NAPOLI. I sicari dell’imprenditore Enrico Amelio ammettono gli addebiti e in un colpo solo vengono cancellate cinque condanne all’ergastolo. Il processo di secondo grado celebrato davanti ai giudici della quarta sezione della Corte d’assise d’appello di Napoli si è concluso ieri mattina con una raffica di sconti di pena.