Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Preso a Pianura ricettatore dei Quartieri Spagnoli

Deve scontare un anno e quattro mesi, i poliziotti lo hanno scovato in contrada Pisani


di  

CONDIVIDI:

Gio 07 Settembre 2017 12:35


NAPOLI. Giuseppe Esposito, pregiudicato di 60anni, è stato arrestato, nel pomeriggio di ieri, dagli agenti del Commissariato di Polizia S. Ferdinando. L’uomo, dallo scorso mese di luglio, era destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, successivo ad un provvedimento di revoca di decreto di sospensione di cui aveva beneficiato. Esposito, infatti, pur avendo conservato la residenza ai Quartieri Spagnoli, si era reso irrintracciabile, proprio dallo scorso mese di luglio.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Caso Consip, riprendono le audizioni al Csm

Il 18 in Prima Commissione i Procuratori aggiunti di Napoli Alfonso D'Avino e Giuseppe Borrelli.


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Settembre 2017 20:47


Riprenderanno il 18 settembre prossimo le audizioni in prima commissione al Csm in relazione all'istruttoria sul caso Consip. Il 18 la I commissione, presieduta dal consigliere laico Giuseppe Fanfani, audirà i Procuratori aggiunti di Napoli Alfonso D'Avino e Giuseppe Borrelli. A fine luglio erano già stati ascoltati dalla commissione il procuratore generale di Napoli Luigi Riello e il facente funzione Nunzio Fragliasso in un'audizione in cui erano state ripercorse le tappe riguardanti l'indagine.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Al II Policlinico due bambini colpiti dalla malaria

Sono nigeriani ed erano andati a trovare i parenti nel loro paese d'origine


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Settembre 2017 20:41


Due bambini nigeriani residenti a Santa Maria Capua Vetere sono ricoverati per malaria al Secondo Policlinico di Napoli. Inizialmente ricoverati all'ospedale di Caserta sono stati trasferiti al reparto malattie infettive del Secondo Policlinico. La malaria sarebbe stata contratta nel paese di origine dove sono andati a trovare i parenti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Agguato di camorra: massacrati due pregiudicati

Killer in azione in vico Pergola, nei pressi del Borgo di Sant'Antonio Abate. Le vittime sono Eduardo Amoruso, 52enne cognato dei Giuliano, e  Salvatore Dragonetti di 44 anni


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Settembre 2017 18:07


Agguato di stampo camorristico questo pomeriggio in via Vico Pergola all'Avvocata. Uccisi a colpi d'arma da fuoco due uomini. Le vittime sono Edoardo Amoruso, cognato di un esponente della famiglia Giuliano, ex boss del Rione Forcella, e Salvatore Dragonetti.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Usura e tentata estorsione, quattro arresti ad Afragola

Le indagini hanno preso avvio nel gennaio 2014, in seguito ad alcuni episodi denunciati dal titolare di un'agenzia di scommesse di Casoria


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Settembre 2017 14:43


AFRAGOLA. I carabinieri di Casoria, in provincia di Napoli, coordinati dalla Procura della città partenopea hanno eseguito l'arresto di quattro persone, rispettivamente di 48, 67, 54 e 28 anni, tutte residenti nel comune di Afragola, con l'accusa di usura e tentata estorsione ai danni del titolare di un'agenzia di scommesse di Casoria. Le indagini hanno preso avvio nel gennaio 2014, in seguito ad alcuni episodi di usura denunciati dall'uomo. Quest'ultimo e il figlio sono stati vittima di minacce, culminate poi in due episodi di aggressione a gennaio 2014 e ottobre 2016.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Racket e patto tra clan per il controllo del territorio: scacco ai Gionta, 12 fermati

Pizzo a imprese, commercianti e centri medici a Torre Annunziata. La cosca rappresentata ancora da soggetti della “vecchia guardia”. Accordo con i Limelli-Vangone


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Settembre 2017 13:02


TORRE ANNUNZIATA. Imponevano il pizzo a imprese, commercianti, centri medici. Scoperti accordi con altri clan per spartizione del territorio. Questa notte i Carabinieri del nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a un decreto di fermo d’indiziato di delitto disposto d’urgenza dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli a carico di 12 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di estorsione e di detenzione e porto illecito di armi aggravati da finalità mafiose.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
«C'è un'autobomba all'aeroporto», alta tensione a Capodichino

Una chiamata anonima segnala la presenza di una vettura con a bordo bombole di gas, scattano i controlli: della macchina nessuna traccia


di  

CONDIVIDI:

Mar 05 Settembre 2017 23:31


NAPOLI. Notte all'insegna dell'alta tensione all'aeroporto di Capodichino. Una telefonata anonima, poco prima delle 22,30, ha segnalato alla polizia la presenza nel parcheggio antistante lo scalo di un'auto bianca con a bordo delle bombole di gas pronte a esplodere. A stretto giro di posta sono dunque scattati tutti i controlli del caso. Le forze dell'ordine hanno passato al setaccio l'intera zona - non solo i parceggi ma anche i viali di accesso all'aeroporto - ma le ricerche della vettura hanno fino ad ora dato esito negativo. Insomma, un falso allarme.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Investe ragazza 17enne e scappa: 20enne indagato

Il giovane si è presentato il giorno dopo dai vigili urbani: sono scappato per paura


di  

CONDIVIDI:

Mar 05 Settembre 2017 19:20


Omissione di soccorso e lesioni. Sono i due reati di cui deve rispondere un ventenne a Napoli, dopo aver investito una diciassettenne ed essersi allontanato senza prestarle soccorso il fatto e' accaduto alle 5 di questa mattina nel quartiere residenziale di Posillipo. Una Fiat Panda, infatti, della quale il conducente ha perso il controllo, ha investito la diciassettenne che era ferma all'area di servizio carburanti Tiber di via Posillipo, dopo essere scesa dal mezzo per permettere al conducente di fare rifornimento.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Carcere di Poggioreale: detenuto aggredisce agente

La denuncia del Sappe. E a Santa Maria Caputa Vetere un altro detenuto ha dato fuoco alla cella


di  

CONDIVIDI:

Mar 05 Settembre 2017 18:38


Ancora due episodi di violenza e follia in altrettante carceri della Campania: a Napoli Poggioreale un detenuto ha preso a calci e pugni un assistente della Polizia Penitenziaria dopo avere ricevuto un provvedimento dall'autorita' giudiziaria mentre a Santa Maria Capua Vetere nella provincia di Caserta, uno straniero, nella notte tra sabato e domenica, ha dato fuoco alla cella. A denunciarlo e' il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe).



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il branco di stupratori resta in carcere

Convalidato l'arresto per i tre minorenni. Il congolese 20enne cambia versione, ma resta in ella pure lui


di  

CONDIVIDI:

Mar 05 Settembre 2017 17:47


Custodia cautelare in carcere per tutti e tre gli indagati e divieto di comunicare tra di loro. E' la decisione del Gip del tribunale per i minorenni di Bologna, Anna Filocamo, per quanto riguarda i fratelli marocchini di 15 e 17 anni e il nigeriano di 16, accusati in concorso con il 20enne Guerlin Butungu dei due stupri della notte tra il 25 e il 26 agosto a Miramare di Rimini e di lesioni e rapina aggravata.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine