NAPOLI. Dopo oltre un anno di gestazione, sarà svelata al pubblico la prima versione di Metropolis XXI sec., l’ultima opera dell’Impossible Naples Project di Marco Maraviglia. L’evento avrà luogo nella Galleria Principe di Napoli, domenica 29 settembre dalle ore 11 alle ore 13 con il patrocinio morale dell’Assessorato ai Giovani e al Patrimonio del Comune di Napoli e grazie al sostegno di alcuni fan di Impossible Naples.

Dopo Metamorfosi Reloaded, il panorama di Napoli più lungo del mondo ispirato alle Metamorfosi di M. C. Escher, Metropolis XXI sec. è invece il panorama di Napoli “più ampio” del mondo: nessun grandangolo o fish eye esistenti l’avrebbero mai potuta concepire perché solo grazie al lungo e certosino lavoro di fotomontaggio, durato circa un anno, è stata possibile realizzarla.

Inizialmente ispirata a Metropolis 1923 del dadaista Paul Citroen, l’opera di Marco Maraviglia, nuova ammiraglia dell’Impossible Naples Project, contiene oltre 35 edifici e dettagli architettonici di Napoli che attraversano 800 anni dell’architettura partenopea.

Sarà presentata una stampa su tela 140x140cm in versione beta (prova d’artista) e artisti, fotografi, grafici o semplici appassionati di Napoli potranno suggerire eventuali modifiche per la sua messa a punto definitiva.

Marco Maraviglia è un fotografo professionista che dal 2000 dedica la sua ricerca visiva alla produzione di ”inesistenze”: dettagli delle fotografie del suo archivio fotografico di Napoli decontestualizzati e riassemblati generando immagini di una Napoli impossibile e surreale. Trattasi di opere che innescano un meccanismo identitario presso il pubblico partenopeo.

I suoi eventi consistono in happening di arte partecipata durante i quali il pubblico è invitato a interagire con le opere riconoscendone i luoghi o per suggerire modifiche affinché i suoi lavori possano avere poi una connotazione definitiva.