscito dalla sua abitazione per liberare un tombino da alcuni detriti che impedivano all’acqua di defluire correttamente. Ma, sfortunatamente, l’uomo vi è caduto dentro, per cause ancora ed ha perso la vita.

La dinamica



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
60enne ucciso dal Covid nonostante 2 dosi di vaccino


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 09:07


Tragedia a Giugliano, è morto un noto imprenditore del posto a causa del Covid. Sconvolta l'intera cittadina.

Si tratta di Francesco Pennacchio, 60 anni, noto imprenditore edile. l'uomo, vaccinato con due dosi Pfizer, era ricoverato da due settimane al Cotugno dove è spirato. 

 

 

La vittima

Il 60enne era arrivato all’ospedale già in condizioni assai critiche e, a peggiorare la situazione già compromessa, sarebbero state le complicanze dovute al Covid. 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ammazzato per un sospetto: «Ma lui non partecipò al raid»

L’ex affiliato ai Marfella è uno tsunami, indagato pure Enzo Romano.Omicidio Pisa, il pentito Dello Iacolo accusa il commando


di  Luigi Sannino

CONDIVIDI:

Mar 21 Settembre 2021 08:09


NAPOLI. «Una persona innocente, del tutto estranea alla criminalità organizzata», ha messo a verbale Raffaele Dello Iacolo. Non era un affiliato Raffaele Pisa, ammazzato per volere del clan Marfella, ma aveva amicizie d’infanzia e gioventù con Salvatore Romano del gruppo Mele e i nemici di questi ultimi ritenevano che lui e il fratello Gianluca fornissero informazioni ai “figli di Giulietta” (Salvatore e Giuseppe Mele).



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine