Mercoledì 21 Novembre 2018 - 11:51

Catacombe di San Gennaro, incontro Ravasi-Sepe: verso una soluzione

NAPOLI. "Esistono concrete condizioni per una soluzione che tenga conto delle esigenze istituzionali a garanzia dei diritti e dei doveri delle parti in causa". Questo l'esito di un incontro tenuto a Roma tra il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, e il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli, sul tema delle Catacombe di San Gennaro e di San Gaudioso a Napoli.Il cardinale Sepe era a Roma per l'Assemblea della Conferenza Episcopale Italiana. "Il cardinale Crescenzio Sepe - spiega una nota della Curia partenopea - in questi giorni ha lavorato, nel silenzio, in stretta collaborazione con la Santa Sede perché si individuasse un percorso positivo ed efficace finalizzato al rinnovo della convenzione per una migliore gestione e fruizione della Catacombe di San Gennaro e San Gaudioso".

Abusi edilizi in Penisola Sorrentino, denunce e sequestri

SORRENTO. I carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito una serie di controlli per contrastare l'abusivismo edilizio in penisola sorrentina. A Sorrento sono state denunciate 3 persone, due donne e un uomo proprietari e gestori di una struttura ricettiva in via degli Aranci che avevano abusivamente ampliato i volumi delle stanze dell'immobile sede dell'attività di affittacamere sebbene quest'ultimo fosse già stato sottoposto a sequestro nel maggio del 2016. a Piano di Sorrento, sono stati denunciati una donna e due uomini proprietari di una villa in via Cavone soggetta a vincolo storico e architettonico. Sull'immobile erano stati effettuati lavori in difformità dal permesso a costruire rilasciato dal comune. A Vico Equense denuncia per 4 uomini: 2 sono proprietari e gestori di uno stabilimento balneare, il terzo direttore dei lavori e il quarto rappresentante della ditta esecutrice di lavori. sono coinvolti a vario titolo nella variazione dello stato dei luoghi nei pressi dello stabilimento (modifica di un tratto di strada di circa 100 metri tramite installazione di due rampe in zona sottoposta a vincolo paesaggistico ed ambientale). 

Ortopedici, il napoletano Bova confermato presidente Fimo

NAPOLI. L’ortopedico napoletano Aldo Bova è stato rieletto presidente del Fimo (Fondo integrativo di assistenza sanitaria dei medici ortopedici), durante i lavori del 103esimo congresso nazionale della Siot (Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia), tenutosi a Bari. Primario emerito e direttore della Divisione di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale San Gennaro in Napoli, attualmente ricopre anche la carica di presidente del Forum delle associazioni sociosanitarie cristiane. Con Bova è stato confermato tutto il direttivo uscente: vicepresidente Michele D’Arienzo; tesoriere Carlo Ruosi; consiglieri Paolo Cherubino e Claudio Sarti; revisori dei conti Paolo Emilio Perenze, Pietro Galluccio e Attilio Rota. “Continua l’impegno sull’ampliamento delle prestazioni sanitarie integrative ai nostri associati e alle loro famiglie che, grazie alle partnership con Assidai e Previmedical, abbiamo esteso in tutti Paesi del mondo”, ha detto Bova.

 

Rimozione dell'impianto Esso, piano traffico per via Aniello Falcone

NAPOLI. Per consentire l’esecuzione dei lavori di rimozione dell’impianto di distribuzione di carburanti, dismesso, di proprietà della Soc. “ESSO Italiana s.r.l.”, sito in via Aniello Falcone alt. civ. 332, (Parco Lamaro) è stato istituito a partire da lunedì 19 novembre e fino a mercoledì 21 novembre un particolare dispositivo di traffico. In particolare: senso unico alternato regolato con semafori, dalle ore 7:00 alle ore 18:00; limite di velocità di 20 km/h; 2 attraversamenti pedonali, uno a monte ed uno a valle dell’area interessata dai lavori; sospendere le due aree di fermata dei mezzi pubblici di linea, contrassegnate dalla palina ANM “infostop” n. 3260 (fronte civ. 340 direzione Vomero) e dalla palina ANM “infostop” n. 3268 (altezza civ. 340 in direzione Via Tasso); sospendere gli stalli di sosta per motoveicoli e l’area per le campane della raccolta differenziata della Soc. ASIA Napoli, presenti subito dopo l’area di fermata dei mezzi pubblici di linea contrassegnata dalla palina ANM “infostop” n. 3260, in direzione Vomero; il flusso veicolare da e per l’accesso al civico 332 – parco Lamaro, sarà regolato da movieri.

 

Secondigliano, droga nella cassetta del citofono: un arresto

NAPOLI. Ieri pomeriggio gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Secondigliano hanno arrestato Alessandro Fiore, 27enne napoletano, per il reato di detenzione ai fini spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti, nel corso di un’attività diretta alla prevenzione e contrasto allo spaccio delle sostanze stupefacenti, si sono recati nel rione Berlingieri e hanno notato un giovane confabulare con altre persone. Il 27enne alla vista della Polizia ha cercato di fuggire ma è stato prontamente bloccato dagli agenti. A seguito di un controllo i poliziotti hanno rinvenuto all’interno degli slip del giovane 2 involucri in cellophane contenenti grammi 80 circa di cocaina. Gli agenti hanno esteso il controllo anche nella sua abitazione e hanno rinvenuto, all’interno della cassetta di derivazione dei cavi elettrici del citofono ubicata nell’androne dello stabile, 24 barrette di hashish, per un peso di 65gramm circa, già suddivise in stecche da circa 3 grammi l’una. Fiore è stato arrestato e condotto  presso la Casa Circondariale di Poggioreale.

Camorra, deve scontare 11 anni: uomo del clan colto da malore

MARANO. I carabinieri della Stazione di Marano hanno dato esecuzione a un'ordine di espiazione pena emesso dalla Procura Generale di Napoli a carico di Gaetano Montalto, un 62enne del luogo, affiliato al clan camorristico dei "Polverino". L'uomo, che dovrà scontare la pena residua di 10 anni, 10 mesi e 14 giorni di reclusione per associazione di tipo mafioso, nel ricevere il provvedimento è stato colto da malore venendo trasportato e ricoverato nell'ospedale di Giugliano in stato di piantonamento. 

Abusi sessuali su minore, arrestato collaboratore scolastico

QUALIANO. Un collaboratore scolastico, ritenuto responsabile di una violenza sessuale su un minorenne, è stato arrestato dai carabinieri a Qualiano. Questa mattina, dopo indagini coordinate dalla procura di Napoli Nord, i carabinieri della compagnia di Giugliano  hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip presso il Tribunale di Napoli Nord nei confronti di un 63enne di Qualiano, ritenuto responsabile di abusi sessuali nei confronti del minore. Il provvedimento restrittivo ha avuto origine da una complessa attività d'indagine partita dopo la denuncia presentata ai carabinieri di Qualiano dalla madre del minorenne: le aveva raccontato che quando si recava in bagno era stato ''toccato'' in più occasioni dall'uomo, un collaboratore scolastico nella scuola elementare.

La camorra spara, si riaccende la faida ai Decumani

di Luigi Sannino

NAPOLI. Chi dice che a Napoli nessuno è puntuale né metodico si sbaglia. Quantomeno gli uomini della criminalità organizzata, purtroppo, lo sono lo dimostrano più di una volt all’anno in occasione delle visite istituzionali dei ministri dell’Interno, accolti a suon di sparatorie. E’ sempre successo e anche con Matteo Salvini la musica sinistra e drammatica è stata la stessa, come dimostrano i due gravi episodi accaduti ieri: la “stesa” nel cuore dei Decumani con ben 25 proiettili esplosi in successione fino a centrare la finestra di una ignara casalinga e l’intimidazione a un bar a San Pietro a Patierno a colpi di pistola. Ma che rappre-sentino gesti di sfida alle forze dell’ordine è difficile pensarlo; piuttosto danno il senso di una città mai uscita completamente dall’emergenza camorra, l’unica impermeabile a ogni maggioranza di governo e nono-stante il gran lavoro di inquirenti e investigatori. Probabilmente è il primo problema della città. 

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE

Reparti chiusi e stanze vuote, il San Gennaro dei poveri tra degrado e desolazione

di Antonio Sabbatino

NAPOLI. Una struttura senza più la sua identità, con molti reparti oramai chiusi ed un futuro tutto da decifrare. L’ospedale San Gennaro dei Poveri, nel cuore del Rione Sanità, rappresenta il perfetto esempio della confusione che sembra perennemente regnare nel comparto medico campano, ancora scosso dal caso delle formiche al San Giovanni Bosco. L’esito di un minitour compiuto dal Roma tra i corridoi ai piani alti adesso in disuso del San Gennaro dimostra come dell’immagine del vecchio ospedale sia rimasto ben poco, tra il dispiacere dei medici rimasti ed il rammarico di chi, non sono pochi, è oramai altrove a svolgere la propria attività professionale.

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE

Marijuana sotto al letto, in manette 55enne

MASSA LUBRENSE. Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Sorrento hanno arrestato Antonio Iaccarino, 55enne di Sorrento, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti in seguito ad accurate indagini sono intervenuti presso l’abitazione dell’uomo in Massa Lubrense nella zona di Sant'Agata, dove hanno rinvenuto in un secchio posto sotto il suo letto dell’uomo della marijuana e un bilancino di precisione. L’uomo è stato arrestato, la droga poco meno di 100 grammi è stata sottoposta a sequestro.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici