NAPOLI. Nessuna seconda ondata di Coronavirus a ottobre. Ne è convinto Giulio Tarro, virologo di fama mondiale che, in una intervista sul blog della Fondazione Pietro Nenni, replica a distanza a quanto sostenuto da Walter Ricciardi, rappresentante del governo italiano presso l'Oms, che prevede una seconda ondata di Sars CoV2.
 

«È una colossale stupidaggine - dice Tarro - Noi dobbiamo sempre rifarci ai casi precedenti. Ovverosia: alla prima SARS, che è poi scomparsa da sé; alla MERS, che non è scomparsa ma non causa qualcosa di più grave di una influenza stagionale.

 

Per quanto concerne il Sars CoV2, basta osservare quello che sta accadendo in Cina: loro hanno casi di contagio di ritorno – provenienti, cioè, dall’esterno –, ma non autoctoni».

 

«Una seconda ondata di questa pandemia è molto poco probabile. Dato che uno studio inglese di circa un mese fa ha dimostrato che già più del 60% degli italiani è stato contagiato ed ha sviluppato gli anticorpi. Per il prossimo Autunno noi saremo, in larghissima parte, naturalmente immunizzati».
 

Per quanto riguarda la Fase due, secondo Tarro, «inizia a maggio, quindi già a giugno, con il caldo e con l’estate, terminerà. Paradossalmente possiamo dire di essere già nella fase 2, malgrado il lockdown che si sta prolungando in modo eccessivo. Non capisco proprio perché si voglia creare una situazione esagerata di panico, piena di storture e assurdità scientifiche, che sta andando oltre il dovuto e che non ha senso».