Domenica 23 Settembre 2018 - 9:48

Protocollo non trasparente, slitta la pena di morte

Sarà giustiziata con una iniezione di pentobarbital

NEW YORK. L’esecuzione capitale della prima donna condannata in Georgia da 70 anni a questa parte è stata sospesa dalla Corte suprema, che ha riconsiderato all’ultimo momento alcune argomentazioni dei suoi legali. Kelly Renee Gissendaner (nella foto), 46 anni, avrebbe dovuto essere giustiziata con una iniezione di pentobarbital alle 7 di lunedì sera ora locale nella prigione di Stato per aver ucciso nel 1997 il marito, Douglas Gissendaner. La sospensione è stata la risposta dell’alta corte dopo che il tribunale aveva respinto la richiesta di sospensiva presentata dai difensori della donna, motivata con la scarsa trasparenza delle procedure per l'iniezione letale applicate in Georgia». La Gissendaner sarebbe la sedicesima donna americana messa a morte da quando la Corte suprema ha riammesso la pena di morte  nel 1976. Nello stesso periodo gli uomini messi a morte sono stati 1.400.

 

17:03 3/03

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli