Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Diplomificio, minacce ai giornalisti: denunciati gli autori

Il Prefetto di Napoli Carmela Pagano ha comunicato al Sindacato unitario giornalisti della Campania che gli autori delle minacce e delle aggressioni subite dai giornalisti per l’inchiesta sul presunto “diplomificio” di Secondigliano sono stati denunciati


di  

CONDIVIDI:

Lun 10 Luglio 2017 16:05


Il Prefetto di Napoli Carmela Pagano ha comunicato al Sindacato unitario giornalisti della Campania che gli autori delle minacce e delle aggressioni subite dai giornalisti per l’inchiesta sul presunto “diplomificio” di Secondigliano sono stati denunciati. In seguito alle segnalazioni «sono state interessate le Forze dell’Ordine – afferma il Prefetto – le quali hanno comunicato che le indagini avviate nell’immediatezza dei fatti hanno consentito l’individuazione dei responsabili, deferiti all’Autorità giudiziaria.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Sequestrati 78mila euro a ex dipendente di banca e alla moglie

Il funzionario di banca, dal 2003 al 2016, secondo l'ipotesi di reato elevata nei suo confronti, aveva convinto amici e conoscenti ad investire in prodotti finanziari della banca. In concreto, però, si era appropriato del denaro, versandolo sul conto corrente intestato alla moglie


di  

CONDIVIDI:

Lun 10 Luglio 2017 15:48


Nella mattinata di oggi, nell'ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord -sezione Criminalità Economica -i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli -1A Gruppo hanno dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di circa 78mila euro nei confronti di un ex dipendente del Banco di Napoli e della moglie.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Ischia, salta su una barca e si getta in mare per sfuggire ai controlli

Un 21enne napoletano arrestato a Ischia dalla polizia per resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale


di  

CONDIVIDI:

Lun 10 Luglio 2017 15:40


Nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dei reati, la notte scorsa, gli agent della Polizia di Stato del Commissariato di Ischia, hanno arrestato per resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale il 21enne napoletano, noto alle forze dell’ordine perché gravato da numerosi precedenti di polizia, Salvo Arturo Blasi.

Blasi è stato notato dai polizotti aggirarsi, con fare sospetto, nella Piazza Antica Reggia, ed appena ha intuito che sarebbe stato fermato per un  controllo, si è dato alla fuga verso il terminal degli aliscafi, inseguito dagli agenti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Camorra, terza faida di Scampia: sette arresti

Arrestati i presunti responsabili degli omicidi avvenuti nel 2014, riconducibili alla faida interna scoppiata dopo la cattura del capoclan Mariano Riccio

Il ras stanato nella villa di lusso VIDEO


di  

CONDIVIDI:

Lun 10 Luglio 2017 14:47


Questa mattina la Squadra Mobile di Napoli, su disposizione del Gip presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda, ha eseguito alcune ordinanze di custodia cautelare in carcere, nei confronti di elementi ritenuti responsabili di omicidi e tentati omicidi, avvenuti nel 2014, riconducibili alla faida interna scoppiata dopo l'arresto del capoclan, Mariano Riccio, 27 anni, marito della figlia del boss Cesare Pagano, trovato a Qualiano a febbraio di tre anni fa dopo un periodo di latitanza, e la riorganizzazione della consorteria camorristica scissionist



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Avances alla figlia della cognata, ferisce gravemente il compagno della donna

L'uomo rischia la vita. A Forio d'Ischia arrestato un 49enne: ha aggredito prima con una sedia e poi con a calci e pugni il 52enne lasciandolo esanime al suolo. Sul posto i carabinieri


di  

CONDIVIDI:

Lun 10 Luglio 2017 11:28


ISCHIA. I carabinieri della stazione di Forio d’Ischia hanno tratto in arresto per tentato omicidio F.R., un 49enne del luogo. Ieri sera, nell’abitazione dove la cognata vive con la figlia e il compagno 52enne, per futili motivi legati a presunte avance di quest’ultimo alla figlia della cognata ha aggredito prima con una sedia e poi con a calci e pugni il 52enne lasciandolo esanime al suolo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Forio che hanno bloccato il violento.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Marano, colpo al cuore dei clan Orlando: 11 arresti TUTTI I NOMI

Blitz dei carabinieri su ordine della Dda. Colpiti anche i Nuvoletta-Lubrano. Durante le indagini sono state accertate estorsioni messe in atto da elementi del clan ai danni di imprenditori edili 


di  

CONDIVIDI:

Lun 10 Luglio 2017 11:20


MARANO. I militari del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere - emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta di questa Direzione Distrettuale Antimafia - nei confronti dei sottonotati 11 indagati (7 liberi e 4 già ristretti), elementi apicali del clan Orlando (operante in Marano di Napoli, Calvizzano, Quarto e comuni limitrofi) e dei clan Nuvoletta-Lubrano (operante in Marano di Napoli, provincia di Caserta e comuni limitrofi, ritenuti responsabili di associazione di tipo mafioso ed estorsio



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Marano, sequestrato arsenale dei Nuvoletta-Orlando-Polverino

I carabinieri trovano kalashnikov, fucili e pistole nel garage di un incensurato


di  

CONDIVIDI:

Dom 09 Luglio 2017 13:08


MARANO. Un vero e proprio arsenale è stato rinvenuto dai carabinieri della tenenza di Marano e del nucleo investigativo di Castello di Cisterna nel garage di un incensurato 22enne. L'area è quella di influenza del clan camorristico degli Orlando , Nuvoletta e Polverino, oggetto di una recente attività d’indagine che aveva portato il 18 aprile scorso all’esecuzione di 33 misure cautelari da parte degli stessi carabinieri nei confronti delle citate organizzazioni criminali.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Vesuvio, ancora incendi nel Parco nazionale

Le fiamme divorano la macchia mediterranea. Il fumo dei roghi è visibile in tutto il golfo di  Napoli


di  

CONDIVIDI:

Dom 09 Luglio 2017 11:23


NAPOLI. Si interrogano i turisti davanti a un incendio sul Vesuvio, visibile da tutto il golfo di Napoli. L'incendio va avanti almeno da quattro giorni. Canadair in azione, vigili del fuoco e forestale che, però, non riescono ad avere ragione delle fiamme. Sembrava che fossero riusciti a domare l'incendio tre giorni fa, quando le sue dimensioni hanno messo in fuga i turisti che ogni giorno fanno escursioni sul cono del vulcano. Ma, evidentemente, sono rimasti dei focolai che hanno ricominciato a bruciare tutto intorno.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Agguato ad Agerola, ucciso ex scissionista dei D'Alessandro

Stava aspettando la moglie appena entrata nella pizzeria "Ai Galli". Per risalire al movente si indaga nel passato del pregiudicato, appartenente alla famiglia dei "Fasani".


di  

CONDIVIDI:

Sab 08 Luglio 2017 23:15


AGEROLA. Il 59enne di Castellammare di Stabia è stato ammazzato in via Galli ad Agerola, davanti a una pizzeria nella quale era appena entrata la moglie. Il pregiudicato, in passato vicino al clan Di Somma-Maresca, era in auto fermo quando si è affiancata a lui un'altra vettura con due sicari a bordo. Uno di essi ha estratto una pistola e ha esploso contro Antonio Fontana 8 colpi, rendendo così inutile ogni tentativo di soccorso dei passanti. Erano le 21 circa e le indagini sono condotte dai carabinieri, giunti insieme alla polizia sul luogo dell'agguato.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
EuroNut, Confindustria: fare presto per salvare l'impresa

L'azienda isolata, interrogazione parlamentare. L’ad Manganelli: «Ignorate le nostre richieste»


di  

CONDIVIDI:

Sab 08 Luglio 2017 14:31


AVELLINO. Interrogazione parlamentare sul caso EuroNut Spa. I deputati del Partito Democratico Massimiliano Manfredi ed Assunta Tartaglione hanno presentato al Ministro delle Infrastrutture e trasporti ed al Ministro dello Sviluppo economico una interrogazione a risposta scritta sulla vicenda che dal 5 giugno coinvolge l’azienda dell’area industriale di Sperone rimasta isolata ed a rischio chiusura dopo il sequestro del cavalcavia numero 22 dell’autostrada A16 disposto dalla Procura della Repubblica di Avellino.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine