NAPOLI. Con la consegna dei Premi HospitalitySud “Castellano-Guglielmo”, storici direttori d’albergo, il primo nei Jolly Hotel e il secondo dell’Hilton Sorrento Palace, assegnato ai giovani under 35 meritevoli per le figure professionali di addetto al ricevimento (Claudia Milano, Hotel Michelangelo, Sorrento), maitre d’hotel (Valerio Del Giudice, Tenute del Gheppio di Dugenta) e addetto ai servizi ai piani (Rita Gargiulo, Grand Hotel Royal Sorrento), alla presenza di Daniela e Antonella Castellano e Tina e Salvatore Guglielmo, in collaborazione con le delegazioni campane dell’Ada, Amira, Iih e Faipa, si è chiusa la due giorni dell’hotellerie, il prestigioso appuntamento del Sud Italia per gli operatori e i professionisti del mondo dell’ospitalità, in particolare titolari, manager, impiegati e consulenti di hotel, resort, ville, dimore storiche, relais, country house, agriturismi, villaggi, camping, affittacamere, bed and breakfast, case vacanza, terme-Spa.

L’evento, ideato e organizzato dalla Leader, è una ghiotta opportunità per approcciarsi con le aziende che si occupano di forniture e servizi dedicati al mondo dell’ospitalità, con 50 espositori provenienti da tutta Italia (Campania, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Veneto), che hanno presentato le loro proposte in diversi settori merceologici. 

120 i relatori nei 40 incontri e seminari, a cui i 2.000 visitatori hanno avuto accesso gratuito, così come per il salone espositivo.

Nel corso del programma sono stati approfondite diverse tematiche, in particolare il Design&Contract, che ha permesso di incontrare architetti, aziende e hotel protagonisti nella realizzazione di progetti di interior design di qualità e innovazione, che contraddistinguono il Made in Italy e di conoscere il mondo del contract, per pianificare e realizzare sia progetti di nuova costruzione che ristrutturazioni; e il Breakfast, come primo pasto della giornata, desta sempre più attenzione tra gli operatori del mondo Horeca. Oggi la sfida è come promuoverla al meglio tra i clienti e come renderla quanto più redditizia.

Prezioso il contributo delle Associazioni professionali che hanno organizzato più seminari di aggiornamento professionale con la presenza di Lucio D’Orsi, delegato Campania Associazione direttori d’albergo, Dario Duro, fiduciario Amira Napoli Campania, Tommaso Luongo, presidente sommelier Campania, Mauro Di Maio presidente nazionale portieri d’albergo “Le Chiavi d’Oro”, Mariarosaria Cicerone, Coordinatrice Campania  Associazione italiana Housekeeper, Luigi Vitiello, presidente Unione regionale Cuochi della Campania.

“A conclusione della 5ª edizione di HospitalitySud -ha dichiarato il fondatore e direttore Ugo Picarelli - siamo molto soddisfatti di queste due giornate, poiché portare nel cuore di Napoli, capoluogo di regione e Capitale del Mezzogiorno, l’attenzione sulle forniture, sui servizi, sulla formazione dedicati alle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, va a colmare un vuoto con una opportunità per i titolari, i manager e il personale di conoscere le nuove tendenze e le nuove offerte per il migliore orientamento sugli acquisti per poter dare ai propri ospiti sempre il meglio in termini di ambiente, spazi, servizi, offerta”.