NAPOLI. Una 18enne di Scafati si è svegliata dal coma dopo un intervento salvavita all'ospedale Cardarelli di Napoli. La storia di Ilaria, questo il nome della ragazza, inizia 20 agosto quando viene ricoverata nel reparto di Neurologia diretto da Ciro Florio. Dagli esami già svolti e da nuovi accertamenti si fa strada tra i medici la convinzione che si possa trattare di un teratoma ovarico. «Un tumore benigno - spiega Claudio Santangelo, chirurgo che ha poi eseguito l'intervento, nella nota del Cardarelli - a struttura complessa caratterizzato dalla presenza di più tessuti nei quali può essere ravvisata una differenziazione organoide più o meno evoluta. Ad esempio abbozzi di ossa, ghiandole surrenali, denti o strutture nervose e così via». La conseguenza è stata che il sistema immunitario di Ilaria ha iniziato a combattere il tumore, ma anche cellule sane del tessuto cerebrale. I medici decidono di intervenire in laparoscopica e nei giorni successivi avviene quello che alla famiglia sembra un miracolo, Ilaria si sveglia dal coma e migliora sempre più. «Dopo averla vista in coma pensavo non ci fosse più speranza - afferma la mamma Rosaria - invece i medici l'hanno fatta nascere una seconda volta. La professionalità e l'amore che ho trovato al Cardarelli è qualcosa di indescrivibile, qualcosa di cui tutti noi campani dovremmo essere fieri. Mia figlia era una paziente qualunque, l'hanno trattata come una regina». Dimessa il 18 settembre, Ilaria festeggerà a breve il suo diciannovesimo compleanno. «Mia figlia è stata letteralmente strappata alla morte, non potrò mai ringraziare abbastanza i medici che l'hanno curata e gli infermieri che si sono presi cura di lei», conclude mamma Rosaria che così ringrazia lo staff del Cardarelli.