Ritorna quest’anno nel suggestivo scenario del Complesso monumentale di Santa Maria la Nova la 26esima edizione del Concerto dell’Epifania che giungerà nelle case degli italiani su Rai Uno.  Nel pieno rispetto dei protocolli sanitari previsti per contrastare la diffusione del Covid-19, il concerto sarà registrato nei giorni 29 e 30 dicembre, senza la presenza di pubblico.

Sarà “Abbracciami”  il tema scelto in questa occasione per il tradizionale appuntamento culturale e musicale ideato e promosso dall'Associazione Oltre il Chiostro onlus, presieduta da Giuseppe Reale - autore dello spettacolo - e prodotta per la RAI dalla Melos International di Dante Mariti, insieme all’Associazione Musica dal Mondo, che cura l'intera organizzazione dell'evento. La direzione artistica è affidata a Francesco Sorrentino. La regia televisiva sarà firmata da Barbara Napolitano del Centro Produzione Rai di Napoli ed a condurre sarà Arianna Ciampoli.

Nello splendore artistico della location, la scenografia di questa edizione sarà impreziosita da un'opera di Luigi Grossi, tra i più prolifici artisti della Napoli contemporanea, pensata per l'occasione e dal titolo Vita Incandescente.

“In un tempo sospeso come quello che stiamo vivendo a causa di questa emergenza sanitaria -afferma Giuseppe Reale - nel quale ogni contatto fisico è sotto osservazione, l’abitudine ad essere toccati, accarezzati, baciati anche semplicemente come gesto d’affetto e di amicizia, è diventata ormai impraticabile. Queste motivazioni hanno orientato la scelta del tema della 26.ma edizione, affinché da Napoli, sulle note del tradizionale Concerto dell'Epifania, possa partire un grande abbraccio simbolico, che avvolga tutte i popoli del mondo nel nome dell'arte e della cultura. La forza di un progetto culturale ed educativo come quello che portiamo avanti, ininterrottamente, da ventisei anni, è emersa in tutto il suo vigore ed è stata tale da consentire a noi organizzatori, sempre nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza, di superare le tante difficoltà che questa pandemia ci sta imponendo. Il ritorno nel Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova -conclude Giuseppe Reale- sarà un'importante occasione per promuovere le bellezze storiche ed artistiche di una città unica al mondo come Napoli”.

“Per venticinque anni - sostiene il direttore artistico Francesco Sorrentino - il nostro motto è stato “migliorare sempre”; quest'anno è stato “resistere al Covid”: è stata dura e lo è tuttora, ma, nonostante le infinite difficoltà operative e logistiche dettate dalla contingenza sanitaria, stiamo allestendo un parterre di grande respiro. Accompagnare la Befana nelle case degli italiani e far partire da Napoli un abbraccio simbolico che avvolga tutto il mondo in questo difficile momento, deve essere motivo di orgoglio per quanti, insieme a me, profondono il massimo sforzo per la riuscita di una iniziativa sempre molto attesa. Quella che proporremo, dunque, sarà una vera e propria contaminazione di generi, affinché attraverso la musica, l'arte e la cultura si possa diffondere e amplificare un messaggio di fiducia e di speranza”.

La manifestazione è associata alla consegna dei premi Nativity in the World 2021.