Mercoledì 14 Novembre 2018 - 4:46

Ponticelli, la polizia scongiura una stesa

Due giovani su uno scooter l’altra notte sono fuggiti a tutto gas dopo l’alt della polizia

NAPOLI. Non si sa cosa volevano fare i due giovani su uno scooter che l’altra notte sono fuggiti a tutto gas dopo l’alt della polizia, nella zona del lotto 0 a Ponticelli. Ma è possibile, anzi probabile, che gli agenti di una Volante del commissariato San Giovanni abbiano evitato la commissione di un reato: una “stesa”, se non qualcosa di ancora più grave. L’inseguimento si è protratto per un poco, poi il “due ruote” è riuscito a seminare l’autovettura grazie alla leggerezza del mezzo. Ma le indagini potrebbero presto portare all’identificazione della coppia.
Intanto proseguono a ritmo serrato le indagini sulla “stesa” di piazza Mercato, con diverse ipotesi al vaglio degli investigatori: la guerra Mazzarella-Rinaldi; la lite tra giovani malviventi per un motorino rubato; un attrito tra esponenti “mazzarelliani” e del clan Contini.  Erano le 21 circa di domenica quando due uomini in moto sono arrivati a piazza Mercato dall’esterno, rallentando nei pressi del bar “Espo”:  un caso perché il locale non c’entra nulla, tant’è vero che nessun proiettile è indirizzato contro la serranda o la vetrina. Mentre in aria ne sono tati esplosi ben 12 di calibro 7,65. 
In piazza Mercato ci sono alcune telecamere, tra pubbliche e private, e dalle immagini si avrebbe la certezza dell’incursione armata compiuta da due uomini, che entrambi armati hanno fatto fuoco. Ma l’oscurità e i volti parzialmente coperti non permetterebbero in tempi rapidi l’identificazione degli autori della “stesa”.  Così come nessun investigatore esclude completamente altre ipotesi a parte quella di una prosecuzione dello scontro Mazzarella-Rinaldi. Ma certamente è questa la pista più battuta: il clan Rinaldi, dopo aver subito gli attacchi nel rione Villa sabato mattina e a San Giuseppe Vesuviano, con la bomba carta piazzata al locale dei nipoti incensurati di Sergio Grassia, sarebbe passato alla controffensiva con una sparatoria eclatante. Il fatto che i colpi siano stati esplosi a poca distanza dal bar “Espo” (il cui titolare è incensurato) sarebbe soltanto una coincidenza.

 

19:18 12/09

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici