Il presidente di Telethon Luca di Montezemolo, il regista americano Paul Feig (Ghostbusters, Spy, A Simple Favor) e Valeria Marini sono tra ospiti di Pascal Vicedomini nella prima puntata di Paradise 2024, venerdì1 marzo Rai2 (dopoMezzanotte). Il ‘late night show all’italiana’ dedicato a costume, arte, spettacolo, benessere e life-style. 14 nuove puntate originali (riproposte in replica il sabato mattina alle 7) di un varietà che esalta il talento e i traguardi dei nostri artisti ma che da’ spazio anche alle principali notizie dello show-business internazionale.

Dall’Auditorium della Conciliazione in Roma, tra un racconto e una esibizione live della Paradise Orchestra (guidata del maestro Moreno Conficconi con le cantanti Alessia Dalcielo e Rita Pilato) e degli ospiti musicali dello show, Vicedomini aprirà tante «finestre» sui principali eventi attraverso interviste ai protagonisti e servizi esclusivi.

Nel cast fisso della trasmissione figurano gli attori Aurelio Amato, Caterina Milicchio e Graziano Scarabicchi; la showgirl Maylin Aguirre, la giovane modella-attrice Dalia Kalala (vista in “Pare, parecchio, Parigi” di Piereccioni); il professore Pietro Lorenzetti; il coreografo Stefano Oradei con otto ballerini.

Mentre tra gli altri ospiti della prima puntata ci saranno anche le “Incanto Quartet” con un omaggio al compositore Leonard Bernstein, Silvana Giacobini (per la rubrica “Vivere bene, vivere meglio, vivere a lungo), il pluri-premiato chef Alfonso Iaccarino da Sorrento, gli imprenditori Gianluca Isaia e Gino Fammiano per parlare dell’Italia da esportare e la direttrice del Museo del Risparmio Giovanna Paladino.

“Paradise 2024” sarà un magazine ricco di testimonianze e contributi dei grandi protagonisti di ogni genere di intrattenimento, con approfondimenti, incursioni dietro le quinte, le anteprime dai set cinematografici, le novità in arrivo nei vari settori dell’intrattenimento – dichiara Pascal Vicedomini aggiungendo anche - Obiettivo del programma (che si avvale della regia teatrale di Stefano Sartini, della Fotografia di Marco Lucarelli, della supervisione alla produzione di Amedeo Staiano e dell’editing di Nino Baldi) è di contribuire alla “formazione” del sentimento positivo e della “gioia di vivere” degli spettatori. Un’occasione per rilanciare in maniera irrituale tutto ciò che fa arte e spettacolo per favorire lo sviluppo dell’industria dell’entertainment, e invogliare il pubblico a frequentare i luoghi di spettacolo”.