Martedì 22 Gennaio 2019 - 8:20

“Sacro Sud” con la voce di Ghorbani

Dopo il maestoso successo dei Cantori di Posillipo al Duomo di Napoli con il loro “Concerto di Natale”, la rassegna “SACRO SUD - Anime Salve”, affidata alla direzione artistica di Enzo Avitabile, continua i suoi appuntamenti proponendo la voce di  Alireza Ghorbani nel concerto intitolato “Lost in Love… Persian love songs”. Negli ultimi anni, questo raffinato interprete si è affermato come uno dei leader della nuova generazione di cantanti persiani classici. Un riconoscimento venuto dalla gamma del suo repertorio, accuratezza e naturalezza della voce, gusto impeccabile e approccio intransigente. Il concerto prende il nome dal suo album del 2015 col quale Ghorbani ci invita ad un viaggio di scoperta al Gulistan (Il giardino delle rose), un luogo di ispirazione per il poeta persiano al quale  aggiunge anche autori del XX secolo come Mohamed Reza Shafie Kadkani e Fereydun Moshiri. Poesie che evocano il fuoco che l'amore può innescare dentro di noi, fino alla nostra completa perdita di sensi. Virtuosismo, ornamenti, invenzione, l'improvvisazione può essere trovata in molti artisti iraniani, ma è la miscela unica di tutte queste qualità, in una sola voce, che rende Alireza Ghorbani così unico. Ad accompagnare la sua voce sul palco saranno Saman Samimi, Kamancheh, Milad Mohammadi, Zakariya Yousefi. Il concerto è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.
La rassegna rientra nel più ampio progetto “Musica del Sud: identità e rivoluzione”, ideato e curato dall'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e finanziato dalla Regione Campania a valere sul Programma operativo complementare (POC) 2014-2020 – piano strategico regionale per la cultura e i beni culturali- programmazione 2018. Realizzata grazie anche al prezioso lavoro di “Black Tarantella”, ed affidata alla collaudata efficienza della “xeventi&Communications” per la comunicazione, la rassegna si chiuderà Domenica 6 gennaio 2019 con il concerto del direttore Enzo Avitabile intitolato appunto “Sacro Sud” ed in programma presso la chiesa di S. Maria di Costantinopoli (Cappella Cangiani) alle ore 21.

16:38 27/12

di Redazione

Commenta

Shara in concerto all'Hart

Nuovo appuntamento da non perdere! Shara si esibirà live il prossimo 27 Dicembre alle ore 21:00 presso il prestigioso locale Hart, in via Crispi 33 a Napoli, locale innovativo e multifunzionale della movida napoletana, che coniuga cinema, musica, arte e cibo in un mix dal respiro internazionale.

Shara, oltre al suo repertorio, presenterà per l’occasione i due brani rivisitati “Vento del Sud” ed “Il Bacio del Risveglio” (tratti dal precedente progetto discografico “Vento del Sud” del 2016) appena lanciati sul mercato lo scorso 14 Dicembre.

Un mini - lavoro di restyling nato quasi per caso, un esperimento prodotto spontaneamente durante una sessione di prove con la band, in un momento di pausa e convivialità. “Vento del Sud” versione 2019 rimanda alle sonorità dei mitici anni ’80, mixate con note più attuali dal tocco nord europeo ed anche il video del brano prende spunto dagli eighties con la scelta del look moda, i colori ed il cuore sacro realizzato con i mattoncini Lego. 

Per “Il Bacio del Risveglio” invece le sonorità strizzano l’occhio al jazz anni ’40 per poi volgere in alcuni tratti al sound dei mitici anni ’60. Per la versione precedente è stato realizzato un bellissimo videoclip che ha voluto mettere in risalto la città di Napoli con l'intento di sottolineare il valore del "rinascimento napoletano", movimento culturale ormai in atto da tempo, che vede nuovamente il fiorire delle arti e della cultura partenopea. D’altronde la cantante non può non citare le sue origine partenopee, nei suoi lavori così come nell’impegno ormai assiduo per lo sviluppo e l’incremento delle eccellenze del Sud Italia. 

Nel 2011 concretizza l’impegno della sua causa fondando il Terronian Project, che avrà come prima iniziativa un grande evento, il Terronian Festival con protagonisti i personaggi, le idee e i prodotti d’eccellenza di origine meridionale, poi classificati con il premio Eccellenze del Sud.

Questo premio è un simbolo di riconoscenza sia a personaggi noti che hanno reso lustro alle terre del Sud ma anche a imprenditori poco conosciuti provenienti da diversi settori, che con il loro sapiente lavoro apportano “valore” e rendono migliori i territori meridionali. 

Lo spettacolo sarà più che mai coinvolgente perché Shara sarà capace di dimostrare dal vivo tutto il suo talento, sia musicale che umano lasciando un’impronta indelebile della sua bravura non solo di artista, ma anche di cittadina e persona attenta alle tematiche attuali della sua terra. In chiusura Shara si esibirà col noto coro campano “Blue Gospel Singers” insieme al quale allieterà i presenti con dei tradizionali gospel natalizi.

Il concerto terminerà con la proiezione del nuovo videoclip del brano Vento del Sud (version 2019).

 

15:39 27/12

di Redazione

Commenta

La Notte degli Struzzi

Venerdì 28 dicembre, da Il Birraiuolo - Craft Beer Bar (via Bellini, 48 - Napoli), serata speciale dedicata al birrificio Belga De Struise Brouwers, per gli amanti uno dei più ricercati e particolari produttori di birra artigianale.
 
Sotto le spine della birroteca partenopea, verranno attaccate due birre di culto, la Belgian Strong Dark Ale Pannepot "Reserva 2016" e l'Imperial Stout Black Damnation "Mocha Bomb". 
 
"L’idea della “Notte degli struzzi” - racconta Simone Baculo del "Il Birraiuolonasce dal desiderio di volerci congedare con qualcosa di speciale dal 2018, il nostro 4° anno effettivo di attività (la birreria è nata nel novembre 2014), un anno che ci ha regalato soddisfazioni, emozioni e tanto divertimento. Quale migliore occasione dunque se non quella di proporre contemporaneamente alla spina due capolavori di De Struise Brouwers (letterlamente “Gli Struzzi birrai”), uno dei più influenti birrifici artigianali europei, ovvero la Pannepot e la Black Damnation, in due versioni speciali la “Reserva 2016” la prima e la “Mocha Bomb” la seconda. Le birre in questione rappresentano dei veri e propri pilastri per tutti gli appassionati del mondo brassicolo, ed il proporle alla spina ci darà la possibilità di farle conoscere ad un pubblico più ampio. L’evento si svolgerà venerdì 28 dicembre e come per altre occasioni speciali ci faremo accompagnare durante la serata da Luca “Bop” Affatato, un emergente pastaio artigiano che sta stupendo tutti con i colori ed i sapori delle le proprie proposte gastronomiche".

 

09:33 27/12

di Marco Sica

Commenta

Uniti nel cuore, 600 partecipanti al galà di beneficenza dei Giovani Industriali

Grande successo di partecipazione e oltre 600 presenti al Teatro Posillipo per la quinta edizione del gala di beneficenza di Natale “Uniti nel cuore” (nella foto di Mario Occhiobuono e Diego Bernabei De Nicola), promosso dai Giovani industriali di Napoli (presieduti da Vittorio Ciotola) insieme con gli under 40 delle altre associazioni imprenditoriali e di professionisti partenopee e nato nel 2014 con l’obiettivo di aiutare giovani in difficoltà e in condizioni di salute o economiche disagiate. 

I fondi raccolti quest’anno sono stati devoluti alle Onlus “Avep” (presieduta da Francesco Orefice e che opera a sostegno del Reparto di Ematologia della Fondazione Pascale) e “Arti & Mestieri” (fondata dal magistrato Catello Maresca e che si occupa di formazione, orientamento e ricerca-intervento nel campo sociale). 

Orefice e Maresca hanno illustrato l’attività delle Onlus, accompagnati sul palco del Teatro Posillipo dai numeri uno delle associazioni che hanno promosso l’iniziativa e cioè il Presidente dei Giovani Imprenditori di Unione Industriali Napoli, Vittorio Ciotola; il Presidente del Gruppo Giovani Acen, Umberto Vitiello; il Presidente nazionale Giovani Federgrossisti Confcommercio, Senofonte Demitry; la Presidente Aiga (giovani avvocati) Napoli, Ilaria Imparato; la Presidente Unione giovani dottori commercialisti, Maria Caputo; il Presidente Giovani Confapi, Raffaele Marrone; il Presidente Asign (giovani notai) Ludovico Capuano con Veronica de'Casamassimi; il Consigliere dell'Ordine degli Ingegneri di Napoli, Vittorio Piccolo con Ettore Nardi; il Presidente dell'Agifar (giovani farmacisti) Napoli, Francesco Zaccariello; e ancora il fondatore di “Uniti nel cuore” Gianluigi Barbato che, insieme con Marco Scherillo, Davide Esposito, Antonio Amato, Carla Recupito e Salvatore Marotta, ha organizzato la serata condotta da Enzo Agliardi.  

L’evento, nel corso del quale sono estratti due premi assegnati da Mario Schianobiciclette e Federico Gamardella per l’Etoiles, è proseguito con un live di Andrea Sannino, lo spettacolo di musica, ballo e coreografie del “nuovo” Teatro Posillipo con la direzione artistica di Mimmo Esposito e infine il dj set di Marco Piccolo.

Fra i presenti la vicepresidente nazionale dei Giovani imprenditori di Confindustria Susanna Moccia, l’assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Napoli Alessandra Clemente, il Presidente dell’Ordine Giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli e i Consoli di Ucraina Viktor Hamotsky e di Serbia a Napoli Marcello Lala.

Partner della serata: Sigma, Harmont & Blaine, Pluma studio, Maxtris, Altamura group, Bourelly group, Sms company, A&C Motors, Consorzio Ilardi, Pontin+Di gennaro, Gcertitaly, Les etoiles, Rdr, Bcc Napoli, Iqos, Mundialflex, Site, Gabetti, Tione technology, Edil sanfelice, Beutyl, Perdono Real Estate, Ipsoa, Elevateur, Next, Stylo 24, Edildovi, Effatta, Formative, Valori, Infogiò, During, Bper, Dimora marigold, Research, Edilgen, Siola, Itdeis, Italiamarine, Scuotto Allestimenti, Vesuvio live, Teatro Posillipo, Schiano, Gamardella, Tutu, Carla Recupito, Napoli Tv, Julie tv, Caldarelli, Citro e Unico energia.

 

20:16 26/12

di Redazione

Commenta

Giocolieri, favole, clown e magia: Serrara Fontana accende il Natale per bambini

Un Babbo Natale giocoliere, il fascino delle favole, i sorrisi dei clown, l’improvvisazione teatrale. Il Comune di Serrara Fontana “accende” il suo Natale con una straordinaria offerta rivolta ai più piccoli: una serie di date in grado di stuzzicare la curiosità e la fantasia dei bambini, incastonate in un cartellone a più ampio respiro, con la direzione artistica di Giuseppe Iacono Divina.
Il giorno di Natale doppia tappa per il Santa Claus isolano, interpretato da due personaggi in grado di far sorridere tutti: a portare doni, caramelle e buonumore saranno Luigi Fiorentino, l’abile giocoliere, Sant’Angelo (alle 11) e a Succhivo (alle 12.30), e Pasquale Dragon Di Costanzo (al Ciiglio alle 10.30, a Serrara alle 12 e a Fontana alle 10.30).
E per due interpreti così singolari ecco due attrici di spessore, Alessandra Calabrese e Milena Cassano, protagoniste di tre spettacoli da non perdere (il 27, 28 e 30 dicembre).
Il 27 dicembre alle 17 si esibirà nella sede di associazione Gertrud Streicher e  Pro Loco di Succhivo in “Favòlia, il dottore delle favole”, interpretando un personaggio sognante, un po’ clown un po’ dandy, che accompagna il piccolo pubblico in un favoloso mondo magico e colorato aiutando – con l’accompagnamento di un amico musicista (Michelangelo Calise) e il contributo di zia Adele (Milena Cassano) - i bambini che hanno perso le favole a ritrovare la fantasia. 
Il 28 dicembre appuntamento alle 17 al polifunzionale di Sant’Angelo (ex scuola elementare, in via Quadro), con lo spettacolo “Sisibella e Pulcinella la maga pasticciona” di e con Alessandra Calabrese e Milena Cassano. Pulcinella, apprendista pasticciona di una maga molto nota, al paese si spaccia lei stessa per la maga. Sisibella, che desidera conquistare il cuore del suo amato e conoscere il futuro si reca dalla maga Pulcinella per chiederle di aiutarla, ma Pulcinella combinerà solo guai e tra spiriti dispettosi e lazzi divertenti chissà se Sisibella conquisterà il suo amore...
Il 30 dicembre, invece, appuntamento al Centro Polifunzionale di Fontana alle 17 con “Gianfilina e il Dott Von Archiscienzen”, spettacolo di Alessandra Calabrese e Milena Cassano dalla trama intrigante: in una conferenza ufficiale uno scienziato pazzo e la sua goffa assistente cercano di dimostrare scientificamente con tanto di provette esplosive una verità fondamentale: quale grande mistero staranno per svelare? Un susseguirsi di incidenti e malintesi alla classica maniera clownesca
Prima, però, il 29 dicembre tocca invece agli Strani Tipici con Luigi Mennella e Rossella Trofa, che si esibiranno alle 17 alla scuola elementare di Serrara nell’irresistibile Magic Clown Show con Spillo e Lenticchia, uno spettacolo “strapparisate” in cui i due protagonisti tenteranno – non senza comiche difficoltà – a imbastire piccoli numeri circensi.
La magia sarà protagonista il 2 gennaio dello spettacolo di Mago Francesco, un gradito ed esilarante ritorno a Serrara Fontana: appuntamento a partire dalle 17 al Centro Polifunzionale di Fontana.
Il 3 gennaio tutti a Succhivo – nella sede dell’associazione Gertrud Streicher, con la proiezione di un cartoon a tema natalizio e, a seguire, una tombolata per grandi e piccini: nella sede, dalle 17.
E ancora: il 6 gennaio – per un’Epifania da non perdere -  la Befana indossa i trampoli attraversando tutte le frazioni del Comune e distribuendo leccornie ai bambini.
Ma il cartellone di Natale del Comune di Serrara Fontana non è rivolto naturalmente solo ai più piccoli e propone, tra l’altro, il trionfo dell’enogastronomica con “Cantinando a Natale” (i tour di degustazione guidati tra le più belle cantine dell’isola, in collaborazione con la Pro Loco Panza e in programma il 29, 30 e 31 dicembre) e il recital natalizio di Gianni Mobilya (il 29 dicembre alle 21 nella Chiesa di San Michele Arcangelo a Sant’Angelo). Ci sono poi la grande novità del ritorno del “Capodanno sotto le stelle” a Sant’Angelo, con la partecipazione dell’artista israeliano Sagi Rei, e due serate di alto spessore musicale all’insegna del gospel, con il doppio concerto di Capodanno con la britannica Emma O’ Connor e i Gospel Italian Singer (alle 19 nella Chiesa di Santa Maria del Carmine a Serrara, e alle 21 alla Chiesa di San Michele Arcangelo di Sant’Angelo) e, il 5 gennaio, con i The Blue Gospel Singers (Santa Maria della Mercede a Fontana).
“Abbiamo messo a punto un calendario rivolto a persone di ogni età – spiega Emilio Giuseppe Di Meglio, assessore al Turismo del Comune di Serrara Fontana – con l’auspicio di regalare momenti di serena spensieratezza ai nostri concittadini e agli ospiti che sceglieranno l’isola in questa finestra natalizia”.

16:57 23/12

di Redazione

Commenta

Applausi alla prima di "Sala d'attesa" al Teatro Nuovo

Grande successo per la prima di "Sala d'attesa" al Teatro Nuovo di Napoli. In scena fino a sabato 22 dicembre,Ivan Fedele Cristiano Di Maio sono autori e interpreti  di uno spettacolo ironico, diretto da Pino L’Abbate, che racconta la storia di due personaggi opposti in attesa di un ‘sogno’. L'allestimento scenico è a cura degli studenti di Extralab dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, condotto dal Professor Rino Squillante, la voce off è di Ilaria Scarano, la musiche originali sono di Gianpaolo Ferrigno e Antonio Ottaviano, la produzione è Best Live.

La vicenda si svolge nella sala d’attesa di un’importante azienda, la “Dream Agency” che produce giovani artisti. Qui si incontrano Giulio (Cristiano Di Maio) e Camillo (Ivan Fedele), di professione poeta e sceneggiatore. “Camillo e Giulio, due anime solitarie, due caratteri differenti, quasi agli antipodi, ma con in comune un grande senso di solitudine–. Scrive Pino L’Abbate nelle note di regia - Questi gli ingredienti di “Sala d’attesa”, dove i due aspettano in una sorta di “acquario”, sospesi nel tempo e nello spazio, il fantomatico Dott. Raggi, un produttore che può cambiare loro la vita. E come in “Aspettando Godot” di Beckett (testo a cui i due autori si ispirano), l’attesa diventa un pretesto per mettere a nudo le anime dei protagonisti, per scavare in quella umanità che ha bisogno di essere riportata a galla. La sala d’attesadiventa un “non” luogo sospeso”.

Due personaggi strampalati, nati dalla scrittura e dalla presenza scenica di Ivan e Cristiano, che mantengono il tema degli opposti: “Era arrivato per noi il momento di rappresentare questo spettacolo e abbiamo scelto un luogo storico come il Teatro Nuovo– commenta Cristiano Di Maio-. Veniamo dal mondo del teatro e “Salad’attesa” rappresenta l’esigenza di sperimentare e di trovare nuovi stimoli”. “Siamo sempre noi e lo dimostra la politica di prezzo popolare che abbiamo scelto, in accordo con la Best Live e il teatro.– afferma Ivan FedeleLo humour di questo spettacolo caratterizza un rapporto umano tra due ultimi rispetto a una società che li ha emarginati. La soluzione è dietro l’angolo ed è un messaggio che speriamo il nostro pubblico trovi proprio a teatro”.

16:21 23/12

di Redazione

Commenta

Ulla e il suo viaggio, per conoscere i cani e l'Italia

NAPOLI. Si è tenuta ieri presso il Sindacato Unitario dei Giornalisti della Campania la presentazione del libro "Il viaggio di Ulla in Italia" di Claudia Maremonti, curato da Roberta De Maddi, giornalista, consigliere del SUGC. Un libro di favole per bambini che narra le avventure della piccola grande Ulla, il cane dell'autrice, che con il suo camper rosso tocca le principali città italiane, tra cui Matera, capitale della Cultura Europea 2019. «Il cane è un animale sociale, con la sua intelligenza, un cervello molto sviluppato, ha necessità di relazionarsi con gli altri cani, di essere libero e non chiuso in un giardino o fare una piccola passeggiata al guinzaglio - dichiara l'autrice, addestratrice cinofila, - ai bambini bisogna insegnare che i cani vanno educati, sono come le persone. Questo libro è stato ispirato da Ulla che è stata presa in un canile da piccolissima, aveva solo 10 giorni di vita ed era stata abbandonata insieme ai suoi fratelli, non ha  avuto la mamma». «Il viaggio di Ulla in Italia ha anche uno scopo pedagogico, in maniera fantasiosa racconta ai bambini i monumenti e le bellezze di alcune tra le principali città italiane» spiega Claudio Silvestri, segretario del SUGC. «Questo libro è un dono per chi ama gli animali, noi non abbiamo sempre un buon atteggiamento nei loro confronti, spero che quest'anno non si sparino botti di Capodanno che sono lesivi per i cani. Dobbiamo avere maggior rispetto e affetto, valori che stiamo perdendo» dichiara Stella Cervasio, garante per i diritti degli animali a Napoli. Con il libro è partita la campagna di sensibilizzazione "#dogisforever un cane è per sempre ma non è un oggetto", contro il donare cuccioli nel periodo delle festività che non si è poi sicuri di poter gestire e accudire. 

FOTOGALLERY

 

15:35 22/12

di Redazione

Commenta

Mandolini sotto l'albero

Oggi alle ore 19, presso la Basilica di San Sossio Levita e Martire in Piazza Umberto I a Frattamaggiore, il presidente Mauro Squillante e il direttore artistico Leonardo Massa dell’Accademia Mandolinistica Napoletana, proporranno un viaggio suggestivo tra Melodie Napoletane e Canti della tradizione Natalizia, atmosfera e magia in attesa del Natale. “Mandolini sotto l’albero 2018”, questo il titolo dell’imperdibile appuntamento musicale, verrà offerta “Napoli Mandolin Orchestra”, formazione che vede la presenza dei Maestri Mauro Squillante, Luca Petrosino, Massimiliano Del Gaudio, Luigi Del Gaudio ai mandolini, Adolfo Tronco alla mandola, Leonardo Massa al mandoloncello, Lorenzo Marino alla chitarra e Matilde Squillante al basso. Le parti cantate saranno affidate all’elegante voce di Valentina Assorto.            
L’ensemble non mancherà di donare al pubblico le consolidate suggestioni provenienti dalle melodie che si rifanno a identità e tradizione partenopee, secondo la scaletta che proporrà i seguenti brani:   Aria (F. Durante), Pastorale Barbella (Barbella - De Simone), Bianco Natale (White Christmas), Notte Silente (Stille Nacht), Tarantella di Calace, Scetate Valentina Do, Canzona Appassionata, Mandulinata a Napule, Era de Maggio, Tarantella di Ricci, ’A canzone ’e Napule, Maria Mari’, I’ te vurria vasa’, ’E spingule francese, Quando nascette Ninno.                 
La manifestazione, a cura dell’Amministrazione Comunale di Frattamaggiore e finanziata dalla Regione Campania, già coronata da ampi consensi del pubblico che dimostra di amare la qualità dei precedenti eventi realizzati, continua a regalarci emozioni inedite. La rassegna, la cui comunicazione è affidata alla consolidata professionalità della “F.K. Mediaservice”, tornerà per il prossimo appuntamento 
domenica 23 Dicembre alle ore 20,30 al Teatro de Rosa di Frattamaggiore con il concerto “X Fracta”

14:51 22/12

di Redazione

Commenta

Mortazavi a Donnaregina

Oggi la rassegna “Sacro Sud - Anime Salve”, affidata alla direzione artistica di Enzo Avitabile, torna con il concerto del percussionista iraniano Mohammad Reza Mortazavi, meglio conosciuto come il Re del Tombak in programma presso la chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia a partire dalle ore 20. Il concerto è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti.  Dopo il successo ottenuto dal concerto della grande Alice, la rassegna “Sacro Sud - Anime Salve”, affidata alla direzione artistica di Enzo Avitabile, continua i suoi appuntamenti nei luoghi di culto proponendo una serata con il percussionista iraniano Mohammad Reza Mortazavi, meglio conosciuto come il Re del Tombak. Nato ad Isfahan in Iran, ha preso le sue prime lezioni di questo particolare tamburo all'età di 6 anni, ed a 10 ha vinto nel suo Paese il proprio primo premio come percussionista di tombak e a 20 anni era già il miglior percussionista di questo strumento al mondo. Nel corso della sua carriera ha sviluppato oltre 30 nuove tecniche di percussione e ha rivoluzionato il modo di suonare tradizionale - non sempre per la gioia dei vecchi maestri. Il pubblico di Teheran era incantato dai suoi concerti, regolarmente sold out, nei quali questo artista straordinario usa gli strumenti percussivi tradizionali iraniani (tombak e daf) non solo per l’accompagnamento ritmico; la sua particolarità è quella di riuscire a creare delle melodie e dei suoni fantastici, quasi surreali. Egli usa ogni piccola parte delle mani e delle dita grazie a una tecnica molto innovativa che passa da movimenti rapidissimi a movimenti dolcissimi e infine esplosivi. I suoi spettacoli sono davvero ipnotici e i suoi brani originali vanno ben oltre la musica tradizionale iraniana. Il daf è un tamburo a cornice muto, usato generalmente per le cerimonie devozionali della pratica Sufi, mentre il daf con una catena di anelli all’interno (chiamato in occidente Ocean drums), ha un suono diverso e molto caratteristico. Il tombak è uno strumento a percussione a forma di calice o coppa con un tono melodico particolare. Con il magico sound di questi strumenti, Mortazavi iniziò già da molto giovane ad inventare e sviluppare nuove tecniche delle dita e di ritmica creando variazioni di tonalità ed effetti speciali.

La rassegna rientra nel più ampio progetto “Musica del Sud: identità e rivoluzione”, ideato e curato dall'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e finanziato dalla Regione Campania a valere sul Programma operativo complementare (POC) 2014-2020 – piano strategico regionale per la cultura e i beni culturali- programmazione 2018.
Realizzata grazie anche al prezioso lavoro di “Black Tarantella”, ed affidata alla collaudata efficienza della “xeventi&Communications” per la comunicazione, la rassegna tornerà Venerdì 28 dicembre 2018, sempre alla chiesa di Santa Maria Donnaregina Vecchia con il concerto di Alireza Ghorbani in Lost in Love…Persian love songs alle 20:00.

14:48 22/12

di Redazione

Commenta

Mario Maglione porta le melodie napoletane alla Domus Ars

NAPOLI. Ambasciatore della canzone classica napoletana nel mondo, il cantante e chitarrista, Mario Maglione (nella foto) arriva alla “Domus Ars” in via Santa Chiara, dove, sabato 22 dicembre 2018 alle ore 18.00, presenterà con il suo concerto live tutta la bellezza delle melodie partenopee. “Sono felice - ha detto il popolare interprete da tutti riconoscicuto come l'erede di Roberto Murolo - di diffondere tra il pubblico, nel centro antico di una Napoli viva e pulsante, il grande amore per la nostra canzone. Quello che proporrò sarà un recital passionale grazie al quale attraverserò i sentieri di brani come: Fenesta Vascia e Voce 'e notte, fino a giungere ai più moderni, Sarrà chi sa, Napul'è, Carmela e Scriveme”. Testimone della riconferma nel mondo della canzone napoletana, Mario Maglione, presenterà uno spaccato sul patrimonio canoro partenopeo. Il prossimo 10 gennaio, tra l'altro, sarà in scena al Teatro Bolivar con Marcello dei Panamagroup per lo spettacolo “In…canto napoletano”.

Come si sente  quando viene definito come uno degli ultimi interpreti della canzone classica napoletana?

«Non mi sento né giovane né vecchio - risponde Mario Maglione- mi sento come uno che ha semplicemente varcato la soglia della maturità e che cerca, durante le manifestazioni canore, di non sentirsi come un pesce fuor d’acqua per colpa della purezza delle sue interpretazioni».

Secondo lei, cosa andrebbe fatto nella nostra città per la canzone napoletana?

«A Napoli, per la canzone, sono stati fatti vari tentativi ma molti di essi non hanno mai raggiunto un buon fine. Bisogna fare in modo che ad emergere in questo marasma collettivo sia soltanto la qualità e la cultura». 

Perché la canzone napoletana che tanto successo ottiene all’estero, proprio nella sua città natale stenta a sopravvivere? 

«A Napoli vi sono troppi cantanti e tra questi c’è chi canta in maniera eccezionale e chi, purtroppo, canta e basta. Ormai si è raggiunta una sorta di saturazione che tende a rovinare un settore prezioso ed un genere canoro spesso, tra le fauci della volgarità. Una volta, si cantava nei salotti aristocratici e letterari e le canzoni si riflettevano  sul benessere di una società amante della cultura, la realtà di oggi, invece, sta mandando tutto allo sfascio». 

13:57 22/12

di Giuseppe Giorgio

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici