Mercoledì 23 Gennaio 2019 - 5:12

De Luca: «Ghigliottina per i dirigenti inefficienti»

NAPOLI. «Saremo una macchina da guerra nella sburocratizzazione della Regione Campania». Ad annunciarlo il governatore Vincenzo De Luca presentando le misure per la semplificazione amministrativa. «Interverremo con la spada e per la Regione sarà una vera valanga - dice - Abbiamo due strade: o interveniamo motivando il personale ed eventualmente dando un riconoscimento economico a funzionari e dipendenti meritevoli oppure c'è la ghigliottina. In senso metaforico, certo, ma chi non risponde come stabilito per la sburocratizzazione sarà mandato via». Poi una frecciata all'Arsan: «In Campania ci sono mille controlli preventivi e nessun controllo successivo. perciò si superano a metà anno i tetti di spesa. Noi creeremo una struttura di controllo anche con elementi esterni e manager esperti, 20 funzionari non condizionabili. Queste verifiche doveva farle l'Arsan ma sarebbe far fare catechismo a Pacciani».

Policlinico di Caserta fermo al palo, sit-in dei lavoratori in Prefettura

CASERTA. Nuovo sit in delle maestranze del cantiere del nascente policlinico universitario di Caserts, stamani, davanti il Palazzo di Governo della città capoluogo. Lo stop forzato ai lavori  decretato lo scorso primo agosto, riconducibile ai ritardi macroscopici della Sun per la presentazione della variante funzionale all'opera, potrebbe protrarsi per oltre un anno e decretare  così il licenziamento inevitabile degli operai della società Condotte spa, azienda aggiudicataria dei lavori. "Chiediamo al prefetto di convocare le parti in causa - spiega Antonio Gelo della segreteria di comparto cisl - per conoscere tempi e verità sulla vicenda. Verità soprattutto sulla realizzazione dell'opera". Peraltro la Condotte spa ha manifestato l'intenzione di non anticipare la cassa integrazione agli operai già in cig da un mese e fino al prossimo settembre. "I soldi per la realizzazione del policlinico ci sono - aggiunge Gelo- compresi quelli per la variante funzionale che servirà ad adeguare la struttura alle vigenti normative". Nella tarda mattinata, le rsu aziendali (Antonio Arrichiello, Franco Martone e Antonio Capaldo), capeggiati dal cislino Gelo e dal cgiellino Piscitelli, sono stati ricevuti dal dirigente prefettizio Delli Curti il quale si è impegnato s trasmettere le richieste al prefetto Arturo De Felice.  Restano pesanti gli interrogativi attorno a questa vicenda: perché la Sun fino ad oggi non ha provveduto alla redazione della variante? Esiste una regia (politica?) per affossare un'opera che per caserta e provincia rappresenta la chiave economica e sociale di volta? Caserta vittima del solito nspolicentrismo? Ed intanto, la questione approderà domani mattina presso la quinta commissione consiliare per una audizione formale.  (Teresa Gentile)
 

Ai Masanielli la pizza è anche "solidale"

CASERTA. Scegli la pizza "Masanielli for Africa" e doni un euro per la costruzione di un pozzo di acqua postabile in Africa. Ancora  una volta è targata "Francesco Martucci", noto pizzaiolo della città di Caserta, patron dei "Masanielli", l'iniziativa di beneficenza a favore del progetto "WaterForAfricaChallenge, promosso dalla Onlus Friend and Bikers for Africa, che punta a stabilire condizioni igieniche sane ai bambini che vivono nei villaggi rurali nella zona sub-sahariana del Bènin. Un esempio di generosità ma anche di promozione delle prelibatezze gastronomiche campane: questo il segreto che Francesco ha utilizzato per inventare la sua "Masanielli for Africa". Pomodorini gialli da serbo, pomodorini rossi del piennolo, provola di bufala, basilico e ottimo olio extravergine: ingredienti dai colori della bandiera della terra africana del Bènin per meglio dare il senso di solidarietà a chi è meno fortunato dei nostri figli. Questa è la Caserta che ci piace raccontare. Questa la Caserta vera, grazie a chi, come Francesco Martucci ha fatto della propria arte culinaria anche uno strumento per sostenere chi ha bisogno. mondo uguale per tutti. "Non è possibile che nel 2015 ci sia ancora gente senza acqua - commenta - Francesco Martucci". E a quanti hanno manifestato sentimento di elogio per la sua iniziativa, l'artigiano così risponde: "Non voglio menzioni speciali. Le coccarde si appendono nell'anima e non in petto: questo il mio motto. Dare è di gran lunga meglio che avere. Soprattutto quando riesci con poco a dare un sorriso a bambini che non hanno avuto la stessa fortuna nostra di nascere in una terra ricca qual è la nostra, nonostante gli oltraggi e gli strupi che oggi fanno di noi la triste Terra di Fuochi. Una terra che deve riscattarsi grazie ai prodotti di eccellenza che vengono dritti da queste zolle rigogliose e fertili. Perché questa iniziativa di beneficenza? Perché ho la fortuna di essere padre di un bimbo sano e meraviglioso. La gioia della mia vita".  (Teresa Gentile)

Terra dei fuochi, telefonata D'Alessio-De Luca

NAPOLI. Cordialissima telefonata tra il governatore Vincenzo De Luca e Gigi D’Alessio. Il presidente della Regione ha rivolto un “in bocca al lupo” al cantante per il ocncerto. E D'Alessio ha accettato il simpatico consiglio di De Luca di utilizzare anche lo slogan “Terra dei cuori, terra dei fiori". Nei prossimi giorni De Luca e D’Alessio si sono dati appuntamento per altre iniziative di valorizzazione della Campania. Torna il sereno dopo la punzecchiatura di De Luca che l'altro giorno aveva ironizzato sul titolo del concerto “Malaterra” e annunciato lo stop per il futuro ai concerti. 

Regione, Cesario delegato per i rapporti con Cipe e Parlamento

NAPOLI. Nuova nomina da Palazzo S.Lucia. Ègià operativo da alcune ore nella sede della Regione Campania a Roma l'ex deputato Bruno Cesario, originario di San Giorgi a Cremano. Il governatore Vincenzo De Luca lo ha delegato ai rapporti con il Cipe, il Parlamento e il sistema delle conferenze regionali. Ex sottosegretario nel governo Berlusconi ed ex deputato, è da sempre un fedelissimo di Ciriaco De Mita: alle ultime regionali era capolista a Napoli per l'Udc.

Notte bianca della Riviera per lanciare il brand flegreo-domitio

GIUGLIANO. Appuntamento alle 21 stasera sul litorale dominio per la prima edizione della Notte Bianca della Riviera Flegrea Domitia, la manifestazione ad ingresso gratuito promossa dalla FIPE - Confcommercio e dal Sindacato italiano balneari della Campania. Nata per lanciare ufficialmente il nuovo brand del territorio compreso tra Licola di Pozzuoli e Cellole passando per Giugliano, Castelvolturno, Mondragone e Sessa Aurunca, la kermesse ha riunito sotto la stessa egida ben quaranta lidi che per tutta la notte ospiteranno quindi performance di musica dal vivo, animazione per i più piccoli e dj set nonché degustazioni di prodotti tipici, aree barbecue e stand per gli amanti della vera pizza napoletana. «Un segnale fortemente positivo in un territorio in cui gli imprenditori si sono sempre dedicati al fare, al risolvere i problemi, piuttosto che limitarsi alle sterili lamentele», ha sottolineato il presidente campano della FIPE - Confcommercio Salvatore Trinchillo (nella foto), tra i principali sostenitori dell'iniziativa insieme al presiedente regionale SIB Marcello Giocondo ed al delegato casertano dei balneari Vincenzo Santo. «In questo modo - ha spiegato ancora Trinchillo - intendiamo rimarcare la vocazione  turistica dell'area e partecipare tutti insieme ad un concreto progetto di rinascita del territorio, di cui la Notte Bianca rappresenta solo il primo step». La manifestazione interesserà quindi i lidi di Marina di Licola, Marina di Varcaturo, Ischitella, Pinetamare, Villaggio Coppola, Villaggio Agricolo, Baia Verde, Bagnara di Castel Volturno, Pescopagano, Mondragone, Levagnole di Mondragone, Baia Felice, Baia Azzurra, Baia Domizia (area Sessa Aurunca ed area Cellole), lungo i quali si susseguiranno anche tornei di beach volley e numerose altre attività sportive che contribuiranno a trasformare la neonata Riviera Flegrea Domitia in un gigantesco locale notturno in cui trascorrere una serata sicuramente dal diverso dal solito e rigorosamente nel segno della goliarida.

________________________

 

Si lancia nel vuoto dal quarto piano, 24enne in ospedale

BAIA DOMIZIA. Una ragazza di 24 anni, infatti, si è gettata dal quarto piano da un appartamento del condominio Le Arcate nel centro i Baia Domizia. Ad assistere alla tragedia, molte persone che si trovano nella zona del litorale domizio per le vacanze di agosto. Immediatamente sono scattati i primi soccorsi alla giovane: allertati anche i sanitari del 118 che giunti sul posto hanno trasportato la giovane all'ospedale. La 24enne è stata immediatamente sottoposta ad intervento chirurgico al nosocomio di Caserta. I primi esami hanno riscontrato diverse fratture: una al bacino, altre al torace, con diverse costole interessate. Ma il primo intervento dei chirurghi del Civile riguarderà l’asportazione della milza. 

 

 

Si schiudono le uova di tartaruga, 54 esemplari prendono il largo

È cominciata alle 20.40 di ieri sera, la prima schiusa di uova dal nido di tartarughe Caretta Caretta sulla spiaggia di Cala del Cefalo a Marina di Camerota, in provincia di Caserta. Cinquantaquattro le prime tartarughine venute alla luce che hanno preso il largo percorrendo il lungo corridoio transennato sotto lo sguardo attento dei volontari Enpa che, dopo la richiesta dell’unità di intervento nazionale voluta dal Responsabile Antonio Fascì sta presidiando, unitamente ai biologi della Stazione Zoologica Anton Dhorn, da oltre cinquanta giorni e 24 ore su 24,i lidi di nidificazione  delle Caretta Caretta nel Cilento affinché la schiusa e la corsa verso l’acqua delle piccole tartarughine si compia in maniera naturale. Un percorso lungo ed anche un po’ difficile per i piccoli esserini visto l’improvviso maltempo di ieri sera che ha reso buio l’orizzonte marino e che è stato “messo in luce” artificialmente dai volontari e biologi presenti. Tra stanotte e domani prevista una seconda schiusa. “Odissea e Nessuno”: questi i nomi delle prime due tartarughine venute alla luce ieri sera e così chiamate in ispirazione ai campeggi situati nelle vicinanze del lido che quest’anno, con tutto il Cilento, si conferma luogo preferito da questa specie che in tutto il bacino del Mediterraneo è ormai al limite dell’estinzione nelle acque territoriali italiane a causa dell’impatto delle attività umane sui delicati equilibri degli ecosistemi marini. Già lo scorso sabato 6 agosto si era tenuta una riunione di coordinamento ad Ascea (Sa) a cui avevano partecipato le autorità locali, i volontari Enpa, il coordinatore regionale della Protezione Animali, Massimo Moffa, il commissario della sezione Enpa di Salerno, Nicola Campomorto e i naturalisti della stazione zoologica Anton Dohrn per elaborare nei dettagli tutte le attività che andavano messe in campo in attesa del lieto evento di ieri e ed anche in previsione di quello del prossimo 7 settembre ad Ascea. Questo straordinario spettacolo della natura sta richiamando l'attenzione di tantissime persone che quotidianamente, e in numero sempre maggiore, visitano i siti chiedendo informazioni sulla nascita dei tartarughini. Proprio per sensibilizzare ed informare i cittadini sui temi della tutela delle Caretta Caretta e delle altre tartarughe marine oltre che sulla gestione eco-sostenibile della risorsa mare, nella giornata di ieri, in Piazzetta Simon Bolivar a Marina di Camerota, si è tenuta la manifestazione “la Notte delle Tartarughe” organizzata dall’Enpa, dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e dal Comune con l’Assessorato all’Ambiente.

Mercato San Severino, uccide madre e sorella

MERCATO SAN SEVERINO. Duplice omicidio a Mercato San Severino, nel salernitano. In un appartamento in via Diaz, nei pressi di un ufficio postale, sono state rinvenute cadavere due donne, madre e figlia. L'omicida di 32 anni si chiama Giovanni De Vivo e soffriva di problemi mentali. Le vittime sono la madre Antonietta De Santis, 56 anni, e la sorella Deborah De Vivo, 29enne. Il giovane, dopo aver ucciso le due donne strangolandole, avrebbe tentato di tagliarsi le vene affacciandosi al balcone. A dare l'allarme un vicino di casa, che lo ha visto coperto di sangue. I carabinieri stanno indagando per accertare la dinamica esatta dell'accaduto. Il duplice omicidio è avvenuto in un appartamento al primo piano di una palazzina nel centro di Mercato San Severino, in via Diaz. 

Reggia di Carditello, nuove minacce all'ex ministro Bray

SAN TAMMARO. Una lettera con minacce rivolte all’ex ministro dei Beni culturali, Massimo Bray, è stata ritrovata in una delle sale della Reggia di Carditello mentre l’ex esponente del governo guidato da Enrico Letta era impegnato in un’intervista con una giornalista di Rainews 24. Nella missiva, contenuta in una busta gialla, c’era scritta la frase “ti avevamo detto di non tornare a Carditello altrimenti saresti morto”. Il messaggio non è una novità: già in precedenti lettere minatorie e anonime indirizzate a Bray, l'ultima del febbraio scorso, recapitata alla sede del quotidiano Il Mattino, erano arrivate le minacce. Per questo motivo, l’ex ministro è da oltre un anno sotto scorta e proprio i carabinieri che lo seguono hanno acquisito la lettera che era adagiata su un tavolo.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale