Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Frana costone di una cava, morti due operai

Le vittime sono Federico Benedetti, 46 anni, e Roberto Ricci Antonioli, 55 anni


di  

CONDIVIDI:

Ven 15 Aprile 2016 13:14


I vigili del fuoco hanno recuperato i corpi dei due operai rimasti intrappolati ieri sotto i detriti nel crollo di un costone di una roccia in una cava di marmo nel bacino di Colonnata in provincia di Massa Carrara.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Giovane accoltellato durante una lite, ferito al polmone

Sant'Anastasia, il 19enne ha raccontato di essere stato aggredito da uno sconosciuto dopo un diverbio


di  

CONDIVIDI:

Ven 15 Aprile 2016 13:02


SANT'ANASTASIA. Ha riferito di aver avuto un diverbio, per futili motivi, con uno sconosciuto che lo ha ferito con una coltellata. È ora ricoverato all'ospedale "Villa Betania" di Ponticelli, a Napoli, per una ferita al polmone. La vittima è un giovane di 19 anni. Il fatto è accaduto nella tarda serata di ieri in via Pomigliano, a Sant'Anastasia. Il 19enne ha raccontato di aver un diverbio con uno sconosciuto che, all'improvviso, ha estratto un coltello. Sulla vicenda indaga la polizia. 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Scuolabus abusivo con 26 scolari a bordo, scatta il sequestro

Controlli dei carabinieri a Torre del Greco


di  

CONDIVIDI:

Ven 15 Aprile 2016 12:57


TORRE DEL GRECO. Uno scuolabus abusivo con a bordo 26 scolari, invece dei nove autorizzati, è stato sequestrato dai carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, durante controlli sulle condizioni di sicurezza del trasporto scolastico. Nello scuolabus i bambini erano costretti a sedersi su tavole di fortuna installate al posto dei sedili per aumentare la capacità di trasporto.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Usura e tangenti, presi 4 del clan Vollaro a Portici

Tra gli arrestati anche il cognato del capoclan


di  

CONDIVIDI:

Gio 14 Aprile 2016 18:59


PORTICI. Si presentavano in nome e per conto del clan Vollaro pretendendo, annualmente, dai titolari di due attività commerciali, la consegna di una somma di denaro. L'incessante attività d'indagine degli agenti del Commissariato di Portici-Ercolano, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia, ha consentito di far emettere, nei confronti di Mattia Iannaccone, di 28 anni, Giovanni Spina, di 46 anni, Marco Claudio Terminiello, di 27 anni e Ferdinando Tassone, di 52 anni, un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Torre del Greco, sequestrate armi e droga nel quartier generale dei Falanga

Quattro persone denunciate dalla polizia


di  

CONDIVIDI:

Gio 14 Aprile 2016 18:08


TORRE DEL GRECO. I poliziotti del Commissariato di Torre del Greco, agli ordini del primo dirigente Davide della Cioppa, a seguito di un'operazione antidroga effettuata nella zona dei vicoletti corallini, hanno sequestrato circa 900 grammi di hashish suddiviso in 9 panetti; un bilancino di precisione ed arnesi utilizzati per il taglio della sostanza stupefacente. Gli agenti inoltre, sempre nella zona considerata quartiere generale del clan Falanga, hanno effettuato ulteriori controlli finalizzati a verificare la regolare tenuta di armi e munizioni.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Il killer di Ciro Esposito: ho sparato io

Nell'aula bunker di Rebibbia l'interrogatorio di Daniele De Santis: «Ho esploso io i colpi di pistola, ma l'arma non l'ho portata io ce l'aveva un tifoso del Napoli»


di  

CONDIVIDI:

Gio 14 Aprile 2016 15:19


È stato interrogato stamane nel corso dell'udienza nell'aula bunker di Rebibbia Daniele De Santis, imputato per l'omicidio di Ciro Esposito, avvenuto durante gli scontri che precedettero la finale di Coppa Italia del 2014 tra Napoli e Fiorentina. L'ultras giallorosso ha risposto alle domande del pm e raccontato la sua versione dei fatti: "Ho esploso io i colpi di pistola - ha detto - ma quell'arma non l'ho portata io ce l'aveva un tifoso del Napoli, non però appartenente al gruppo di cui faceva parte Esposito.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Pompei, don Marrese si difende dalle accuse di molestie sessuali

L’ex vice rettore del Santuario mariano, denunciato anche per calunnia e stalking, si difende dalle accuse


di  

CONDIVIDI:

Gio 14 Aprile 2016 13:40


POMPEI. Prestazioni di natura sessuale più volte richieste dall'ex vice rettore del Santuario di Pompei a un militare che ha più volte rifiutato e, per questa ragione, è stato fatto vittima di una persecuzione con numerose lettere anonime diffamanti.  La “voce” è diventata un boato. È sulla bocca di tutti i pompeiani lo scandalo che rischia di travolgere il buon nome del Santuario. 



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Vertenza Almaviva, spiragli per i lavoratori

Il 20 incontro al ministero. La società: accogliendo l'appello del Governo a verificare la possibilità di sospendere la procedura in corso, senza mettere ad ulteriore rischio l'equilibrio aziendale, verificheremo con le organizzazioni sindacali le condizioni e gli strumenti necessari»


di  

CONDIVIDI:

Mer 13 Aprile 2016 20:11


NAPOLI. Almaviva Contact, in vista dell'aggiornamento del confronto presso il Mise fissato per il prossimo 20 aprile, "accogliendo l'appello del Governo a verificare la possibilità di sospendere la procedura in corso, senza mettere ad ulteriore rischio l'equilibrio aziendale, verificherà nei prossimi giorni con le organizzazioni sindacali le condizioni e gli strumenti necessari". Ad affermarlo in una nota è Almaviva Contact dopo l'incontro al Mise.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Omicidio Matino, al setaccio il profilo social

La vittima sapeva di essere finito nel mirino di qualcuno, ecco perché la brutale aggressione un mese e mezzo fa. Si rafforza l'ipotesi del movente passionale


di  

CONDIVIDI:

Mer 13 Aprile 2016 20:01


NAPOLI. Giuseppe Matino sapeva di essere finito nel mirino di qualcuno. Era consapevole di poter essere vittima di una spedizione punitiva ma forse non poteva immaginare che avrebbe pagato con la vita un eventuale sgarro. Sulla bacheca Facebook del 35enne la chiave di lettura dell’omicidio. Non un delitto di camorra, o meglio, non un delitto derivante da equilibri legati alle cosche ma forse ad armare i killer proprio un potente ras. «A me nu mee fa paur nisciun», queste le parole scritte alcuni giorni fa da Giuseppe Matino sul noto social network.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati
Università Parthenope, accordo con la Finanza per i controlli sulle richieste di agevolazioni

Verifiche sulle dichiarazioni degli studenti per ottenere la riduzione del costo di iscrizione all'Ateneo


di  

CONDIVIDI:

Mer 13 Aprile 2016 17:31


NAPOLI. Il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, Prof.



Se vuoi commentare questo articolo accedi o registrati

Pagine