Una grave reazione allergica al vaccino contro il Covid-19 diffuso dall’azienda biotecnologica Moderna. Accade per la prima volta Negli Stati Uniti dove un medico ha ricevuto nel giorno della Vigilia di Natale il vaccino della casa farmaceutica che ha sede nel Massachusetts.

Si tratta di Hossein Sadrzadeh, oncologo geriatrico presso il Boston Medical Center.

L’uomo - spiega Notizie.it - dopo qualche giorno ha riscontrato una chiara reazione al vaccino ed è stato necessario il ricovero in ospedale.

Ora il professionista sta bene ed è stato dimesso. Anche per il vaccino della Pfizer ci sono state delle reazioni allergiche, ma per quanto riguarda quello di Moderna si tratta del primo caso registrato.

Il professore, durante un’intervista all’Abc News, ha dichiarato espressamente di essersi sottoposto a questo tipo di vaccino perché voleva testare eventuali effetti allergici.

Non si tratta in ogni caso di un’anomalia visto che ogni vaccino ha come effetti collaterali una possibile reazione allergica.

In questo caso il dottore avrebbe scelto di farlo, consapevole (come tutti d’altronde) dei possibili rischi.

A questo proposito, infatti, l’Ordine Nazionale dei Biologi italiani ha pubblicato un modulo sul consenso informato in merito all’assunzione di un vaccino.

In Italia, invece, al momento il vaccino giunto nella Penisola è soltanto quello della casa farmaceutica Pfizer-Biontech.

Le prime dosi sono nel Bel Paese sono giunte nel tardo pomeriggio di venerdì 25 dicembre ed è revista la somministrazione già da domani a Roma.